Lavoro 17 novembre 2015

Ex specializzandi: «Il monito da Bruxelles: sbagliato rimandare. Parlamento e Governo trovino una soluzione»

Il vicepresidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ai microfoni di Sanità informazione: «Doveroso per i medici lottare per far valere i propri diritti. Anche sui turni massacranti va resa giustizia ai medici»

Immagine articolo

E’ giusto che si lotti per far valere i propri diritti sanciti da Direttive Europee e leggi nazionali». Il vicepresidente del Parlamento europeo, David Sassoli (Pd – European Socialists and Democrats), ai microfoni di Sanità informazione affronta un problema sottovalutato dallo Stato che mette il nostro Paese in perenne conflitto con l’Unione europea.


L’Italia ha spesso dato il peggio di sé quando è stata chiamata ad applicare le indicazioni provenienti dall’Ue. E sono due, in particolare, le mancanze relative al settore medico che rischiano di diventare un salasso per le casse dello Stato: scuola di specializzazione non retribuita e turni massacranti. Secondo specifiche direttive europee, infatti, lo Stato deve pagare una borsa di studio ai camici bianchi che frequentano una scuola post-laurea e deve garantire ai medici orari di lavoro consoni alle loro esigenze. Su questo secondo fronte, l’Italia si era data come scadenza il 25 novembre per mettersi in regola con la direttiva 2003/88. Per quanto riguarda il primo, invece, lo Stato si è adeguato, ma con colpevole ritardo, ed ha già pagato un conto molto salato.

Vicepresidente Sassoli, il problema delle scuole di specializzazione in Medicina non pagate ha aperto un enorme contenzioso giuridico che vede i medici italiani vincere sempre più spesso e rapidamente.

«Recepire le direttive europee conviene. A causa del mancato recepimento della direttiva in questione, queste cause, il cui esito impone sempre il risarcimento, creano problemi notevoli alle tasche dei cittadini. Usare gli strumenti dell’Europa dunque conviene, altrimenti scattano multe, sanzioni e i tribunali sono obbligati a tenerne conto. Nel caso degli ex specializzandi, lo Stato ha dimostrato una grande insensibilità. Oggi il Governo avrebbe la possibilità di rimettersi in riga, anche perché le cause che interessano medici con molti anni di servizio alle spalle, una volta andate a sentenza creano problemi col risarcimento, dal momento che, di fatto, i soldi lo Stato li prende dai cittadini».

I medici interessati hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il ‘91 e tra il ‘94 e il 2006, e pongono un rischio di esborso per lo Stato di circa 5 miliardi. Il premier Renzi ha ammesso che l’aumento di spesa di Palazzo Chigi è dovuto soprattutto a questi risarcimenti. Attualmente in Parlamento ci sono tre Ddl che propongono una soluzione per risolvere la questione. Perché ancora non ci si riesce?

«C’è poca attenzione sull’argomento. Dobbiamo far sì che i vari gruppi parlamentari italiani siano sollecitati a prendere subito un’iniziativa. Si tratta di mettere insieme la legislazione nazionale con le direttive europee e fare in modo che tutto questo non generi più “opacità” dei diritti, nonché un costo elevatissimo a carico dei cittadini italiani».

Altro tema legato alle direttive europee, è quello che riguarda i turni di lavoro dei medici. Il 25 novembre, l’Italia si adeguerà in ritardo alla normativa europea, ma a detta di tanti nulla cambierà.

«Un tempo si diceva che i medici sono troppi, oggi ci accorgiamo che non è affatto così, che il carico di lavoro non è ben suddiviso e il turnover non decolla. Va resa giustizia ai diritti dei medici e va fatto in modo che questi diritti siano compatibili con il mercato europeo e con le indicazioni provenienti dall’Europa. Il Parlamento e il Governo devono essere in grado di ottenere questo equilibrio: in gioco c’è la dignità professionale degli operatori sanitari, in un mercato del lavoro come quello continentale che non deve e non può prevedere trattamenti non omogenei. Mai, in questi casi, lasciare che sia il tempo a fare il suo corso, perché i problemi, così facendo, non si sono mai risolti ma, anzi, si sono aggravati».

E proprio mentre Bruxelles richiama le nostre istituzioni affinché questi diritti vengano riconosciuti, ai medici resta la strada delle azioni legali.

«Non c’è dubbio, è giusto che si lotti per far valere i propri diritti sanciti da direttive europee e leggi nazionali».

Articoli correlati
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...