Lavoro 25 Luglio 2018

Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»

“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni

di Isabella Faggiano

Medici, infermieri, tecnici e impiegati amministrativi. All’Ime, l’Istituto Mediterraneo di Ematologia, sono tutti a rischio. Il destino di trenta professionisti è appeso ad un filo. Una situazione che mette in bilico non sono le famiglie dei lavoratori, che dovranno tirare avanti senza uno stipendio a fine mese, ma anche la salute di tanti piccoli pazienti a cui saranno negate le cure». È Marco Porciello, Infermiere dell’Ime, rappresentante sindacale aziendale della Cisl Fp, a descrivere le inevitabili conseguenze della definitiva chiusura dell’Istituto.

Oggi, i lavoratori dell’Ime sono scesi in piazza, davanti al ministero della Salute, per protestare contro “l’ingiustificabile” chiusura dell’Istituto e per chiedere ai ministeri soci della Fondazione – ministero della Salute, degli Esteri e Mef –  e alla Regione Lazio, di impegnarsi affinché tutti questi professionisti possano essere ricollocati altrove.

Il no al licenziamento è unanime: la manifestazione ha ricevuto il sostegno di Cgil Fp Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio, Uil Fpl Roma e Lazio, Cisl Medici, Uil Medici e Anaoo Assomed. «Ministeri e Regione Lazio – hanno sottolineato i sindacati – hanno improvvisamente deciso di cancellare un Istituto prestigioso con all’attivo 320 trapianti allogenici di piccoli pazienti, provenienti da 39 paesi».

La chiusura dell’Ime non avrebbe conseguenze solo sulle operazioni di trapianto: «l’Istituto Mediterraneo di Ematologia – ha spiegato Marta Barbagallo,  impiegata amministrativa dell’Ime e rappresentante sindacale aziendale della Cisl fp – è un’eccellenza anche nel campo della formazione. Da 15 anni prepara al meglio professionisti provenienti da ogni parte del mondo».

Ma non è tutto: Ime significa anche accoglienza. «L’Istituto – ha continuato Barbagallo – è un vero strumento di politica estera.  Grazie a numerose cooperazioni sanitarie internazionali abbiamo accolto bambini malati, soprattutto del medio-oriente, fornendo non solo cura, ma anche una presa in carico totale del paziente e della sua famiglia».

Una missione che l’Istituto ha cercato di portare avanti fin dalla sua fondazione.  Quegli anni, Michela Ribersani, ematologo dell’Ime e rappresentante Anaoo Assomed, li ricorda bene: «l’Istituto è stato inaugurato nel 2003 ed io ho cominciato a lavorarvi immediatamente dopo la mia specializzazione, nel 2006. Sono stati investiti moltissimi soldi pubblici per lo sviluppo di un progetto ambizioso che è diventato realtà. È stato un punto di riferimento nazionale ed internazionale per le cure delle malattie ematologiche, grazie alla collaborazione delle università romane Torvergata e Sapienza. Ma purtroppo, ancora una volta, questi investimenti si sono trasformati in uno spreco di denaro: soldi pubblici utilizzati anche per formare delle professionalità che ora verranno gettate via».

La protesta di questa mattina è solo l’ennesimo tentativo di dialogo con le Istituzioni:«la mobilitazione dei lavoratori dura già da qualche mese – ha spiegato Marta Barbagallo – Le procedure di licenziamento sono state avviate il 29 maggio e dovrebbero terminare entro la metà di agosto, con l’invio delle lettere di licenziamento».

E se il peggio dovesse davvero accadere, per alcuni sarebbe solo l’epilogo di una catastrofe annunciata: «oggi a rischio ci sono 30 posti di lavoro – ha continuato Marco Porciello – ma soltanto due anni fa di professionisti all’Ime se ne contavano almeno settanta. La metà di questi, nel corso degli ultimi 24 mesi, ha cercato lavoro altrove, proprio temendo un licenziamento collettivo. E pur di non affrontare quel calvario con cui noi oggi stiamo facendo i conti e che ci ha portato a manifestare in piazza, hanno preferito posti di lavoro a tempo determinato, accettando il precariato come compromesso».

Una sorte diversa, più  fortunata, invece, pare sia toccata ai tecnici ed ai biologi del laboratorio di immunogenetica dell’Ime: «abbiamo appreso – ha commentato Marta Barbagallo – che gli otto dipendenti del laboratorio hanno ottenuto un nuovo lavoro all’ospedale Bambino Gesù, dal prossimo primo agosto».

In altre parole, sono stati “ricollocati”. Ed è questa l’opportunità che vorrebbero avere tutti gli altri lavoratori. «Lotteremo fino alla fine per il riconoscimento dei nostri diritti professionali e, se necessario – ha concluso Barbagallo – torneremo di nuovo in piazza».

Articoli correlati
Leucemie, i punti fermi dell’AIL secondo Viganò (RomAIL): «Ricerca scientifica, assistenza domiciliare e formazione permanente dei volontari»
Quest'anno, l'AIL celebra 50 anni e festeggia questa importante ricorrenza con una serie di appuntamenti che ripercorrono le tappe della sua storia. Tra questi, l'incontro ”La Scelta Volontaria – Riflessioni sul Volontariato” che si è svolto a Roma presso la Residenza di Ripetta, dove abbiamo incontrato la presidente di RomAIL Maria Luisa Rossi Viganò
MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»
«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Trapianto fegato-rene in due momenti diversi, al Niguarda il primo in Italia. De Carlis: «Intervento complesso, ecco come abbiamo fatto»
Il direttore dell’equipe della chirurgia generale e dei trapianti diretta dell’ospedale milanese racconta a Sanità Informazione la difficile operazione su una donna affetta da malattia policistica: «Scelta obbligata, la donna era in ipotermia. L’organo pesava intorno ai 13/14 chilogrammi». Il rene tenuto in funzione da una macchina di perfusione
di Federica Bosco
Giornata donazione organi, Grillo: «Fieri dell’Italia che dice sì». Parte lo spot televisivo con il comico Lillo
Nello spot per la campagna di comunicazione su donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule il comico Lillo e l'attrice Rossella Schiuma, ricordano che si può esprimere la propria dichiarazione di volontà anche in Comune, al momento del rilascio o rinnovo della carta d'identità. Nel 2019 le dichiarazioni hanno superato i 5 milioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...