Lavoro 26 Gennaio 2016

EX SPECIALIZZANDI: «Rimborso congruo per i medici che fanno ricorso»

Governo alle strette: il Parlamento spinge verso la transazione con la mozione di 21 senatori. Parla Piero Aiello (NCD): «I medici vincono tutti i ricorsi e lo Stato rischia il default: bisogna intervenire»

Immagine articolo

Una mozione in Parlamento per risolvere definitivamente l’enorme contenzioso tra Stato e medici ex specializzandi. Un messaggio chiaro e diretto che il Governo non può ignorare. È questo l’obiettivo del documento presentato da 21 Senatori, primo firmatario Piero Aiello di NCD, che mira a porre fine ad una problematica che si protrae da decenni e che è già costata molto cara alle casse dello Stato.


Questo perché i medici che hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006 non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per il lavoro svolto. Il pagamento era invece previsto da specifiche direttive europee. Lo stato, si può leggere nella mozione, rischia un esborso totale superiore ai 4 miliardi di euro, dovuto alle cause di rimborso che i medici continuano a vincere in tempi sempre più rapidi. Serve dunque un accordo tra le parti, che il Parlamento aveva già tentato di raggiungere attraverso la presentazione di tre Disegni di legge trasversali. Sanità informazione ha parlato con il Senatore Aiello, primo firmatario della mozione 1-00498.

Senatore Aiello, dopo i tre Ddl arriva ora una importantissima mozione che impegna il governo a risolvere definitivamente la questione degli ex specializzandi.
«Nel corso degli anni, i vari governi che si sono succeduti hanno costantemente sottovalutato la gravità del problema in questione. Per questo motivo, la situazione si è incancrenita ancora di più con il passare degli anni. Il governo attuale e quelli che si succederanno in futuro dovranno dunque vedersela con l’aumento del rischio di essere schiacciati dal peso delle migliaia di ricorsi che i colleghi medici ex specializzandi stanno portando avanti e che, senza dubbio, vinceranno. La nostra mozione, che arriva dopo diversi progetti di legge presentati in Parlamento, impegna finalmente il governo a decidere se intende o meno prendere una posizione su questo annoso problema. E dunque: ragioniamo, transiamo, facciamo in modo che chi ha fatto ricorso venga messo nelle condizioni di trovare un accordo che alleggerisca la “sofferenza” dello Stato nel caso in cui dovesse ritrovarsi a dover pagare tutti i ricorsi che, ripeto, i colleghi medici vinceranno sicuramente così come hanno vinto nel passato. In questo senso, la nostra mozione ha un carattere di “induzione”: impegniamo il governo a ragionare con noi, in modo da arrivare ad una soluzione definitiva ed esaustiva del problema».

Un problema che lo stesso Premier Renzi, in un Question Time di qualche settimana fa, ammetteva essere la principale voce di spesa per la presidenza del Consiglio. Si tratta dunque di un costo notevole, e questa transazione richiesta che, ricordiamo, sarà valida soltanto per chi avrà fatto ricorso, diventa sempre più necessaria per chiudere una questione ormai annosa.
«Si tratta di un atto assolutamente necessario, come dimostrano le tantissime firme poste in calce al documento in maniera bipartisan. È stata dimostrata la necessità di arrivare ad una conclusione. Tra l’altro, qui stiamo parlando di un diritto negato a migliaia e migliaia di persone, nel caso specifico di medici. Per questo motivo noi, che facciamo politica e siamo qui a legiferare, abbiamo il dovere, tra le altre cose, di dare la giusta attenzione anche a questo problema».

Nell’attesa, però, i medici continuano a fare ricorso e a vincere, anche in primo grado. Insomma, questa è la strada.
«Come ho detto prima, il numero di ricorsi continua a crescere. Se si dovesse continuare così, lo Stato rischierebbe il default. È per questo motivo che si impone la necessità di un’azione che concluda definitivamente la vicenda. La mozione serve a questo».

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, ddl approda in Senato. Intervista al relatore Rufa (Lega): «Testo completo, spero in rapida approvazione»
Ecco i contenuti del testo approvato approvato lo scorso 9 luglio dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Gianfranco Rufa (Lega): «Si è arrivati ad un inasprimento delle pene proprio a dar ragione a quello che è un ruolo importante che il personale nelle strutture sanitarie»
Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda
A Strasburgo l’esponente Pd è stato eletto presidente prendendo il posto di un altro italiano, Antonio Tajani. Confermato vicepresidente l’eurodeputato M5S. Giusta remunerazione dei medici ex specializzandi e incentivi alla formazione, tante idee per la sanità: aumentano le chance per il riconoscimento dei diritti di medici e operatori sanitari
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
David Sassoli è il nuovo presidente del Parlamento europeo. Ecco cosa ha proposto per la sanità in campagna elettorale
Incentivare la formazione, risolvere i contenziosi tramite mediazione e affrontare la questione degli ex specializzandi. GUARDA L'INTERVISTA
Ex specializzandi, Foad Aodi(Amsi): «Resa giustizia a tanti medici che lottano per i loro diritti»
«Perché i medici – spiega il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi - tante volte ultimamente vedono i loro diritti e anche la loro professione a rischio, tra aggressioni e denunce»
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone