Lavoro 28 Novembre 2017

Forum Risk Management: «Ecco cosa sta cambiando con la Legge Gelli»

A Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’avvocato Hazan: «Una norma che premia tutti»

«La gestione del rischio in sanità è uno degli aspetti principali della Legge Gelli che riforma la responsabilità degli operatori sanitari. Non si tratta dunque di una norma corporativa: è una norma che premia la sicurezza delle cure e, dunque, premia tutti noi». Così ai nostri microfoni l’avvocato Maurizio Hazan, dello Studio Legale Taurini e Hazan, autore con l’avvocato Daniela Zorzit e l’Onorevole Federico Gelli di un volume, edito da Giuffrè, intitolato “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione”, che rappresenta un approfondito commentario al nuovo dispositivo di legge con riferimenti bibliografici e giurisprudenziali alle singole parti della normativa. In particolare, il volume fa un approfondimento sugli aspetti legati alla prevenzione, sul decisivo ruolo del risk management e sulla parte più complessa che riguarda proprio gli aspetti assicurativi, per le strutture e per gli esercenti le professioni sanitarie.

Sul fondamentale tema della gestione del rischio, dal 28 novembre al primo dicembre è in scena a Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’evento è l’appuntamento di riferimento per il panorama della sanità nazionale, nonché un momento di incontro tra tutti gli operatori del settore.

Professore Hazan, lei è autore di un manuale in cui si intrecciano tutti gli ingredienti che fanno parte della Legge Gelli: l’aspetto giuridico, quello assicurativo e medico. Quanto è importante che ci sia sinergia tra queste tre componenti?

«Sono coautore insieme alla collega Daniela Zorzit e all’Onorevole Federico Gelli di questa impresa titanica, a cui hanno partecipato moltissimi altri autori, che assembla tutte le più importanti professionalità ed esperienze nei vari settori in modo da poter dare un quadro effettivamente esaustivo per quanto possibile di quello che è un impianto normativo straordinario. L’intenzione di questo testo è dunque quello di mettere tutti i tasselli che formano la ratio della nuova legge e cercare di illustrare in maniera sistematica il testo, aspettando ovviamente quelli che saranno gli ulteriori sviluppi della decretazione attuativa. L’idea è quella di mettere insieme i vari fattori su un leitmotiv che è comune, cioè la prevenzione del rischio. È questo il vero epicentro della norma, che in fondo è proprio una norma sul rischio: la prevenzione deve venire prima del risarcimento, e prevenire significa assumersi nuove responsabilità che devono essere ovviamente rese sostenibili in ottica di sistema. Il vestito assicurativo è quello che chiude il cerchio perché dovrebbe proteggere sia il medico da un atteggiamento difensivo esasperato sia il paziente. Questa non è una norma corporativa, non premia assicuratori o medici: è una norma che premia la sicurezza delle cure e, dunque, premia tutti noi. Comunque la decretazione attuativa avrà molto da fare perché il mercato è debole, e l’assicurazione veste anche questa seconda esigenza con l’azione diretta e altri strumenti tecnici che tendono ad assicurare il paziente che ha avuto un danno. Il paziente che ha ricevuto un danno deve avere diritto ad una tasca capiente a cui rivolgersi con sicurezza».

Il manuale è fondamentale per gli addetti ai lavori ma anche per il paziente, per il quale può essere utile anche per orientarsi in quelli che sono il rischio clinico, la prevenzione e il contenzioso.

«Certamente. Diciamo che ci sono alcuni passaggi che sono molto tecnici ma devo dire che il lettore ha la possibilità di spaziare e scegliere un po’ quello che più gli aggrada. Ci sono anche alcuni capitoli che raccontano quali sono le nuove direttrici, quindi possono essere di vero orientamento per tutti, anche per il lettore meno evoluto tecnicamente ma più pronto dal punto di vista culturale».

Articoli correlati
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Contenzioso legale, Cisterna (Tribunale di Roma): «Trend in aumento, nel 98% dei casi si ricorre ad ATP»
Intervista al Presidente della XIII Sezione Civile Tribunale di Roma: «La Legge Gelli ha introdotto processi più veloci e la gente ha più fiducia in una risposta rapida»
Risk management, gli esperti riuniti in Sapienza: «Serve approccio uniforme sul territorio»
Il professor Fineschi: «Una valutazione dell'operato dei medici 'peer review' servirà al giudice per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...