Lavoro 15 settembre 2015

Ex specializzandi: la Cassazione “amplia” i rimborsi

La sentenza 17434/2015 del 2 settembre apre anche agli “ante” 1983. Medici e governo ora convergono sull’accordo transattivo: ma sarà valido solo per chi avrà fatto precedentemente ricorso

Immagine articolo

Altre migliaia di medici specialisti da rimborsare e un conto, dunque, sempre più salato da pagare per lo Stato. Apre scenari nuovi ed interessanti la sentenza 17434/2015 emessa dalla Cassazione lo scorso 2 settembre.


La Suprema Corte nel confermare il diritto al rimborso, negato completamente tra il 1982 ed il 1991, ed erogato in forma incompleta tra il 1994 ed il 2006, ha anche aggiunto un ulteriore elemento: il risarcimento spetta anche a chi ha iniziato la scuola di specializzazione prima del 1983. Questo significa che potranno agire per ottenere i rimborsi anche tutti coloro che hanno conseguito il diploma di specializzazione dopo tale data, indipendentemente dall’anno di iscrizione, godendo degli stessi diritti di quanti si sono iscritti dal primo gennaio 1983.

Il caso è finito anche all’attenzione del Sole24 Ore che lo ha affrontato anche in relazione alle conseguenze di natura finanziaria che potrebbe avere sui conti pubblici. Ad oggi sono infatti 97.300 i medici che avevano fatto ricorso a fronte dei 158.159 che, stando ai dati della FNOMCeO, hanno conseguito la specializzazione nel periodo (83-2006) in cui non erano state applicate le direttive europee ad hoc. Chiaramente ora quel numero va rivisto e Sanità informazione ha già richiesto un aggiornamento proprio alla Federazione degli Ordini dei Medici per ricalcolare il rischio di esborso dello Stato, attualmente attestato su una cifra superiore ai 4 miliardi di euro. La cifra, già imponente, è destinata ancora a salire anche in virtù della sentenza in questione che andrà ad impattare sul dato, fornito nei giorni scorsi da uno studio Demoskopica sui contenziosi causati dagli errori della Pubblica Amministrazione, secondo cui lo Stato – dal 2010 ad oggi – ha già dovuto pagare oltre 2 miliardi di euro, sborsando più di 150 milioni solo negli ultimi mesi.

Secondo Consulcesi, che ha ottenuto questa significativa sentenza in Cassazione dopo essersi già vista riconoscere oltre 402 milioni in favore dei medici tutelati, «l’accordo transattivo, proposto dai tre Ddl già in Parlamento, rappresenta senza dubbio la strada migliore per tutelare correttamente i medici danneggiati e, allo stesso tempo, salvaguardare le finanze pubbliche. Si tratta di riconoscere un diritto certo e, dall’altra parte, di contribuire alla riduzione degli sprechi che sta perseguendo il governo». Una soluzione chiesta già a gran voce da migliaia di medici che hanno firmato nelle scorse settimane una petizione on line sul sito Consulcesi e che sposerebbe appieno le intenzioni del premier Matteo Renzi e del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, sempre più decisi ad evitare che interessi, more e spese legali facciano ulteriormente lievitare i costi dello Stato di fronte a casi, come appunto quello degli ex specializzandi, dove la giurisprudenza è ormai consolidata e totalmente favorevole ai ricorrenti.

Proprio il Governo, come anticipato dal sottosegretario alla Salute Vito De Filippo ai microfoni di Sanità informazione, sembra sempre più determinato a chiudere la partita. In tal senso è significativo quanto dichiarato dal sottosegretario ai nostri microfoni a cui ha rivelato che «è attualmente in atto un’attentissima valutazione tecnica e, di conseguenza, finanziaria sul tema», affermando: «Vedremo nelle prossime settimane gli esiti di questo approfondimento. Senza dubbio faremo in modo che i diritti che possono essere riconosciuti lo siano presto». Una presa di posizione netta, quella del Sottosegretario, che ricalca quella che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, aveva rilasciato solo alcuni mesi fa: «Va trovata una soluzione e snellito l’iter per ottenere i rimborsi per gli ex specializzandi perché, se da un lato lo Stato chiede ai cittadini di pagare le tasse, dall’altro deve pagare quando è chiamato a farlo».

Come chiedono a gran voce migliaia di medici, che stanno firmando la petizione on line lanciata da Consulcesi, si viaggia velocemente verso l’accordo transattivo che sarà valido per chi avrà precedentemente fatto ricorso.

Articoli correlati
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Il doppio filtro della Legge Gelli 24/2017
Avvocato Daniela Nazzaro
di Avvocato Daniela Nazzaro
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...