Lavoro 19 Aprile 2019

Farmacie, la rivoluzione dei grossi capitali. Ai blocchi di partenza l’applicazione concreta della legge sulla Concorrenza 2017

L’intervista a Michele Di Iorio, presidente Federfarma Napoli: «Nessun pregiudizio, ma auspico una regolamentazione stringente per evitare il dilagare di fenomeni incontrollabili»

I grossi capitali entrano nelle farmacie italiane. Con l’entrata in vigore della legge 124/17 viene sancita a tutti gli effetti la possibilità per le società di capitali di diventare titolari di farmacie sul territorio. Il punto di arrivo, finora, di una vera e propria riforma del settore che getta le basi nell’estate del 2006, quando il Decreto Bersani permise la nascita delle parafarmacie in esercizi diversi dalle farmacie, dove i farmaci da banco potevano essere venduti esclusivamente alla presenza – e con l’assistenza personale – di un farmacista iscritto all’Albo. L’era del governo tecnico di Monti, a sua volta, sancì la possibilità per i farmacisti di essere titolari di più farmacie. E arriviamo all’agosto del 2017, estate in cui, sotto il governo Gentiloni, la legge sulla Concorrenza spiana la strada alle società di capitali per la titolarità di farmacie, fino ad allora appannaggio esclusivo di persone fisiche, ditte individuali e società di persone.

Un sistema che ricalca quello che da sempre vige nel mondo anglosassone e nordamericano, dove i farmaci vengono venduti in vere e proprie catene di negozi insieme a cibo, sigarette e articoli di vario genere. Sanità Informazione ha intervistato sul tema il dott. Michele Di Iorio, farmacista e presidente di Federfarma Napoli.

«Il farmaco è un prodotto delicato – spiega Di Iorio – e affidarne la gestione ad una proprietà non professionalizzata è una criticità non solo per i farmacisti, ma anche per i cittadini e per il Servizio Sanitario Nazionale. A capo delle farmacie – prosegue – rimarrà sì un farmacista, ma un farmacista dipendente da ciò che il capitale gli ordina, a cui interessa principalmente il fatturato».

Una novità che scardina il tradizionale impianto della farmacia italiana intesa come istituzione, come primo interlocutore di salute per il cittadino, e che rischia di minare alle fondamenta il rapporto fiduciario che intercorre tra farmacista e cliente.

«Noi farmacisti – afferma Di Iorio – continuiamo ad avere un unico e solo cliente: il Servizio Sanitario Nazionale, di cui siamo una emanazione capillarmente diffusa sul territorio».

Ma quanto durerà questa capillarità professionale nel momento in cui il peso del capitale dovesse diventare preponderante? Il rischio concreto è che le farmacie sorgeranno sul territorio seguendo principalmente un’ottica commerciale, legata al traffico e al profitto, indifferente alle reali esigenze di salute sancite dal Servizio Sanitario Nazionale.

Al di là delle congetture, si aspetta di vedere sul lungo periodo gli effetti di una legge che per alcune fattispecie potrebbe rappresentare una boccata d’ossigeno. «Siamo in una posizione di attesa e non di pregiudizio – precisa il presidente di Federfarma Napoli – : ma se da un lato è vero che alcune realtà sottocapitalizzate, storicamente presenti in Campania a causa dei mancati pagamenti delle Asl, potrebbero trarre vantaggio da questo sistema, d’altro canto l’aumento dei player in gioco potrebbe soffrire di una sostanziale assenza di regolamentazione da parte delle istituzioni. Il rischio, senza controlli ad hoc è di non riuscire più a riportare in carreggiata situazioni sfuggite di mano».

Articoli correlati
Farmacie, al Capri Pharma si sciolgono i nodi su lavoro e previdenza
Al termine della tre giorni tenutasi nell’incantevole cornice dell’isola azzurra l’Enpaf annuncia importanti novità sul futuro della professione
Def, confermati payback e nuovi criteri di contrattazione del prezzo dei farmaci
Trova conferma il Tavolo tecnico di lavoro sui farmaci e i dispositivi medici, con l’assoluta priorità di individuare le soluzioni più adeguate per i contenziosi in essere che riguardano le procedure del payback farmaceutico
Farmacie ai farmacisti, Contarina (Federfarma): «Bene Grillo. Speriamo non ci siano “manine” contro ddl»
Il vicepresidente di Federfarma commenta le intenzioni del Ministro di abolire la norma che apre le farmacie alle multinazionali: «Il disegno di legge dell’onorevole Trizzino prevede che i farmacisti detengano almeno il 51% della proprietà delle farmacie e aiuti per presidi rurali»
Tumori, successo in tutta Italia per “Ricomincio da Me”: così le donne si riappropriano della loro femminilità
L’iniziativa ad opera della farmacista napoletana Myriam Mazza, nominata "Farmacista dell'anno 2019": «Con un’alta formazione e competenze scientifiche vogliamo essere accanto alle donne in una fase molto delicata della loro vita»
I farmacisti napoletani in difesa della Farmacia degli Incurabili, avviata sottoscrizione
Federfarma Napoli ed Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli si mobilitano a sostegno del Complesso Monumentale degli Incurabili, dove i danni causati da anni di incuria e sciatteria rischiano di pregiudicare anche la storica Farmacia degli Incurabili, oltre all’attiguo complesso museale delle Arti Sanitarie e l’intera area della collina di Capo Napoli. Federfarma ed […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...