Lavoro 10 Aprile 2018

Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida

Siringhe, cerotti e termometri: tutti strumenti ‘del mestiere’ che possono essere deducibili. Come funziona, chi può godere delle detrazioni e quanto gli viene riconosciuto

Immagine articolo

Sono molti e diversi i dispositivi medici che possono trovare spazio tra le spese in detrazione nella dichiarazione dei redditi. Su questo la Circolare del Ministero della Salute n. 20 del 13 maggio 2011 ha fatto chiarezza; tuttavia, in assenza di un elenco ben strutturato, ogni anno l’argomento risulta essere controverso. Ecco una guida per chiarire l’argomento.

LEGGI ANCHE: ECM E LAVORATORI AUTONOMI: LA FORMAZIONE È DEDUCIBILE AL 100%. ECCO I DETTAGLI

 QUALI DISPOSITVI MEDICI SONO DETRABILI NELLA DICHIARAZIONE 2018?

Un dispositivo medico è un’apparecchiatura, uno strumento o un dispositivo che ha una finalità diagnostica e/o terapeutica. Più specificatamente viene definito dispositivo medico quello strumento che ha le seguenti caratteristiche:

  • Diagnosi, prevenzione, terapia;
  • Supporto per un handicap o una ferita, sostituzione di una parte del corpo o di un processo fisiologico;
  • Dispositivi diagnostici in vitro.

In realtà un elenco non esaustivo del Ministero della Salute ha fornito qualche indicazione più precisa al fine di agevolare il contribuente. Da questo risulta che i Dispositivi Medici (MD) e Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD) più comuni e sicuramente detraibili sono:

  • Lenti oftalmiche correttive dei difetti visivi;
  • Montature per lenti correttive dei difetti visivi;
  • Occhiali premontati per presbiopia;
  • Apparecchi acustici;
  • Cerotti, bende, garze e medicazioni avanzate;
  • Siringhe;
  • Termometri;
  • Apparecchio per aerosol;
  • Apparecchi per la misurazione della pressione arteriosa;
  • Penna pungidito e lancette per il prelievo di sangue capillare ai fini della misurazione della glicemia;
  • Pannoloni per incontinenza;
  • Prodotti ortopedici (ad es. tutori, ginocchiere, cavigliere, stampelle e ausili per la deambulazione in generale ecc.);
  • Ausili per disabili (ad es. cateteri, sacche per urine, padelle ecc.);
  • Lenti a contatto;
  • Soluzioni per lenti a contatto;
  • Prodotti per dentiere (ad es. creme adesive, compresse disinfettanti ecc.);
  • Materassi ortopedici e materassi antidecubito.

Invece, sono detraibili tra i Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD) secondo il decreto legislativo n. 332 del 2000:

  • Contenitori campioni (urine, feci);
  • Test di gravidanza;
  • Test di ovulazione;
  • Test menopausa;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione del glucosio;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione del colesterolo totale, HDL e LDL;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione dei trigliceridi;
  • Test autodiagnostici per le intolleranze alimentari;
  • Test autodiagnosi prostata PSA;
  • Test autodiagnosi per la determinazione del tempo di protrombina (INR);
  • Test per la rilevazione di sangue occulto nelle feci;
  • Test autodiagnosi per la celiachia.

Inoltre sul sito del Ministero della Salute è disponibile un database dei dispositivi medici consultabile tramite criterio di ricerca.

LEGGI ANCHE: CONTRIBUTO DEL 5,5 % DELLE SPESE SOSTENUTE PER ATTIVITÀ PROMOZIONALI

DETRAZIONE DISPOSITIVI MEDICI: QUANDO SI PUO’ RICHIEDERE?

Per i dispositivi medici, il diritto alla detrazione subentra quando nello scontrino o nella fattura risulti chi sostiene la spesa e una descrizione accurata dell’apparecchio che deve obbligatoriamente essere contrassegnato dalla marcatura CE. Invece per i dispositivi medici presenti nell’elenco ministeriale, il contribuente deve conservare soltanto il certificato che attesti la marcatura CE.

DISPOSITIVI: AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE DALLA CONFERENZA STATO-REGIONI

Per quanto riguarda la classificazione dei dispositivi e dunque la conseguente detraibilità, la Conferenza Stato-Regioni, come riporta Doctor33, è stata chiamata di recente a esaminare l’accordo sullo schema di decreto del Ministro della Salute. Nel corso dell’incontro, sono stati eliminati i codici relativi ai dispositivi per medicazioni generali e specialistiche (garze paraffinate e altri componenti). Invece tra i codici aggiunti quelli relativi a dispositivi da somministrazione, prelievo e raccolta; dispositivi per medicazioni generali e specialistiche; dispositivi protesici impiantabili e prodotti per osteosintesi; dispositivi di protezione e ausili per incontinenza; apparecchiature sanitarie e relativi componenti; dispositivi maternità (biberon, tettarelle, azoto liquido).

LEGGI ANCHE: SCADENZE FISCALI, ECCO TUTTE LE DATE

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Epatite C, nuovi farmaci eradicano il virus. Vella (ISS): «Lavorare sui pazienti che non sanno di avere l’infezione»
È quanto emerso durante i lavori del convegno "L'Europa e l'Italia nell'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione da HCV", svoltosi a Roma presso il Ministero della Salute. «Consiglierei ai medici di famiglia di far fare uno screening per l’Epatite C a tutti quei pazienti che hanno avuto dei fattori di rischio», sottolinea Adriano Pellicelli, direttore del Dipartimento Malattie del Fegato dell’Ospedale San Camillo di Roma
Ricerca, assegnati 95 mln di euro per nuovi progetti. Grillo: «Dobbiamo valorizzare il nostro “made in Italy”»
Attraverso il Bando della Ricerca Finalizzata 2018 sono stati esaminati oltre 1.700 progetti. 5 milioni sono andati a ricercatori under 33
Sanità e benessere animale, all’Assemblea OIE focus sulla riduzione degli ostacoli alle esportazioni di prodotti di origine animale
Si è chiusa l’87a Sessione dell’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale. Per l’Italia c’era Silvio Borrello, Capo dei servizi veterinari e Direttore generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del ministero della Salute
Frammenti di plastica nelle spinacine Aia, l’azienda ritira dal mercato due lotti di prodotti
L'azienda invita i consumatori che avessero già acquistato un prodotto appartenente ai due lotti interessati a riconsegnare le confezioni ai punti vendita
Truffa al Ministero della Salute, Grillo: «Il funzionario indagato è stato licenziato»
«In merito all’inchiesta della magistratura sulla truffa che coinvolge il ministero della Salute, tengo a precisare che io e il mio ministero siamo parte lesa», chiarisce il Ministro della Salute Giulia Grillo con una nota ufficiale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato