Lavoro 25 Giugno 2020

Forum Risk e Simedet riuniscono le professioni sanitarie. Da Beux a Mangiacavalli, tutti d’accordo: «Occasione irripetibile per riforma SSN»

Al webinar dal titolo “Le professioni sanitarie nell’era post Covid-19” hanno partecipato esponenti di Ordini, società scientifiche e politici. Messaggio dal Ministro Speranza: «Le professioni sanitarie hanno, ancora una volta, dimostrato di essere una preziosa risorsa nel nostro Paese. Donne e uomini che si sono messi a disposizione del Servizio sanitario nazionale per far fronte alla pandemia»

L’emergenza Covid-19 è una occasione irripetibile per riformare e rendere più efficiente il Sistema Sanitario Nazionale. È la richiesta, pressoché unanime, giunta dai rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie intervenuti nel webinar “Le professioni sanitarie nell’era post Covid-19” promosso dal Forum Risk Management Obiettivo Sanità e Salute di Vasco Giannotti e dalla Simedet, Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica, guidata da Fernando Capuano. Ogni relatore ha provato a raccontare cosa è successo durante l’emergenza Covid e le possibili ricette per migliorare il Servizio sanitario.

Ad impreziosire il convegno un messaggio del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Negli ultimi mesi – scrive Speranza – le professioni sanitarie hanno, ancora una volta, dimostrato di essere una preziosa risorsa nel nostro Paese. Donne e uomini che si sono messi a disposizione del Servizio sanitario nazionale per far fronte alla pandemia, affrontando tutti i rischi legati a questa grave emergenza. A loro va il riconoscimento mio e del ministero della Salute della Salute»

«Al nord è stato quasi applicato il codice di guerra: gli operatori hanno dovuto decidere tra chi intubare e salvare e a chi somministrare la morfina. In un paese come il nostro non avrei mai pensato di arrivare a questo punto» sottolinea il Presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli che ha criticato Gli Stati Generali voluti dal premier Conte: «È stata più una parata, una passerella. Ora voglio vedere quale sarà la proposta operativa. Voglio capire dove vogliono andare».

Tre i punti irrinunciabili per Gelli: permettere alle regioni virtuose di operare in autonomie senza vincoli economici e operare un piano di assunzioni; ripensare le reti ospedaliere, sbloccare l’imbuto formativo e uno scudo penale per gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid.

«Le regioni che riescono a far quadrare i loro bilanci devono poter fare le loro scelte in autonomia. Bisogna fare una campagna seria di assunzioni. Tra qualche decennio gran parte del personale andrà in pensione. Le assunzioni fatte in questo periodo non possono lasciarci soddisfatti: fatte con strumenti emergenziali, non sono strutturali, ogni regione deve fare piano organico di assunzioni» sottolinea l’ex deputato Pd.

Alessandro Beux, Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP, ha invece sottolineato le richieste portate al Presidente del Consiglio Conte durante gli Stati in Generale. In particolare ha posto l’accento su “meritocrazia” e “educazione”: «Bisogna puntare sui più giovani e guardare a un orizzonte lungo. Per questo bisogna definire un programma di educazione sanitaria per formare fin dalle scuole elementari persone responsabili. Non penso ad una materia ad hoc, ma all’interno, ad esempio, di scienze o matematica inserire insegnamenti a un uso responsabile della medicina».

Aumento delle dotazioni organiche e sburocratizzazione sono le parole chiave usate dalla Presidente della Federazione Nazionale dei Chimici e Fisici Nausicaa Orlandi, membro del Comitato Tecnico Scientifico: «Mi aspetto una iniezione di fiducia aumentando le dotazioni organiche di tutti i professionisti» spiega Orlandi che poi chiede una reale sburocratizzazione: «È opportuno che lo Stato applichi il principio di sussidiarietà per ridurre i tempi delle autorizzazione ma anche per accedere alle misure di sostegno: dobbiamo cercare di rendere più veloce il Paese».

Maria Vicario, Presidente della FNOPO, ha ricordato invece l’impegno delle ostetriche per garantire parti in sicurezza durante l’emergenza Covid. «Insieme ad una serie di società scientifiche del ramo materno infantile. Abbiamo elaborato un documento molto semplice per la sicurezza» ha spiegato Vicario: «Abbiamo cambiato il modo di approcciare i controlli clinici e strumentali contenuti nelle linee guida per la gravidanza fisiologica del 2010 e, tra le altre cose, abbiamo ribadito l’importanza delle vaccinazioni in gravidanza: vedere un neonato avere una pertosse perché la mamma non si è vaccinata è destabilizzante».

Le ostetriche hanno anche sostituito i corsi di accompagnamento al parto in presenza con corsi online videoregistrati o in diretta tramite videochat. «Abbiamo notato un incremento delle richieste del parto a domicilio: le donne non erano consce di avere un percorso in sicurezza. Ai partner non è stata negata la presenza durante il parto e il travaglio» ha specificati ancora Vicario.

