Lavoro 19 Aprile 2019

Farmacie, la rivoluzione dei grossi capitali. Ai blocchi di partenza l’applicazione concreta della legge sulla Concorrenza 2017

L’intervista a Michele Di Iorio, presidente Federfarma Napoli: «Nessun pregiudizio, ma auspico una regolamentazione stringente per evitare il dilagare di fenomeni incontrollabili»

I grossi capitali entrano nelle farmacie italiane. Con l’entrata in vigore della legge 124/17 viene sancita a tutti gli effetti la possibilità per le società di capitali di diventare titolari di farmacie sul territorio. Il punto di arrivo, finora, di una vera e propria riforma del settore che getta le basi nell’estate del 2006, quando il Decreto Bersani permise la nascita delle parafarmacie in esercizi diversi dalle farmacie, dove i farmaci da banco potevano essere venduti esclusivamente alla presenza – e con l’assistenza personale – di un farmacista iscritto all’Albo. L’era del governo tecnico di Monti, a sua volta, sancì la possibilità per i farmacisti di essere titolari di più farmacie. E arriviamo all’agosto del 2017, estate in cui, sotto il governo Gentiloni, la legge sulla Concorrenza spiana la strada alle società di capitali per la titolarità di farmacie, fino ad allora appannaggio esclusivo di persone fisiche, ditte individuali e società di persone.

Un sistema che ricalca quello che da sempre vige nel mondo anglosassone e nordamericano, dove i farmaci vengono venduti in vere e proprie catene di negozi insieme a cibo, sigarette e articoli di vario genere. Sanità Informazione ha intervistato sul tema il dott. Michele Di Iorio, farmacista e presidente di Federfarma Napoli.

«Il farmaco è un prodotto delicato – spiega Di Iorio – e affidarne la gestione ad una proprietà non professionalizzata è una criticità non solo per i farmacisti, ma anche per i cittadini e per il Servizio Sanitario Nazionale. A capo delle farmacie – prosegue – rimarrà sì un farmacista, ma un farmacista dipendente da ciò che il capitale gli ordina, a cui interessa principalmente il fatturato».

Una novità che scardina il tradizionale impianto della farmacia italiana intesa come istituzione, come primo interlocutore di salute per il cittadino, e che rischia di minare alle fondamenta il rapporto fiduciario che intercorre tra farmacista e cliente.

«Noi farmacisti – afferma Di Iorio – continuiamo ad avere un unico e solo cliente: il Servizio Sanitario Nazionale, di cui siamo una emanazione capillarmente diffusa sul territorio».

Ma quanto durerà questa capillarità professionale nel momento in cui il peso del capitale dovesse diventare preponderante? Il rischio concreto è che le farmacie sorgeranno sul territorio seguendo principalmente un’ottica commerciale, legata al traffico e al profitto, indifferente alle reali esigenze di salute sancite dal Servizio Sanitario Nazionale.

Al di là delle congetture, si aspetta di vedere sul lungo periodo gli effetti di una legge che per alcune fattispecie potrebbe rappresentare una boccata d’ossigeno. «Siamo in una posizione di attesa e non di pregiudizio – precisa il presidente di Federfarma Napoli – : ma se da un lato è vero che alcune realtà sottocapitalizzate, storicamente presenti in Campania a causa dei mancati pagamenti delle Asl, potrebbero trarre vantaggio da questo sistema, d’altro canto l’aumento dei player in gioco potrebbe soffrire di una sostanziale assenza di regolamentazione da parte delle istituzioni. Il rischio, senza controlli ad hoc è di non riuscire più a riportare in carreggiata situazioni sfuggite di mano».

Articoli correlati
Campagna antinfluenzale 2019-2020, Pregliasco (Galeazzi): «Vaccini sicuri, ruolo importante per MMG e farmacie»
Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore Sanitario dell’Ospedale Galeazzi di Milano, sottolinea: «In Italia lo scorso anno abbiamo avuto 200 morti e 865 casi gravi, non sottovalutare la patologia. I vaccini sono sicuri»
di Federica Bosco
Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci
Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia
Cittadinanzattiva e Federfarma, al via nuovo Rapporto Annuale sulla Farmacia
Dopo il primo anno dedicato ai servizi nelle aree interne del Paese, nel 2019 è stato individuato come tema portante il ruolo delle Farmacie nella implementazione del Piano Nazionale della Cronicità per ciò che attiene alla Prevenzione e al supporto all'Aderenza terapeutica
La qualità dei servizi professionali nella farmacia di comunità deve essere certificata
Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale partecipano autorevoli rappresentanze tra cui quelle delle Regioni, di medici, infermieri e cittadini, è definire concretamente l’operatività del nuovo modello di […]
Diminuiscono le rapine in farmacia, Contarina: “Dati reali ma non sottovalutare i furti notturni”
I numeri relativi alle rapine nelle farmacie italiane sono in calo, almeno per quanto riguarda gli ultimi 9 mesi. Si tratta di un decremento che però non si è verificato in maniera costante: dopo una crescita iniziale del numero di reati e fino al picco raggiunto nel 2013 con 1.256 rapine, vi è stata poi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone