Lavoro 15 Gennaio 2020

Francia, mille primari si dimettono per «salvare l’ospedale pubblico»

Tagli, turni massacranti e salari bassi i motivi della protesta

Una trentina di primari del Servizio sanitario pubblico francese hanno comunicato le dimissioni di oltre mille di loro colleghi in Francia dalla loro funzione amministrativa. Tutto ciò è avvenuto presso la Facoltà di Medicina di Pitié Salpêtrière, a Parigi. I motivi di un gesto così politicamente forte e senza precedenti sono diversi: dal troppo lavoro («Riteniamo che in 10 anni la produttività sia aumentata del 15% mentre la forza lavoro è aumentata solo del 2%», ha dichiarato uno dei dimissionari), agli stipendi («Quello degli infermieri in Francia è il 28esimo tra i paesi OCSE», spiega un altro), ma in generale tutti concordano su un «deterioramento vertiginoso e senza precedenti che mette a rischio i pazienti e gli operatori sanitari». Si parla di carichi di lavoro che vanno, a volte, dalle 60 alle 80 ore settimanali, il tutto nonostante la grave carenza di materiali e mezzi.

Insieme, i mille dimissionari chiedono un «aumento significativo dei salari» (di almeno 300 euro netti al mese) in modo da raggiungere i salari medi OCSE nel settore e un aumento della spesa sanitaria (mancherebbero circa 600 milioni di euro, oltre ai 200 milioni annunciati dal governo per la sanità pubblica solo poche settimane fa). È stata inoltre chiesta una revisione del metodo di finanziamento e della governance, nonché l’assunzione del personale necessario per migliorare la qualità dell’assistenza e, dunque, la sicurezza del paziente.

Ma in cosa consistono, in sostanza, queste dimissioni? Gli organizzatori spiegano che non avranno conseguenze sulla cura dei pazienti, i quali «non saranno ostaggio delle nostre azioni», spiegano. Anche la formazione degli operatori sanitari continuerà. I dimissionari avvertono tuttavia che d’ora in poi e per tutto il tempo in cui dureranno queste dimissioni (che potrebbero essere revocate in caso di un buon riscontro da parte del Governo) ogni medico sarà individualmente responsabile delle sue azioni e non ci sarà più alcun legame con l’amministrazione in merito alla gestione dei turni di lavoro. I pazienti dovranno dunque fare riferimento direttamente all’amministrazione e non più ai capi dipartimento. A questa mobilitazione dovrebbe seguire una manifestazione ad inizio febbraio e altre forme di protesta forte come questa.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
«La legge sulle 11 ore di riposo degli ospedalieri non viene applicata. A rischio la sicurezza dei pazienti»
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio e componente Esecutivo nazionale
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
«Il riposo deve essere di 11 ore e continuativo anche dopo la reperibilità». Anaao ricorre alla Commissione Europea
Per gli operatori sanitari del Ssn sarebbe stato violato il sistema minimo di tutele della salute e della sicurezza dei lavoratori
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook
Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto gridare, con tutto il fiato che ho in corpo, queste cose a chi “governa” la sanità in Italia ma non è possibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...