Lavoro 24 Luglio 2017

Federico Gelli confermato Responsabile del Dipartimento Sanità del Partito Democratico

Federico Gelli è stato confermato a Capo del Dipartimento Sanità del Partito Democratico. Nominati anche i responsabili degli altri dipartimenti

«Ringrazio il segretario Matteo Renzi. Sono felice e onorato della fiducia che mi è stata accordata e che premia il lavoro svolto in questi anni, ripartiremo da ciò che abbiamo costruito insieme con l’obiettivo di migliorare il sistema sanitario del nostro Paese. A partire dagli appuntamenti che ci vedranno impegnati già dalla prossima settimana, come il decreto vaccini, di cui sarò relatore alla Camera, e attraverso le feste dell’Unità e gli altri incontri in programma». Così in una nota l’onorevole Federico Gelli, confermato a Capo del Dipartimento Sanità del Partito Democratico. Il deputato pisano, riporta la stessa nota, «continuerà ad occuparsi di uno dei temi più caldi del momento. A partire dal decreto sui vaccini – di cui è relatore – che approderà mercoledì alla Camera».
Nominati anche gli altri 40 responsabili dei vari Dipartimenti:
– Anna Ascani, Cultura
– Simona Bonafè, Economia circolare
– Loredana Capone, Turismo
– Stefania Covello, Mezzogiorno
– Titti Di Salvo, Mamme
– Silvia Fregolent, Pari opportunità
– Maria Chiara Gadda, Lotta contro lo spreco alimentare
– Anna Grassellino, Italiani all’estero
– Chiara Gribaudo, Lavoro
– Simona Malpezzi, Scuola
– Elisa Mariano, Commercio
– Emma Petitti, Pubblica amministrazione
– Stefania Pezzopane, Ricostruzione terremoto
– Pina Picierno, Fondi europei
– Giuditta Pini, feste dell’Unità
– Patrizia Prestipino, Difesa animali
– Alessia Rotta, Circoli
– Daniela Sbrollini, Sport
– Patrizia Torricelli, Editoria
– Sandra Zampa, Minori
– Giuseppe Antoci, Legalità
– Gianluca Beneamati, Energia
– Matteo Biffoni, Immigrazione
– Sergio Boccadutri, Innovazione
– Ciro Bonajuto, Giustizia
– Ernesto Carbone, Sviluppo economico
– Roberto Cociancich, Cooperazione internazionale
– Andrea De Maria, Formazione
– Giovanni Epifani, Agricoltura
– Andrea Ferrazzi, Urbanistica
– Emanuele Fiano, Sicurezza
– Federico Gelli, Sanità
– Federico Ginato, Piccole medie imprese
– Giovanni Lattanzi, Welfare
– Salvatore Margiotta, Infrastrutture
– Stefano Mazzetti, Ambiente
– Luciano Nobili, Città metropolitane
– Mattia Palazzi, Rigenerazione urbana
– Francesco Verducci, Università e ricerca
– Walter Verini, partito aperto

Articoli correlati
Sanità, Walter Ricciardi nominato presidente del comitato scientifico della Fondazione Italia in Salute
Il presidente Gelli “Oggi serve il contributo di tutti per risolvere problemi Sistema Sanitario. Il 12 aprile la Fondazione farà il bilancio a due anni dalla Legge sulla responsabilità professionale
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone