Lavoro 8 Febbraio 2019

Formazione ECM, Consulcesi&Partners: «Diligenza del medico si misura con aggiornamento. Camici bianchi formati subiscono 40% in meno di cause»

L’avvocato Francesco Del Rio, partner del network legale in prima linea nella difesa dei medici, ha presentato la proposta dell’Arbitrato della Salute, una camera di conciliazione per la risoluzione delle controversie medico-paziente: «La mediazione è la strada maestra che ci ha indicato l’Europa»

Immagine articolo

«Il medico formato e aggiornato è il medico che sa meglio tutelare sé stesso di fronte a un problema di responsabilità professionale». L’avvocato Francesco Del Rio, del network legale Consulcesi&Partners, spiega ai microfoni di Sanità Informazione l’importanza della formazione continua ECM anche sul versante della responsabilità professionale. Del Rio ha illustrato la proposta di legge per istituire l’Arbitrato della Salute, presentato al Ministero della Salute alla presenza dei vertici della sanità italiana. L’idea è quella di istituire un luogo di confronto, e non di contrapposizione, per la risoluzione delle controversie medico-paziente: nei nostri tribunali sono ben 300mila le cause di questo tipo pendenti. Ma l’altro tema al centro della conferenza è stato quello dell’ aggiornamento ECM, strumento indispensabile per ridurre il rischio sanitario e, di conseguenza, i contenziosi. Secondo i dati Consulcesi, infatti, i medici correttamente formati incorrono nel 40% in meno di cause.

Avvocato, al Ministero della Salute avete proposto una soluzione concreta, un Arbitrato della Salute, che snellisca questo contenzioso che, abbiamo visto, ha numeri enormi…

«Sì, oggi abbiamo presentato questa proposta che diventerà un Disegno di legge. Prevede una sorta di stanza di compensazione, anche se è un termine atecnico, in cui tutte le parti che generalmente vengono coinvolte, direttamente o indirettamente, da un caso di malpractice medica, possano partecipare per poter trovare una soluzione condivisa sia da un punto di vista economico che da un punto di vista di ricostruzione del rapporto tra l’operatore sanitario ‘incriminato’ e il paziente che abbia subito un danno».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, INCONTRO AL MINISTERO DELLA SALUTE: «DIALOGO E FORMAZIONE LA RICETTA DELLE ISTITUZIONI»

Il dato fa un po’ impressione: 35mila cause all’anno ma il 95% di quelle penali e il 66% di quelle civili finisce con la vittoria del medico…

«Sì, questi sono i numeri di un contenzioso che ahimè riguarda e coinvolge il medico ma anche i pazienti. Si sta in causa in due. Quindi per tutto questo tempo rimarranno legati a un rapporto giudiziario che spesso e volentieri è molto oneroso da un punto di vista economico ma anche da un punto di vista psicologico per entrambe le parti».

Come Consulcesi&Partners avete sostenuto l’idea che cittadini e medici dialoghino perché l’errore è possibile e quindi anche il diritto del cittadino, come ricordava Cittadinanzattiva, di agire in giudizio. Prima di farlo, magari sobillati da campagne stampa, va però fatta una mediazione…

«La mediazione è la strada maestra che ci ha indicato l’Europa e quindi è quella che dovrà essere seguita necessariamente, non si può più tornare indietro. Io sono stato coinvolto nel progetto di Consulcesi&Partners perché ha cercato di trovare le migliori professionalità in ambito di responsabilità sanitaria e assicurativa per poter dare ai medici e a tutti gli operatori sanitari la migliore tutela penale, civile e amministrativa in questi casi. Su quello noi abbiamo ormai acquisito una professionalità piuttosto importante».

LEGGI LO SPECIALE “BASTA ODIO”

Per concludere, il presidente facente funzione Agenas ha sollevato il problema della formazione. Chiaramente i dati presentati qui dimostrano che il medico formato correttamente e aggiornato incorre meno in errori…

«Il medico formato e aggiornato è il medico che sa meglio tutelare sé stesso di fronte a un problema di responsabilità professionale. Voglio ricordare che la Cassazione dice da 20 anni che il medico su cui bisogna parametrare la diligenza è il medico bravo. Per bravo si intende il medico aggiornato, che segue i convegni, che verifica tutte le ipotesi, che studia, che approfondisce attraverso corsi di perfezionamento della sua materia».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Fondazione Italia In Salute: «Nelle regioni dov’è applicata la legge Gelli diminuiscono i contenziosi»
Presentati alla Camera i primi dati sull’applicazione della legge. Federico Gelli: «Quello che ci sembra interessante è l’andamento tendenziale: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini. Questo mi sembra il primo risultato». Dal report emergono diseguaglianze tra regioni
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Formazione continua, David Sassoli (Pd): «Europa in campo per incentivare e premiare medici in regola con obbligo Ecm»
Il Vice Presidente del Parlamento Ue, in visita alla sede romana del gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici ex specializzandi che ancora aspettano giustizia dallo Stato italiano: «È un diritto che dev’essere riconosciuto, il tema della mediazione giuridica credo che sia l’unico che possa consentire giustizia». Poi sottolinea l’esigenza di avere «un’Europa più forte» ma che sia arricchita dalle «buone pratiche italiane»
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...