Lavoro 13 ottobre 2015

Ex specializzandi: Consulcesi risolve il caso delle “cartelle pazze”. Agenzia delle Entrate: «Un errore, le annulliamo»

Imposte palesemente falsate: oltre 300mila euro richiesti ai medici tutelati da un’associazione di consumatori. Si muove la principale realtà italiana a tutela dei camici bianchi e il fisco ammette il disguido

Immagine articolo

Tutto risolto: le “cartelle pazze” verranno annullate. Si sono, però, presi un bello spavento gli ex specializzandi che si erano rivolti ad una associazione di consumatori per le borse di studio negate tra il 1978 ed il 2006. L’Agenzia delle Entrate aveva chiesto loro un conto salatissimo: avrebbero dovuto versare una cifra impressionante (370mila euro a testa) per le spese relative all’imposta di registro in relazione a rimborsi pro capite oscillanti in media tra i 30 ed i 40mila euro.


La notizia “bomba”, lanciata dal quotidiano “Il Giornale” è stata ripresa da diversi siti del settore, facendo scattare il panico tra i medici ed una serie di reazioni a catena che hanno prodotto solo ulteriore caos. A mettere ordine e fare chiarezza ci ha, allora, pensato Consulcesi. Pur non essendo direttamente coinvolta nel caos, essendo il principale punto di riferimento con i suoi oltre 70mila medici tutelati, ha deciso di prendere il toro per le corna, andando a bussare direttamente alle porte dell’Agenzia delle Entrate. Il risultato è stato immediato. Dall’Agenzia è arrivata, infatti, una nota stampa che ha chiuso definitivamente la questione: «Stiamo notificando, a ciascuno dei medici interessati, un provvedimento di annullamento parziale dell’avviso di liquidazione: ciascun medico dovrà pagare soltanto l’imposta commisurata al risarcimento ottenuto». Ovviamente i 370mila euro erano da suddividere tra tutti e 400 i vincitori dell’azione collettiva. Ognuno dovrà pagare l’1,5% di quanto ricevuto e dunque solo poche centinaia di euro.

«Certo che però lo Stato quando deve sborsare ti fa penare, ma quando deve chiedere è tutta un’altra storia», polemizza Roberto Carlo Rossi, il presidente sia dell’Ordine dei medici che dello SNAMI (Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) di Milano. Chiarita la vicenda resta l’amarezza per l’atteggiamento dello Stato: «Il mio – specifica –  è un ragionamento che esula dal caso in questione, del quale anche io non ho riscontri diretti. Giusto non spaventare i medici, ma non si può non stigmatizzare l’atteggiamento e l’inadempienza di funzionari che in numerose situazioni di questo genere, generano confusione e spaventano i cittadini». Una dichiarazione in linea con quanto affermato nei mesi scorsi dal ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, che proprio sul caso degli ex specializzandi parlava di rapporto «falsato tra cittadino e Stato, se quest’ultimo chiede tasse ma non paga quando è chiamato a farlo».

«I medici specialisti possono stare tranquilli», afferma soddisfatto da Consulcesi  che, dopo aver chiuso i giochi con l’Agenzia delle Entrate, fa notare che «qualcuno ha forse voluto creare ad arte il caso per ottenere una visibilità che altrimenti non avrebbe avuto». La richiesta sarebbe stata comunque illegittima in base alla normativa vigente (art.159 testo unico spese di giustizia art. D.P.R. 30-05-2002, n. 115) e alla costante giurisprudenza della Cassazione. «I medici specialisti non devono lasciarsi intimorire – aggiungono ancora da Consulcesi – sanno di poter contare sulle tutele che garantiamo da sempre e devono proseguire la battaglia per il riconoscimento di un diritto certo che era stato negato quando, ancora giovanissimi, iniziavano il percorso professionale, lavorando sodo al servizio dei cittadini, ma senza alcuna retribuzione». Consulcesi si prepara a lanciare un’altra azione collettiva mentre il Governo, di fronte alle continue sconfitte in Tribunale, sta correndo ai ripari. L’obiettivo è l’accordo transattivo proposto dai tre Ddl già in Parlamento che permetterebbero di risparmiare subito almeno 2 dei 5 miliardi che continuano ad uscire dalle casse pubbliche. Tutti i giornali continuano infatti a riportare notizie relative a sentenze a favore degli ex specializzandi e di rimborsi milionari, che sono al momento la prima voce di spesa per Palazzo Chigi. Il premier Matteo Renzi rispondendo alla Camera ad una interrogazione parlamentare del M5S ha spiegato che si è passati da 15 a 60 milioni, pur avendone tagliati 3 sulle auto blu, per aver dovuto pagare 48 milioni ai medici specialisti che avevano vinto i ricorsi.

Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Scotti (FIMMG): «Formula 1+2. Ecco come cambiare la formazione in medicina generale»
Dopo la proposta FNOMCeO, il segretario della Federazione declina la possibile evoluzione: «Un anno di 'master' in collaborazione con l’università propedeutico al bando, alla medicina d'emergenza e a quella penitenziaria in cui c’è grave carenza organica»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Ridurre corso MMG da tre a due anni. La proposta FNOMCeO per fronteggiare carenza medici
«Abbreviare tempo di formazione post laurea diminuirebbe il costo della formazione stessa permettendo così di aumentare il numero delle borse» così Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...