LEGGI ANCHE TEST MEDICINA 2020, ECCO DATE, SCADENZE E MATERIE. PER IL COVID-19, NOVITA’ SULLE SEDI IN CUI SI SVOLGERA’ LA PROVA

Tra i relatori anche David Lazzari, Presidente del CNOP, il Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, che ha accolto la proposta giunta sia da Antonio Panti, FNOMCeO, che da Laila Perciballi, referente del progetto Codice Etico della FNO TSRM e PSTRP, di un “prologo deontologico comune a tutte le professioni sanitarie: «Sarebbe bello se potessimo condividere alcuni principi fondamentale di deontologia» sottolinea Lazzari, secondo il quale il Sistema «deve ampliare lo sguardo. La crisi pandemica ci deve insegnare qualcosa e accelerare quel cambiamento sempre invocato. La cronicità, ad esempio, è una sfida: la maggior parte dei problemi di salute sono problemi legati alla malattia cronica dove la persona deve essere protagonista del suo problema di salute. La prospettiva relazionale e del team multidisciplinare diventa strategica».

Lazzari ha ricordato la sua esperienza da responsabile del Servizio e poi della SC di Psicologia Ospedaliera dell’Azienda Ospedaliera “S.Maria” di Terni: «Dirigo un servizio ospedaliero e ho sempre lavorato a fianco degli altri operatori sanitari, per questo la strada della Consulta delle professioni sanitarie è quella giusta».

Antonio Panti, membro della Commissione Nazionale Deontologia della FNOMCeO, ha invece contestato la scelta del Ministro dell’Università Gaetano Manfredi di aumentare il numero dei posti alla facoltà di Medicina per il prossimo anno accademico: «È una decisione scriteriata, in futuro serviranno sempre meno medici e, ad esempio, sempre più infermieri. Eppure il numero di questi ultimi resta invariato mentre si aumentano gli accessi a Medicina. Più che lo slogan “andrà tutto bene” dovremmo dire “andrà tutto casualmente” perché non c’è una progettazione ragionata».

Anche Fernando Capuano, Presidente della Simedet e moderatore dell’evento, ha posto l’accento sulla necessità di un Codice Etico comune: «Si lavori per il Codice Etico unico proposto dalla Federazione Nazionale Ordini TSRM e PSTRP e per una formazione multidisciplinare e multiprofessionale nel percorso di formazione universitaria».

Tanti e qualificati i relatori all’evento: oltre a quelli già citati sono intervenuti la Presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli, il Presidente FNOVI Gaetano Penocchio, il Professore Associato di Patologia clinica dell’Università Campus Bio-Medico di Roma Silvia Angeletti, il direttore della UOC Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma Massimo Andreoni, l’ex Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il Presidente dell’Italian Network for Safety in Health Care Riccardo Tartaglia, il vicepresidente della Simedet Manuel Monti, il Presidente della CdA dei Tecnici di Laboratorio di Roma e Provincia Paolo Casalino, il membro del Cogeaps Sergio Bovenga, la Direttrice del Pronto Soccorso del San Giovanni Addolorata di Roma Maria Pia Ruggieri, l Direttore Anestesia e Rianimazione del Campus Biomedico di Roma, Felice Eugenio Agrò, Gregorio Cosentino, Domenico Crisarà, Francesco Saverio Proia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
L’Africa ha “schivato” il Coronavirus? Le spiegazioni degli esperti
I numeri ormai lo dimostrano: il continente ha meno casi e meno malati. Quali le ragioni? Gli studiosi si interrogano
di Tommaso Caldarelli
Spreco alimentare ai tempi del Covid-19, Sorice (Simevep): «Tonnellate di eccedenze da stop ristorazione»
Oggi si celebra la prima Giornata mondiale per la consapevolezza sullo spreco e le perdite alimentari, proclamata dalle Nazioni Unite. Il Presidente della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva: «Il tracollo del settore sarebbe stato una disfatta se non si fosse pensato a recuperare quanto stoccato nei magazzini e pronto per essere utilizzato»
Covid 19 e malattie croniche: indagine on line Regione Lazio-Ordine degli Psicologi a supporto dei pazienti
L’obiettivo della survey è quello di comprendere, nel nuovo quadro pandemico, se e come sia mutata la loro percezione delle diverse dimensioni della malattia: dal grado di auto-efficacia al rapporto con il team curante, fino alla gestione dell’aderenza alle terapie
Un milione di morti per Covid-19. Le storie simbolo della pandemia
Il numero di decessi da coronavirus è arrivato a un milione. L'Oms avverte del pericolo di raddoppiare la cifra. Qui cinque storie simboliche delle persone che abbiamo perso nella lotta contro il virus
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...