Lavoro 2 Aprile 2021 16:50

Fnopi, Barbara Mangicavalli confermata presidente fino al 2024

Confermata presidente Fnopi per il quadriennio 21-24 Barbara Mangiacavalli. Vicepresidente Cosimo Cicia. Rinnovate le Commissioni d’Albo di infermieri e infermieri pediatrici

Fnopi, Barbara Mangicavalli confermata presidente fino al 2024

Barbara Mangiacavalli è stata confermata dai nuovi eletti nel Comitato centrale della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), presidente per il prossimo quadriennio 2021-2024. L’elezione è avvenuta all’unanimità, così come la scelta delle cariche che guideranno la Federazione degli oltre 454mila infermieri presenti in Italia fino al 2024: vicepresidente Cosimo Cicia, segretaria nazionale Beatrice Mazzoleni, tesoriere Pier Paolo Pateri.

L’assemblea degli ordini provinciali aveva votato lo scorso weekend i quindici rappresentanti – secondo la legge 3/2028 – del Comitato centrale FNOPI. Ne fanno parte oltre ai consiglieri già citati i presidenti di ordine: Giancarlo Cicolini (Chieti), Nicola Draoli (Grosseto), Carmelo Gagliano (Genova), Pietro Giurdanella (Bologna), Maria Cristina Magnocavallo (Campobasso Isernia), Stefano Moscato (Vibo Valentia), Luigi Pais Dei Mori (Belluno), Antonio Scarpa (Brindisi), Massimiliano Sciretti (Torino), Carmelo Spica (Catania) e Maurizio Zega (Roma). Sono revisori dei conti i presidenti: Salvatore Occhipinti (Agrigento), Gennaro Scialò (Frosinone) e Raffaele Secci (Oristano, revisore supplente)

Eletti anche i due organismi previsti sempre dalla legge 3/2018, la Commissione d’Albo degli infermieri e quella degli infermieri pediatrici. Le commissioni d’albo si occuperanno delle procedure di iscrizione dei nuovi infermieri – sempre secondo la legge 3/2018 -, di eseguire i provvedimenti disciplinari, di una serie di funzioni gestionali e di supportare le altre istituzioni nello studio e l’attuazione di provvedimenti che riguardano la professione.

Mangiacavalli: «Unicità, Universalità e Solidarismo prima di tutto»

«I valori della professione infermieristica in cui questa squadra si riconosce – ha commentato Barbara Mangiacavalli – sono gli stessi che animano il nostro Ssn e che insieme costituiscono la cornice etica, deontologica e sociale da perseguire. L’Unicità, l’Universalità ed il Solidarismo prima di tutto. In questi valori dobbiamo riconoscerci e farci riconoscere, in quanto essenziali e prioritari per risposte eque ed appropriate ai nostri cittadini, senza alcuna distinzione sociale, di genere, di orientamento della sessualità, etnica, religiosa e culturale. Ma i nostri valori sono anche l’inclusività, l’ascolto, la partecipazione e la resilienza da cui il nostro logo origina. Resilienza intesa come capacità di gestire i cambiamenti, lo sviluppo e le incertezze».

«Questi valori – ha concluso – devono trovare realizzazione secondo i principi che la normativa ordinistica ben riconosce: autonomia, responsabilità, indipendenza, ma anche coerenza e profilo istituzionale nel nostro essere sussidiari allo Stato italiano. Un’azione che può realizzarsi solo con evidenze e studio senza recriminazioni sterili e non supportate».

I punti cardine secondo il nuovo Comitato centrale Fnopi

Sei i punti cardine indicati dal nuovo Comitato centrale FNOPI su cui si lavorerà nel prossimo quadriennio:

  • rendere stabile e attuale il concetto di specificità infermieristica;
  • realizzare una revisione e sviluppo qualitativo e quantitativo dei programmi dei percorsi di base e post base;
  • valorizzata l’identità professionale con interventi sugli studi per il dimensionamento degli organici di personale infermieristico nel medio periodo;
  • consolidare l’azione politica professionale a tutti i livelli per la prosecuzione dell’impegno nei tavoli istituzionali;
  • rafforzare la rete di collaborazione con le forme di associazione comunitaria quali Osservatori e le Consulte dei pazienti e dei cittadini ed elle Associazioni e Società Scientifiche;
  • sostenere e accompagnare gli Ordini Provinciali e le Commissioni di albo infermieri e infermieri pediatrici nella piena applicazione della legge 3/2018 e nel ruolo di rappresentanza politico.

Gli eletti nelle Commissioni

Sono stati eletti nella Commissione d’albo degli infermieri: Franco Vallicella (Presidente OPI Verona), presidente; Stefano Giglio (Presidente OPI Udine), vicepresidente; Irene Rosini (Presidente OPI Pescara), segretaria; Maria Genesi (Presidente OPI Piacenza); Giovanni Grasso (Presidente OPI Arezzo); Laure Morganti (Presidente OPI Ascoli Piceno); Stefania Pace (Presidente OPI Brescia); Daniel Pedrotti (Presidente OPI Trento); Teresa Rea (Presidente OPI Napoli).

Nella Commissione d’Albo degli infermieri Pediatrici fanno parte: Laura Barbotto (Presidente COAP OPI Cuneo), presidente; Maria Grazia Proietti (Presidente COAP OPI Roma), vicepresidente; Angela Capuano (OPI Napoli), segretaria; Franca Crevatin (Presidente COAP OPI Trieste); Immacolata Dall’Oglio (Vice-Coordinatore PNAE, Paediatric Nursing Associations of Europe); Grazia Impellitteri (Presidente COAP OPI Palermo); Assunta Susy Ranieri (Presidente COAP OPI Catanzaro); Silvia Rossi (Presidente COAP OPI Genova); Daniela Alessandra Zimermann (Presidente COAP Milano Lodi Monza Brianza).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata vittime Covid, Fnopi: «D’accordo con Schillaci, ora la priorità è investire sul capitale umano»
Tra gli infermieri 90 decessi e oltre 390mila contagi, per chi ha accompagnato fino alla fine  le persone colpite più duramente dal virus
Infermieri, Fnopi: «Soddisfatti per estensione a 8 ore del tetto dell’attività libero professionale»
La Federazione degli Ordini degli Infermieri: «Strada intrapresa è corretta, ora investire per nuove assunzioni»
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...