Lavoro 28 Novembre 2017

Forum Risk Management: «Ecco cosa sta cambiando con la Legge Gelli»

A Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’avvocato Hazan: «Una norma che premia tutti»

«La gestione del rischio in sanità è uno degli aspetti principali della Legge Gelli che riforma la responsabilità degli operatori sanitari. Non si tratta dunque di una norma corporativa: è una norma che premia la sicurezza delle cure e, dunque, premia tutti noi». Così ai nostri microfoni l’avvocato Maurizio Hazan, dello Studio Legale Taurini e Hazan, autore con l’avvocato Daniela Zorzit e l’Onorevole Federico Gelli di un volume, edito da Giuffrè, intitolato “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione”, che rappresenta un approfondito commentario al nuovo dispositivo di legge con riferimenti bibliografici e giurisprudenziali alle singole parti della normativa. In particolare, il volume fa un approfondimento sugli aspetti legati alla prevenzione, sul decisivo ruolo del risk management e sulla parte più complessa che riguarda proprio gli aspetti assicurativi, per le strutture e per gli esercenti le professioni sanitarie.

Sul fondamentale tema della gestione del rischio, dal 28 novembre al primo dicembre è in scena a Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’evento è l’appuntamento di riferimento per il panorama della sanità nazionale, nonché un momento di incontro tra tutti gli operatori del settore.

Professore Hazan, lei è autore di un manuale in cui si intrecciano tutti gli ingredienti che fanno parte della Legge Gelli: l’aspetto giuridico, quello assicurativo e medico. Quanto è importante che ci sia sinergia tra queste tre componenti?

«Sono coautore insieme alla collega Daniela Zorzit e all’Onorevole Federico Gelli di questa impresa titanica, a cui hanno partecipato moltissimi altri autori, che assembla tutte le più importanti professionalità ed esperienze nei vari settori in modo da poter dare un quadro effettivamente esaustivo per quanto possibile di quello che è un impianto normativo straordinario. L’intenzione di questo testo è dunque quello di mettere tutti i tasselli che formano la ratio della nuova legge e cercare di illustrare in maniera sistematica il testo, aspettando ovviamente quelli che saranno gli ulteriori sviluppi della decretazione attuativa. L’idea è quella di mettere insieme i vari fattori su un leitmotiv che è comune, cioè la prevenzione del rischio. È questo il vero epicentro della norma, che in fondo è proprio una norma sul rischio: la prevenzione deve venire prima del risarcimento, e prevenire significa assumersi nuove responsabilità che devono essere ovviamente rese sostenibili in ottica di sistema. Il vestito assicurativo è quello che chiude il cerchio perché dovrebbe proteggere sia il medico da un atteggiamento difensivo esasperato sia il paziente. Questa non è una norma corporativa, non premia assicuratori o medici: è una norma che premia la sicurezza delle cure e, dunque, premia tutti noi. Comunque la decretazione attuativa avrà molto da fare perché il mercato è debole, e l’assicurazione veste anche questa seconda esigenza con l’azione diretta e altri strumenti tecnici che tendono ad assicurare il paziente che ha avuto un danno. Il paziente che ha ricevuto un danno deve avere diritto ad una tasca capiente a cui rivolgersi con sicurezza».

Il manuale è fondamentale per gli addetti ai lavori ma anche per il paziente, per il quale può essere utile anche per orientarsi in quelli che sono il rischio clinico, la prevenzione e il contenzioso.

«Certamente. Diciamo che ci sono alcuni passaggi che sono molto tecnici ma devo dire che il lettore ha la possibilità di spaziare e scegliere un po’ quello che più gli aggrada. Ci sono anche alcuni capitoli che raccontano quali sono le nuove direttrici, quindi possono essere di vero orientamento per tutti, anche per il lettore meno evoluto tecnicamente ma più pronto dal punto di vista culturale».

Articoli correlati
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»
Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»
38° Congresso Acoi, Marini: «Chirurgia sta morendo, serve riforma della formazione»
A Matera il congresso dell’Associazione chirurghi medico ospedalieri. Il ministro Grillo: «Bisogna cambiare la formazione post laurea dei medici che aiuti ad avere un sistema più fluido, come nel resto d'Europa». Presentato il libro "Scienza, Carità, Arte negli antichi Ospedali d'Italia”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...