Lavoro 25 Luglio 2018 16:19

Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»

“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni

di Isabella Faggiano

Medici, infermieri, tecnici e impiegati amministrativi. All’Ime, l’Istituto Mediterraneo di Ematologia, sono tutti a rischio. Il destino di trenta professionisti è appeso ad un filo. Una situazione che mette in bilico non sono le famiglie dei lavoratori, che dovranno tirare avanti senza uno stipendio a fine mese, ma anche la salute di tanti piccoli pazienti a cui saranno negate le cure». È Marco Porciello, Infermiere dell’Ime, rappresentante sindacale aziendale della Cisl Fp, a descrivere le inevitabili conseguenze della definitiva chiusura dell’Istituto.

Oggi, i lavoratori dell’Ime sono scesi in piazza, davanti al ministero della Salute, per protestare contro “l’ingiustificabile” chiusura dell’Istituto e per chiedere ai ministeri soci della Fondazione – ministero della Salute, degli Esteri e Mef –  e alla Regione Lazio, di impegnarsi affinché tutti questi professionisti possano essere ricollocati altrove.

Il no al licenziamento è unanime: la manifestazione ha ricevuto il sostegno di Cgil Fp Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio, Uil Fpl Roma e Lazio, Cisl Medici, Uil Medici e Anaoo Assomed. «Ministeri e Regione Lazio – hanno sottolineato i sindacati – hanno improvvisamente deciso di cancellare un Istituto prestigioso con all’attivo 320 trapianti allogenici di piccoli pazienti, provenienti da 39 paesi».

La chiusura dell’Ime non avrebbe conseguenze solo sulle operazioni di trapianto: «l’Istituto Mediterraneo di Ematologia – ha spiegato Marta Barbagallo,  impiegata amministrativa dell’Ime e rappresentante sindacale aziendale della Cisl fp – è un’eccellenza anche nel campo della formazione. Da 15 anni prepara al meglio professionisti provenienti da ogni parte del mondo».

Ma non è tutto: Ime significa anche accoglienza. «L’Istituto – ha continuato Barbagallo – è un vero strumento di politica estera.  Grazie a numerose cooperazioni sanitarie internazionali abbiamo accolto bambini malati, soprattutto del medio-oriente, fornendo non solo cura, ma anche una presa in carico totale del paziente e della sua famiglia».

Una missione che l’Istituto ha cercato di portare avanti fin dalla sua fondazione.  Quegli anni, Michela Ribersani, ematologo dell’Ime e rappresentante Anaoo Assomed, li ricorda bene: «l’Istituto è stato inaugurato nel 2003 ed io ho cominciato a lavorarvi immediatamente dopo la mia specializzazione, nel 2006. Sono stati investiti moltissimi soldi pubblici per lo sviluppo di un progetto ambizioso che è diventato realtà. È stato un punto di riferimento nazionale ed internazionale per le cure delle malattie ematologiche, grazie alla collaborazione delle università romane Torvergata e Sapienza. Ma purtroppo, ancora una volta, questi investimenti si sono trasformati in uno spreco di denaro: soldi pubblici utilizzati anche per formare delle professionalità che ora verranno gettate via».

La protesta di questa mattina è solo l’ennesimo tentativo di dialogo con le Istituzioni:«la mobilitazione dei lavoratori dura già da qualche mese – ha spiegato Marta Barbagallo – Le procedure di licenziamento sono state avviate il 29 maggio e dovrebbero terminare entro la metà di agosto, con l’invio delle lettere di licenziamento».

E se il peggio dovesse davvero accadere, per alcuni sarebbe solo l’epilogo di una catastrofe annunciata: «oggi a rischio ci sono 30 posti di lavoro – ha continuato Marco Porciello – ma soltanto due anni fa di professionisti all’Ime se ne contavano almeno settanta. La metà di questi, nel corso degli ultimi 24 mesi, ha cercato lavoro altrove, proprio temendo un licenziamento collettivo. E pur di non affrontare quel calvario con cui noi oggi stiamo facendo i conti e che ci ha portato a manifestare in piazza, hanno preferito posti di lavoro a tempo determinato, accettando il precariato come compromesso».

Una sorte diversa, più  fortunata, invece, pare sia toccata ai tecnici ed ai biologi del laboratorio di immunogenetica dell’Ime: «abbiamo appreso – ha commentato Marta Barbagallo – che gli otto dipendenti del laboratorio hanno ottenuto un nuovo lavoro all’ospedale Bambino Gesù, dal prossimo primo agosto».

In altre parole, sono stati “ricollocati”. Ed è questa l’opportunità che vorrebbero avere tutti gli altri lavoratori. «Lotteremo fino alla fine per il riconoscimento dei nostri diritti professionali e, se necessario – ha concluso Barbagallo – torneremo di nuovo in piazza».

Articoli correlati
Trapianti: nuove speranze da fegato di maiale attaccato esternamente al corpo umano
Un team del chirurghi dell’Università della Pennsylvania ha attaccato esternamente il fegato di un maiale a un corpo umano cerebralmente morto e lo hanno osservato filtrare con successo il sangue. Si tratta di un passo in avanti verso la possibilità di provare la stessa tecnica anche in pazienti con insufficienza epatica
Anemia da malattia renale cronica, un peso da alleggerire
Promuovere la conoscenza dell'Anemia, fare una diagnosi tempestiva, gestire il paziente con malattia renale cronica in maniera multidisciplinare, realizzare una presa in carico in maniera omogenea sul territorio e monitorare l'Anemia lungo tutto il percorso del paziente sono le proposte per salvaguardare qualità di vita delle persone con Anemia da malattia renale cronica.
Tumori: in Italia 1740 associazioni di pazienti e caregiver, numero 1 in Europa
Oltre 1.740 associazioni oncologiche di pazienti e caregiver censite in Italia solo nel 2023. Il nostro paese detiene dunque il record europeo in proporzione al numero di abitanti. Sono i dati «di capillarità» del primo Libro Bianco sul mondo del volontariato oncologico, promosso e redatto da ROPI
Il CNT operativo compie 10 anni. In Italia 1 trapianto ogni 2 ore e mezza
Compie dieci anni il CNT operativo, la struttura del Centro nazionale trapianti attiva 24 ore su 24 che si occupa dell’assegnazione degli organi e del coordinamento dei prelievi per tutti i programmi nazionali di trapianti. Alla cerimonia ha preso parte il ministro della Salute Orazio Schillaci
Fondazione IME, al via il bando per l’assegnazione del patrimonio risparmiato
È stato pubblicato dalla Prefettura di Roma il bando per l’individuazione di tre fondazioni a cui devolvere il patrimonio della Fondazione Istituto Mediterraneo di Ematologia (IME), liquidata in tempi record dal Commissario Francesco Friolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...