Lavoro 3 ottobre 2018

FIMMG, Saitta: «Ecco perché servono tre miliardi in più. Vincolare risorse ad assunzioni o SSN salta»

Il responsabile della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni denuncia al Congresso Fimmg: «La parola sanità è sparita dal Def e il reddito di cittadinanza non basterà a pagare le spese sanitarie»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone

«Nel Def è “sparita” la parola sanità. E il reddito di cittadinanza non basterà certo a pagare le spese sanitarie qualora il sistema non dovesse reggere». È stato netto il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni Antonio Saitta durante il suo intervento al Congresso Fimmg in corso a Chia, in Sardegna. E ai microfoni di Sanità Informazione fornisce cifre chiare: il Fondo sanitario ha bisogno di 2,5 miliardi, altrimenti il sistema rischia il collasso. «Occorre un miliardo per i contratti, poi un miliardo vincolati alle assunzioni. C’è il problema del finanziamento delle borse di studio per gli specialisti che mancano, poi bisogna finanziare ancora l’aumento delle borse di studio per la Medicina generale. Quindi andiamo sui due miliardi e mezzo. Restano altre questioni come il tema degli investimenti, però questa è la cifra essenziale per garantire il mantenimento del sistema. E comunque la priorità è il personale. L’anno scorso abbiamo vincolato il Fondo sanitario ai farmaci; quest’anno vincoliamolo al personale», propone.

LEGGI ANCHE: FIMMG, MINISTRO GRILLO: «LAVORO PER OTTENERE PIÙ RISORSE PER LA SANITÀ IN LEGGE DI BILANCIO»

Saitta spiega quindi le sue perplessità sull’aggiornamento del Documento di economia e finanza: «Nel Def non c’è nessuna indicazione di un aumento del Fondo sanitario nella legge di Bilancio. Ma al di là del Def, io sfido chiunque a trovare nelle dichiarazioni di chi ha responsabilità di Governo, a partire dal Presidente del Consiglio fino ai due vicepremier, parole sulla sanità. Tutto questo preoccupa noi delle Regioni perché per la sanità siamo a un punto delicato: serve aumentare l’offerta sanitaria e ciò vuol dire più personale. In questi anni a causa della spending review il Sistema sanitario è stato sotto stress, in modo particolare per il personale che non è sufficiente.  Bisogna saperlo perché se non si interviene le dichiarazioni sulla difesa del Sistema sanitario pubblico rischiano di essere una testimonianza. L’aumento del Fondo è dovuto e, come tutti i Paesi europei, lo dobbiamo legare alla crescita del Pil».

Poi mette in guardia dal rischio di uno scivolamento nel ‘privato’, una tendenza che ormai è già nei fatti: «Sono tanti i pazienti che per alcune visite si rivolgono al privato: penso alle visite ginecologiche, penso all’odontoiatria. Se non c’è una risposta, è chiaro che ognuno si attrezza come può, a partire dalle assicurazioni. Il nostro sistema che è basato sulla solidarietà, ‘chi ha di più paga anche per chi è sfortunato’, rischia di saltare».

LEGGI ANCHE: FIMMG, GARAVAGLIA (VICEMINISTRO ECONOMIA): «NEL DEF AUMENTO SPESA SANITARIA RISPETTO AL PIL DOPO ANNI DI CALO»

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Fimmg, Corti: «È assurdo che il medico di famiglia non possa prescrivere farmaci per diabete. Governo e Aifa intervengano»
Dall’assise della Federazione si chiede di rivedere i piani terapeutici. Il vicesegretario Fiorenzo Corti: «Spesso si allungano liste d’attesa per rinnovi piani terapeutici. Sia data a MMG possibilità di prescrivere questi farmaci»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
FIMMG, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Restituire ruolo primo piano a MMG, aderenza terapeutica e terapie personalizzate in loro mani»
«Oggi si tende a spostare la cura verso la specialistica, depauperando di fatto il medico di base di un potere fortissimo che è quello della diagnosi clinica», così il presidente di Farmindustria al 75° Congresso nazionale FIMMG
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
FIMMG, ministro Grillo: «Lavoro per ottenere più risorse per la sanità in Legge di Bilancio»
«Continuate a svolgere con serietà, impegno e dedizione un lavoro che penso sia una missione» l’incoraggiamento del ministro della salute agli MMG in occasione del Congresso nazionale
Concorso medicina generale, l’annuncio di Saitta (Conf. Regioni): «La prova si terrà il 17 dicembre»
L'assessore del Piemonte: «In questo modo permetteremo ai 13mila candidati già ammessi e ai nuovi che vorranno presentare domanda entro i termini di poter sostenere la prova»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...