Lavoro 26 Gennaio 2016

EX SPECIALIZZANDI: «Rimborso congruo per i medici che fanno ricorso»

Governo alle strette: il Parlamento spinge verso la transazione con la mozione di 21 senatori. Parla Piero Aiello (NCD): «I medici vincono tutti i ricorsi e lo Stato rischia il default: bisogna intervenire»

Immagine articolo

Una mozione in Parlamento per risolvere definitivamente l’enorme contenzioso tra Stato e medici ex specializzandi. Un messaggio chiaro e diretto che il Governo non può ignorare. È questo l’obiettivo del documento presentato da 21 Senatori, primo firmatario Piero Aiello di NCD, che mira a porre fine ad una problematica che si protrae da decenni e che è già costata molto cara alle casse dello Stato.


Questo perché i medici che hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006 non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per il lavoro svolto. Il pagamento era invece previsto da specifiche direttive europee. Lo stato, si può leggere nella mozione, rischia un esborso totale superiore ai 4 miliardi di euro, dovuto alle cause di rimborso che i medici continuano a vincere in tempi sempre più rapidi. Serve dunque un accordo tra le parti, che il Parlamento aveva già tentato di raggiungere attraverso la presentazione di tre Disegni di legge trasversali. Sanità informazione ha parlato con il Senatore Aiello, primo firmatario della mozione 1-00498.

Senatore Aiello, dopo i tre Ddl arriva ora una importantissima mozione che impegna il governo a risolvere definitivamente la questione degli ex specializzandi.
«Nel corso degli anni, i vari governi che si sono succeduti hanno costantemente sottovalutato la gravità del problema in questione. Per questo motivo, la situazione si è incancrenita ancora di più con il passare degli anni. Il governo attuale e quelli che si succederanno in futuro dovranno dunque vedersela con l’aumento del rischio di essere schiacciati dal peso delle migliaia di ricorsi che i colleghi medici ex specializzandi stanno portando avanti e che, senza dubbio, vinceranno. La nostra mozione, che arriva dopo diversi progetti di legge presentati in Parlamento, impegna finalmente il governo a decidere se intende o meno prendere una posizione su questo annoso problema. E dunque: ragioniamo, transiamo, facciamo in modo che chi ha fatto ricorso venga messo nelle condizioni di trovare un accordo che alleggerisca la “sofferenza” dello Stato nel caso in cui dovesse ritrovarsi a dover pagare tutti i ricorsi che, ripeto, i colleghi medici vinceranno sicuramente così come hanno vinto nel passato. In questo senso, la nostra mozione ha un carattere di “induzione”: impegniamo il governo a ragionare con noi, in modo da arrivare ad una soluzione definitiva ed esaustiva del problema».

Un problema che lo stesso Premier Renzi, in un Question Time di qualche settimana fa, ammetteva essere la principale voce di spesa per la presidenza del Consiglio. Si tratta dunque di un costo notevole, e questa transazione richiesta che, ricordiamo, sarà valida soltanto per chi avrà fatto ricorso, diventa sempre più necessaria per chiudere una questione ormai annosa.
«Si tratta di un atto assolutamente necessario, come dimostrano le tantissime firme poste in calce al documento in maniera bipartisan. È stata dimostrata la necessità di arrivare ad una conclusione. Tra l’altro, qui stiamo parlando di un diritto negato a migliaia e migliaia di persone, nel caso specifico di medici. Per questo motivo noi, che facciamo politica e siamo qui a legiferare, abbiamo il dovere, tra le altre cose, di dare la giusta attenzione anche a questo problema».

Nell’attesa, però, i medici continuano a fare ricorso e a vincere, anche in primo grado. Insomma, questa è la strada.
«Come ho detto prima, il numero di ricorsi continua a crescere. Se si dovesse continuare così, lo Stato rischierebbe il default. È per questo motivo che si impone la necessità di un’azione che concluda definitivamente la vicenda. La mozione serve a questo».

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone