Lavoro 28 novembre 2017

Forum Risk Management: «Ecco cosa sta cambiando con la Legge Gelli»

A Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’avvocato Hazan: «Una norma che premia tutti»

«La gestione del rischio in sanità è uno degli aspetti principali della Legge Gelli che riforma la responsabilità degli operatori sanitari. Non si tratta dunque di una norma corporativa: è una norma che premia la sicurezza delle cure e, dunque, premia tutti noi». Così ai nostri microfoni l’avvocato Maurizio Hazan, dello Studio Legale Taurini e Hazan, autore con l’avvocato Daniela Zorzit e l’Onorevole Federico Gelli di un volume, edito da Giuffrè, intitolato “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione”, che rappresenta un approfondito commentario al nuovo dispositivo di legge con riferimenti bibliografici e giurisprudenziali alle singole parti della normativa. In particolare, il volume fa un approfondimento sugli aspetti legati alla prevenzione, sul decisivo ruolo del risk management e sulla parte più complessa che riguarda proprio gli aspetti assicurativi, per le strutture e per gli esercenti le professioni sanitarie.

Sul fondamentale tema della gestione del rischio, dal 28 novembre al primo dicembre è in scena a Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’evento è l’appuntamento di riferimento per il panorama della sanità nazionale, nonché un momento di incontro tra tutti gli operatori del settore.

Professore Hazan, lei è autore di un manuale in cui si intrecciano tutti gli ingredienti che fanno parte della Legge Gelli: l’aspetto giuridico, quello assicurativo e medico. Quanto è importante che ci sia sinergia tra queste tre componenti?

«Sono coautore insieme alla collega Daniela Zorzit e all’Onorevole Federico Gelli di questa impresa titanica, a cui hanno partecipato moltissimi altri autori, che assembla tutte le più importanti professionalità ed esperienze nei vari settori in modo da poter dare un quadro effettivamente esaustivo per quanto possibile di quello che è un impianto normativo straordinario. L’intenzione di questo testo è dunque quello di mettere tutti i tasselli che formano la ratio della nuova legge e cercare di illustrare in maniera sistematica il testo, aspettando ovviamente quelli che saranno gli ulteriori sviluppi della decretazione attuativa. L’idea è quella di mettere insieme i vari fattori su un leitmotiv che è comune, cioè la prevenzione del rischio. È questo il vero epicentro della norma, che in fondo è proprio una norma sul rischio: la prevenzione deve venire prima del risarcimento, e prevenire significa assumersi nuove responsabilità che devono essere ovviamente rese sostenibili in ottica di sistema. Il vestito assicurativo è quello che chiude il cerchio perché dovrebbe proteggere sia il medico da un atteggiamento difensivo esasperato sia il paziente. Questa non è una norma corporativa, non premia assicuratori o medici: è una norma che premia la sicurezza delle cure e, dunque, premia tutti noi. Comunque la decretazione attuativa avrà molto da fare perché il mercato è debole, e l’assicurazione veste anche questa seconda esigenza con l’azione diretta e altri strumenti tecnici che tendono ad assicurare il paziente che ha avuto un danno. Il paziente che ha ricevuto un danno deve avere diritto ad una tasca capiente a cui rivolgersi con sicurezza».

Il manuale è fondamentale per gli addetti ai lavori ma anche per il paziente, per il quale può essere utile anche per orientarsi in quelli che sono il rischio clinico, la prevenzione e il contenzioso.

«Certamente. Diciamo che ci sono alcuni passaggi che sono molto tecnici ma devo dire che il lettore ha la possibilità di spaziare e scegliere un po’ quello che più gli aggrada. Ci sono anche alcuni capitoli che raccontano quali sono le nuove direttrici, quindi possono essere di vero orientamento per tutti, anche per il lettore meno evoluto tecnicamente ma più pronto dal punto di vista culturale».

Articoli correlati
Contenziosi, Roberto Zazza (UIF): «Medici e avvocati troppo spesso ‘vittima’ di cittadini delusi dall’insuccesso. È un problema culturale…»
Parla il Direttore Nazionale Centro Studi UIF: «Troppi contenziosi alimentati strumentalmente. Anche noi avvocati denunciati da clienti che non accettano di perdere…»
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Il ministro Grillo incontra i rappresentanti del Patto delle Società Scientifiche: impegno per accreditamento, linee guida e decreto assicurazioni
Tra gli obiettivi dell'incontro, la piena attuazione della Legge Gelli, l’analisi dell’evoluzione epidemiologica nazionale, la definizione dei criteri per il calcolo dei fabbisogni di personale specialistico, la programmazione delle reti formative post-laurea, l’analisi dei bisogni di informatizzazione e innovazione tecnologica e la definizione degli standard appropriati a sostenere la prevenzione, le cure materno-infantili, le cure oncologiche, le terapie chirurgiche e interventistiche e le cure intensive
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...