Lavoro 29 settembre 2015

Ex specializzandi: «La soluzione è sul tavolo dell’Economia»

Intervista a Claudio Moscardelli, Commissione Finanze e Tesoro del Senato: «Vanno riconosciuti i diritti dei medici. Via XX Settembre sta studiando la risposta più adeguata in tempi brevi» 

Immagine articolo

La soluzione è sul tavolo del ministero dell’Economia». Sulla questione degli ex specializzandi ’82 – 2006 le istituzioni, finalmente, non restano più a guardare.


Complice la Cassazione, che con la sentenza 17434/2015 del 2 settembre, ha aperto un nuovo fronte ampliando il bacino dei potenziali ricorrenti anche a chi ha iniziato la scuola post-laurea prima del 1983. L’esborso totale per lo Stato, già superiore ai 4 miliardi, rischia di aumentare ulteriormente. Un accordo transattivo – previsto da tre Ddl attualmente in Parlamento – valido solo per chi avrà fatto precedentemente ricorso, è sempre più vicino. Sete di giustizia: un richiamo a cui la politica non vuole e non può più restare indifferente. Ai microfoni di Sanità informazione lo ha confermato il senatore Claudio Moscardelli, membro della Commissione Finanze e Tesoro.

Il tema dei medici ex specializzandi che continuano a fare ricorso è caldo: tre disegni di legge al momento per una questione che sembra non trovare l’attenzione del governo per un accordo transattivo…
«Il governo si sta adoperando per trovare una soluzione. Si è sofferta una estrema lentezza, a livello legislativo, di adeguamento alle direttive europee sulla corresponsione dei rimborsi per i medici ex specializzandi. La responsabilità di rimediare, insieme alla recente sentenza della Corte Costituzionale, che ha riconosciuto la prescrizione decennale garantendo maggiormente i soggetti interessati, impongono una maggiore sensibilità al governo nel cercare una soluzione. Una soluzione che contemperi il riconoscimento concreto dei diritti di chi ha prestato la propria opera e la propria attività, già sanciti dalle direttive europee prima e delle sentenze della Corte poi, con le disponibilità di bilancio dello Stato. Il Mef è già all’opera, valutando l’impatto economico di una soluzione soddisfacente per gli ex specializzandi, e credo che a breve avanzerà una proposta».

La sentenza della Cassazione che ha esteso la possibilità di fare ricorso anche ai medici specializzatisi prima del 1982 fa rischiare un esborso di ulteriori miliardi alle casse dello Stato. Il ministero della Salute ha dichiarato che il governo sta andando in questa direzione, in un lavoro congiunto col MEF…
«Avevo segnalato quest’elemento ai rappresentanti del governo al MEF con cui sono in contatto, ma loro, naturalmente, ne erano già consapevoli, e già al lavoro per trovare una soluzione. Quanto prima i medici avranno finalmente una giusta risposta alle loro attese».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
«Il numero chiuso è un terno a lotto». Gli studenti tra speranza e paura d’irregolarità. E in tanti già pensano al ricorso
Tanti aspiranti medici contestano il metodo di selezione e chiedono che lo sbarramento venga fatto più avanti e per merito. Ed anche tante mamme già si informano sulla possibilità di intraprendere un’azione legale
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila