Lavoro 10 Aprile 2018

Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida

Siringhe, cerotti e termometri: tutti strumenti ‘del mestiere’ che possono essere deducibili. Come funziona, chi può godere delle detrazioni e quanto gli viene riconosciuto

Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida

Sono molti e diversi i dispositivi medici che possono trovare spazio tra le spese in detrazione nella dichiarazione dei redditi. Su questo la Circolare del Ministero della Salute n. 20 del 13 maggio 2011 ha fatto chiarezza; tuttavia, in assenza di un elenco ben strutturato, ogni anno l’argomento risulta essere controverso. Ecco una guida per chiarire l’argomento.

LEGGI ANCHE: ECM E LAVORATORI AUTONOMI: LA FORMAZIONE È DEDUCIBILE AL 100%. ECCO I DETTAGLI

 QUALI DISPOSITVI MEDICI SONO DETRABILI NELLA DICHIARAZIONE 2018?

Un dispositivo medico è un’apparecchiatura, uno strumento o un dispositivo che ha una finalità diagnostica e/o terapeutica. Più specificatamente viene definito dispositivo medico quello strumento che ha le seguenti caratteristiche:

  • Diagnosi, prevenzione, terapia;
  • Supporto per un handicap o una ferita, sostituzione di una parte del corpo o di un processo fisiologico;
  • Dispositivi diagnostici in vitro.

In realtà un elenco non esaustivo del Ministero della Salute ha fornito qualche indicazione più precisa al fine di agevolare il contribuente. Da questo risulta che i Dispositivi Medici (MD) e Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD) più comuni e sicuramente detraibili sono:

  • Lenti oftalmiche correttive dei difetti visivi;
  • Montature per lenti correttive dei difetti visivi;
  • Occhiali premontati per presbiopia;
  • Apparecchi acustici;
  • Cerotti, bende, garze e medicazioni avanzate;
  • Siringhe;
  • Termometri;
  • Apparecchio per aerosol;
  • Apparecchi per la misurazione della pressione arteriosa;
  • Penna pungidito e lancette per il prelievo di sangue capillare ai fini della misurazione della glicemia;
  • Pannoloni per incontinenza;
  • Prodotti ortopedici (ad es. tutori, ginocchiere, cavigliere, stampelle e ausili per la deambulazione in generale ecc.);
  • Ausili per disabili (ad es. cateteri, sacche per urine, padelle ecc.);
  • Lenti a contatto;
  • Soluzioni per lenti a contatto;
  • Prodotti per dentiere (ad es. creme adesive, compresse disinfettanti ecc.);
  • Materassi ortopedici e materassi antidecubito.

Invece, sono detraibili tra i Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD) secondo il decreto legislativo n. 332 del 2000:

  • Contenitori campioni (urine, feci);
  • Test di gravidanza;
  • Test di ovulazione;
  • Test menopausa;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione del glucosio;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione del colesterolo totale, HDL e LDL;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione dei trigliceridi;
  • Test autodiagnostici per le intolleranze alimentari;
  • Test autodiagnosi prostata PSA;
  • Test autodiagnosi per la determinazione del tempo di protrombina (INR);
  • Test per la rilevazione di sangue occulto nelle feci;
  • Test autodiagnosi per la celiachia.

Inoltre sul sito del Ministero della Salute è disponibile un database dei dispositivi medici consultabile tramite criterio di ricerca.

LEGGI ANCHE: CONTRIBUTO DEL 5,5 % DELLE SPESE SOSTENUTE PER ATTIVITÀ PROMOZIONALI

DETRAZIONE DISPOSITIVI MEDICI: QUANDO SI PUO’ RICHIEDERE?

Per i dispositivi medici, il diritto alla detrazione subentra quando nello scontrino o nella fattura risulti chi sostiene la spesa e una descrizione accurata dell’apparecchio che deve obbligatoriamente essere contrassegnato dalla marcatura CE. Invece per i dispositivi medici presenti nell’elenco ministeriale, il contribuente deve conservare soltanto il certificato che attesti la marcatura CE.

DISPOSITIVI: AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE DALLA CONFERENZA STATO-REGIONI

Per quanto riguarda la classificazione dei dispositivi e dunque la conseguente detraibilità, la Conferenza Stato-Regioni, come riporta Doctor33, è stata chiamata di recente a esaminare l’accordo sullo schema di decreto del Ministro della Salute. Nel corso dell’incontro, sono stati eliminati i codici relativi ai dispositivi per medicazioni generali e specialistiche (garze paraffinate e altri componenti). Invece tra i codici aggiunti quelli relativi a dispositivi da somministrazione, prelievo e raccolta; dispositivi per medicazioni generali e specialistiche; dispositivi protesici impiantabili e prodotti per osteosintesi; dispositivi di protezione e ausili per incontinenza; apparecchiature sanitarie e relativi componenti; dispositivi maternità (biberon, tettarelle, azoto liquido).

LEGGI ANCHE: SCADENZE FISCALI, ECCO TUTTE LE DATE

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
In Italia Rt a 1.18. Brusaferro: «Valori scendono, ma situazione ancora critica»
«Gli indici dei posti letto e delle terapie intensive non sono positivi. Gli ospedali saranno in sofferenza ancora per settimane», chiarisce Gianni Rezza direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute
Controlli Nas, su 232 ispezioni irregolarità in 37 strutture per anziani
Sono 37 le strutture in cui i carabinieri del Nas hanno individuato delle criticità nelle 232 ispezioni effettuate. Gli episodi più gravi a Trapani, Catania e Bologna. Ringraziamenti dal ministro Speranza
Elezioni Ordini, il Ministero della Salute: «Sospenderle o garantire svolgimento online»
La circolare di Lungotevere Ripa motivata «dall'aggravarsi della situazione epidemiologica da Covid-19 e dei provvedimenti adottati e in corso di adozione che prevedono limitazioni ai movimenti in alcune aree del territorio nazionale»
Osteopati e chiropratici, approvati i profili professionali. Via libera dalla conferenza Stato-Regioni
Sciomachen (ROI): «Da oggi abbiamo la nostra identità, l’osteopatia è finalmente degli osteopati»
Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta in zona rossa. Puglia e Sicilia in zona arancione
Arrivata l'ordinanza del ministero della Salute annunciata da Giuseppe Conte ieri sera in conferenza, misure del Dpcm confermate
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli