Lavoro 10 Aprile 2018 11:34

Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida

Siringhe, cerotti e termometri: tutti strumenti ‘del mestiere’ che possono essere deducibili. Come funziona, chi può godere delle detrazioni e quanto gli viene riconosciuto

Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida

Sono molti e diversi i dispositivi medici che possono trovare spazio tra le spese in detrazione nella dichiarazione dei redditi. Su questo la Circolare del Ministero della Salute n. 20 del 13 maggio 2011 ha fatto chiarezza; tuttavia, in assenza di un elenco ben strutturato, ogni anno l’argomento risulta essere controverso. Ecco una guida per chiarire l’argomento.

LEGGI ANCHE: ECM E LAVORATORI AUTONOMI: LA FORMAZIONE È DEDUCIBILE AL 100%. ECCO I DETTAGLI

 QUALI DISPOSITVI MEDICI SONO DETRABILI NELLA DICHIARAZIONE 2018?

Un dispositivo medico è un’apparecchiatura, uno strumento o un dispositivo che ha una finalità diagnostica e/o terapeutica. Più specificatamente viene definito dispositivo medico quello strumento che ha le seguenti caratteristiche:

  • Diagnosi, prevenzione, terapia;
  • Supporto per un handicap o una ferita, sostituzione di una parte del corpo o di un processo fisiologico;
  • Dispositivi diagnostici in vitro.

In realtà un elenco non esaustivo del Ministero della Salute ha fornito qualche indicazione più precisa al fine di agevolare il contribuente. Da questo risulta che i Dispositivi Medici (MD) e Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD) più comuni e sicuramente detraibili sono:

  • Lenti oftalmiche correttive dei difetti visivi;
  • Montature per lenti correttive dei difetti visivi;
  • Occhiali premontati per presbiopia;
  • Apparecchi acustici;
  • Cerotti, bende, garze e medicazioni avanzate;
  • Siringhe;
  • Termometri;
  • Apparecchio per aerosol;
  • Apparecchi per la misurazione della pressione arteriosa;
  • Penna pungidito e lancette per il prelievo di sangue capillare ai fini della misurazione della glicemia;
  • Pannoloni per incontinenza;
  • Prodotti ortopedici (ad es. tutori, ginocchiere, cavigliere, stampelle e ausili per la deambulazione in generale ecc.);
  • Ausili per disabili (ad es. cateteri, sacche per urine, padelle ecc.);
  • Lenti a contatto;
  • Soluzioni per lenti a contatto;
  • Prodotti per dentiere (ad es. creme adesive, compresse disinfettanti ecc.);
  • Materassi ortopedici e materassi antidecubito.

Invece, sono detraibili tra i Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD) secondo il decreto legislativo n. 332 del 2000:

  • Contenitori campioni (urine, feci);
  • Test di gravidanza;
  • Test di ovulazione;
  • Test menopausa;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione del glucosio;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione del colesterolo totale, HDL e LDL;
  • Strisce/Strumenti per la determinazione dei trigliceridi;
  • Test autodiagnostici per le intolleranze alimentari;
  • Test autodiagnosi prostata PSA;
  • Test autodiagnosi per la determinazione del tempo di protrombina (INR);
  • Test per la rilevazione di sangue occulto nelle feci;
  • Test autodiagnosi per la celiachia.

Inoltre sul sito del Ministero della Salute è disponibile un database dei dispositivi medici consultabile tramite criterio di ricerca.

LEGGI ANCHE: CONTRIBUTO DEL 5,5 % DELLE SPESE SOSTENUTE PER ATTIVITÀ PROMOZIONALI

DETRAZIONE DISPOSITIVI MEDICI: QUANDO SI PUO’ RICHIEDERE?

Per i dispositivi medici, il diritto alla detrazione subentra quando nello scontrino o nella fattura risulti chi sostiene la spesa e una descrizione accurata dell’apparecchio che deve obbligatoriamente essere contrassegnato dalla marcatura CE. Invece per i dispositivi medici presenti nell’elenco ministeriale, il contribuente deve conservare soltanto il certificato che attesti la marcatura CE.

DISPOSITIVI: AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE DALLA CONFERENZA STATO-REGIONI

Per quanto riguarda la classificazione dei dispositivi e dunque la conseguente detraibilità, la Conferenza Stato-Regioni, come riporta Doctor33, è stata chiamata di recente a esaminare l’accordo sullo schema di decreto del Ministro della Salute. Nel corso dell’incontro, sono stati eliminati i codici relativi ai dispositivi per medicazioni generali e specialistiche (garze paraffinate e altri componenti). Invece tra i codici aggiunti quelli relativi a dispositivi da somministrazione, prelievo e raccolta; dispositivi per medicazioni generali e specialistiche; dispositivi protesici impiantabili e prodotti per osteosintesi; dispositivi di protezione e ausili per incontinenza; apparecchiature sanitarie e relativi componenti; dispositivi maternità (biberon, tettarelle, azoto liquido).

LEGGI ANCHE: SCADENZE FISCALI, ECCO TUTTE LE DATE

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Ministero: «I sanitari non vaccinati non possono esercitare in alcun modo la professione»
La circolare del Ministero della Salute alle Federazioni degli Ordini: «La sospensione é tout court, e non limitata alle attività a contatto con le persone. Eventuali ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie non hanno effetti impeditivi»
Sicurezza alimentare, al via la campagna #EUChooseSafeFood: «Consumatori europei tra i più protetti al mondo»
Il parere del Comitato nazionale sicurezza alimentare più cliccato dai cittadini? La possibilità di contrarre il Covid-19 attraverso il cibo
di Isabella Faggiano
Rt in discesa, ma l’incidenza aumenta ancora. Variante Delta predominante in Italia
L'Rt italiano scende rispetto alla settimana precedente e si staglia a 1.27, incidenza a 73 su 100mila. Ancora in aumento anche i nuovi casi non legati a catene di trasmissione note
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
Ministero riapre a richiamo con AstraZeneca e per under 60 l’opzione J&J è ancora aperta in caso di “hard to reach”
La nuova circolare dà ragione al Lazio: chi vorrà potrà scegliere di non sottoporsi alla vaccinazione eterologa e procedere con il richiamo AstraZeneca. Per J&J le possibilità rimangono aperte in caso di campagne rivolte a under 60 non stanziali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre, sono 230.090.110 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.719.197 i decessi. Ad oggi, oltre 5,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco