Lavoro 26 Gennaio 2016

EX SPECIALIZZANDI: «Rimborso congruo per i medici che fanno ricorso»

Governo alle strette: il Parlamento spinge verso la transazione con la mozione di 21 senatori. Parla Piero Aiello (NCD): «I medici vincono tutti i ricorsi e lo Stato rischia il default: bisogna intervenire»

Immagine articolo

Una mozione in Parlamento per risolvere definitivamente l’enorme contenzioso tra Stato e medici ex specializzandi. Un messaggio chiaro e diretto che il Governo non può ignorare. È questo l’obiettivo del documento presentato da 21 Senatori, primo firmatario Piero Aiello di NCD, che mira a porre fine ad una problematica che si protrae da decenni e che è già costata molto cara alle casse dello Stato.


Questo perché i medici che hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006 non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per il lavoro svolto. Il pagamento era invece previsto da specifiche direttive europee. Lo stato, si può leggere nella mozione, rischia un esborso totale superiore ai 4 miliardi di euro, dovuto alle cause di rimborso che i medici continuano a vincere in tempi sempre più rapidi. Serve dunque un accordo tra le parti, che il Parlamento aveva già tentato di raggiungere attraverso la presentazione di tre Disegni di legge trasversali. Sanità informazione ha parlato con il Senatore Aiello, primo firmatario della mozione 1-00498.

Senatore Aiello, dopo i tre Ddl arriva ora una importantissima mozione che impegna il governo a risolvere definitivamente la questione degli ex specializzandi.
«Nel corso degli anni, i vari governi che si sono succeduti hanno costantemente sottovalutato la gravità del problema in questione. Per questo motivo, la situazione si è incancrenita ancora di più con il passare degli anni. Il governo attuale e quelli che si succederanno in futuro dovranno dunque vedersela con l’aumento del rischio di essere schiacciati dal peso delle migliaia di ricorsi che i colleghi medici ex specializzandi stanno portando avanti e che, senza dubbio, vinceranno. La nostra mozione, che arriva dopo diversi progetti di legge presentati in Parlamento, impegna finalmente il governo a decidere se intende o meno prendere una posizione su questo annoso problema. E dunque: ragioniamo, transiamo, facciamo in modo che chi ha fatto ricorso venga messo nelle condizioni di trovare un accordo che alleggerisca la “sofferenza” dello Stato nel caso in cui dovesse ritrovarsi a dover pagare tutti i ricorsi che, ripeto, i colleghi medici vinceranno sicuramente così come hanno vinto nel passato. In questo senso, la nostra mozione ha un carattere di “induzione”: impegniamo il governo a ragionare con noi, in modo da arrivare ad una soluzione definitiva ed esaustiva del problema».

Un problema che lo stesso Premier Renzi, in un Question Time di qualche settimana fa, ammetteva essere la principale voce di spesa per la presidenza del Consiglio. Si tratta dunque di un costo notevole, e questa transazione richiesta che, ricordiamo, sarà valida soltanto per chi avrà fatto ricorso, diventa sempre più necessaria per chiudere una questione ormai annosa.
«Si tratta di un atto assolutamente necessario, come dimostrano le tantissime firme poste in calce al documento in maniera bipartisan. È stata dimostrata la necessità di arrivare ad una conclusione. Tra l’altro, qui stiamo parlando di un diritto negato a migliaia e migliaia di persone, nel caso specifico di medici. Per questo motivo noi, che facciamo politica e siamo qui a legiferare, abbiamo il dovere, tra le altre cose, di dare la giusta attenzione anche a questo problema».

Nell’attesa, però, i medici continuano a fare ricorso e a vincere, anche in primo grado. Insomma, questa è la strada.
«Come ho detto prima, il numero di ricorsi continua a crescere. Se si dovesse continuare così, lo Stato rischierebbe il default. È per questo motivo che si impone la necessità di un’azione che concluda definitivamente la vicenda. La mozione serve a questo».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Consulcesi: «Elezioni europee saranno decisive. Ecco le adesioni al ‘contratto bipartisan’ per risolvere la vertenza»
A pochi giorni dalle elezioni europee, oltre 1,5 milioni di camici bianchi italiani si interrogano su chi porterà ai vertici delle istituzioni comunitarie le istanze di coloro che lavorano per la salute di tutti. Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi: «Molti candidati si sono confrontati con la nostra realtà per tastare il polso della categoria: il Presidente del Parlamento UE Tajani, i vice-presidenti Sassoli e Castaldo oltre al professor Rinaldi lavoreranno per i medici. Hanno siglato con noi un contratto bipartisan, votateli per non disperdere un voto utile alla causa degli ex specializzandi»
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
#6statodiscriminato: la campagna di Consulcesi per i medici di base fa tappa ad Alessandria
Dopo il lancio della campagna social sulla discriminazione che i medici di Medicina Generale patiscono durante la formazione post-laurea, Consulcesi dà il via a un’iniziativa itinerante per i diritti degli Mmg: prima tappa Alessandria. Il 12 aprile la nuova azione collettiva di Consulcesi per gli Mmg: possibile recuperare fino a 50 mila euro per ogni annualità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...