Lavoro 8 Febbraio 2019

Formazione ECM, Consulcesi&Partners: «Diligenza del medico si misura con aggiornamento. Camici bianchi formati subiscono 40% in meno di cause»

L’avvocato Francesco Del Rio, partner del network legale in prima linea nella difesa dei medici, ha presentato la proposta dell’Arbitrato della Salute, una camera di conciliazione per la risoluzione delle controversie medico-paziente: «La mediazione è la strada maestra che ci ha indicato l’Europa»

Immagine articolo

«Il medico formato e aggiornato è il medico che sa meglio tutelare sé stesso di fronte a un problema di responsabilità professionale». L’avvocato Francesco Del Rio, del network legale Consulcesi&Partners, spiega ai microfoni di Sanità Informazione l’importanza della formazione continua ECM anche sul versante della responsabilità professionale. Del Rio ha illustrato la proposta di legge per istituire l’Arbitrato della Salute, presentato al Ministero della Salute alla presenza dei vertici della sanità italiana. L’idea è quella di istituire un luogo di confronto, e non di contrapposizione, per la risoluzione delle controversie medico-paziente: nei nostri tribunali sono ben 300mila le cause di questo tipo pendenti. Ma l’altro tema al centro della conferenza è stato quello dell’ aggiornamento ECM, strumento indispensabile per ridurre il rischio sanitario e, di conseguenza, i contenziosi. Secondo i dati Consulcesi, infatti, i medici correttamente formati incorrono nel 40% in meno di cause.

Avvocato, al Ministero della Salute avete proposto una soluzione concreta, un Arbitrato della Salute, che snellisca questo contenzioso che, abbiamo visto, ha numeri enormi…

«Sì, oggi abbiamo presentato questa proposta che diventerà un Disegno di legge. Prevede una sorta di stanza di compensazione, anche se è un termine atecnico, in cui tutte le parti che generalmente vengono coinvolte, direttamente o indirettamente, da un caso di malpractice medica, possano partecipare per poter trovare una soluzione condivisa sia da un punto di vista economico che da un punto di vista di ricostruzione del rapporto tra l’operatore sanitario ‘incriminato’ e il paziente che abbia subito un danno».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, INCONTRO AL MINISTERO DELLA SALUTE: «DIALOGO E FORMAZIONE LA RICETTA DELLE ISTITUZIONI»

Il dato fa un po’ impressione: 35mila cause all’anno ma il 95% di quelle penali e il 66% di quelle civili finisce con la vittoria del medico…

«Sì, questi sono i numeri di un contenzioso che ahimè riguarda e coinvolge il medico ma anche i pazienti. Si sta in causa in due. Quindi per tutto questo tempo rimarranno legati a un rapporto giudiziario che spesso e volentieri è molto oneroso da un punto di vista economico ma anche da un punto di vista psicologico per entrambe le parti».

Come Consulcesi&Partners avete sostenuto l’idea che cittadini e medici dialoghino perché l’errore è possibile e quindi anche il diritto del cittadino, come ricordava Cittadinanzattiva, di agire in giudizio. Prima di farlo, magari sobillati da campagne stampa, va però fatta una mediazione…

«La mediazione è la strada maestra che ci ha indicato l’Europa e quindi è quella che dovrà essere seguita necessariamente, non si può più tornare indietro. Io sono stato coinvolto nel progetto di Consulcesi&Partners perché ha cercato di trovare le migliori professionalità in ambito di responsabilità sanitaria e assicurativa per poter dare ai medici e a tutti gli operatori sanitari la migliore tutela penale, civile e amministrativa in questi casi. Su quello noi abbiamo ormai acquisito una professionalità piuttosto importante».

LEGGI LO SPECIALE “BASTA ODIO”

Per concludere, il presidente facente funzione Agenas ha sollevato il problema della formazione. Chiaramente i dati presentati qui dimostrano che il medico formato correttamente e aggiornato incorre meno in errori…

«Il medico formato e aggiornato è il medico che sa meglio tutelare sé stesso di fronte a un problema di responsabilità professionale. Voglio ricordare che la Cassazione dice da 20 anni che il medico su cui bisogna parametrare la diligenza è il medico bravo. Per bravo si intende il medico aggiornato, che segue i convegni, che verifica tutte le ipotesi, che studia, che approfondisce attraverso corsi di perfezionamento della sua materia».

Articoli correlati
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Sindacati, Anpo-Ascoti-Fials aderisce ad accordo con Cimo-Fesmed: nasce il Patto per la professione medica
Il raggruppamento, con 19mila iscritti, si avvia ad essere il sindacato dei medici dipendenti pubblici e privati più rappresentativo. Presidente designato Guido Quici: «Un soggetto sindacale più forte e unito per i medici ci aiuterà a sostenere una maggiore attenzione ai giovani e al futuro della sanità pubblica»
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Carenza medici, Tuzi (M5S): «Con noi record di borse di specializzazione. Viceministro Fioravanti al lavoro per soluzione»
In una interpellanza urgente al viceministro del Miur, Lorenzo Fioramonti, il deputato Cinque Stelle, che ha ricevuto garanzia da parte del viceministro Miur Fioramonti, ha sottolineato: «Il prossimo anno ci saranno 24mila potenziali nuovi candidati e il sistema Universitario attualmente non è in grado di formare più di 11mila medici, va fatto un cambio di passo»
ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità
Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...