Lavoro 1 dicembre 2017

Equo compenso: Magi (Sumai): «Un diritto per medici giovani e anziani e soprattutto per il cittadino»

«Buone prestazioni di pari passo a corrette retribuzioni: le rappresentanze mediche devono sostenere questo diritto, è vitale per il Sistema ma anche per il Paese» così ai microfoni di Sanità Informazione Antonio Magi, Segretario Generale Sumai-Assoprof

Dopo il parere negativo dell’Antitrust sull’emendamento dell’equo compenso in seno al DL fiscale, le polemiche intorno alla richiesta avanzata dai liberi professionisti di un riconoscimento economico ‘proporzionato’ alle prestazioni, continuano e si fanno sempre più accese. Sull’argomento Sanità Informazione ha intervistato Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali del Sumai-Assoprof.

Capitolo equo compenso: sappiamo che è di questi giorni la bocciatura da parte dell’Autorità della concorrenza, perché la categoria dei medici reclama l’equo compenso e cosa pensa di questo parere sfavorevole da parte dell’Antitrust?

«L’equo compenso va di pari passo con la qualità delle prestazioni: oggi è impensabile (come si evince chiaramente negli ultimi giorni dalla stampa) che un collega possa essere pagato con pizza e birra, e nel frattempo nel caso dovesse fare un’azione di malpractice, poi venisse denunciato per 2 milioni di euro; dalla pizza ai due milioni di euro c’è una certa differenza. Una prestazione professionale medica dovrebbe avere un compenso congruo, l’atto medico dovrebbe godere del giusto rispetto, mi riferisco ai medici più anziani ma anche i più giovani, perché sono proprio quelli che vengono addirittura obbligati ad avere una situazione retributiva bassa. L’equo compenso si lega strettamente alla qualità, difficilmente un professionista affermato offrirà servizi in cambio di compensi molto basso, quindi altrettanta cosa dovrebbe essere per chi la professione la fa e la fa bene. Non bisogna svalutare la professione perché si svaluta anche l’atto medico e il paziente non ne usufruisce in maniera corretta. Cosa penso della bocciatura dell’Antitrust? Penso che l’Autorità, nel fare la sua valutazione, ha seguito quelle che oggi sono le norme in vigore, ossia la Legge Bersani che purtroppo ha eliminato le tariffe minime ordinistiche ritenendo che anche la sanità fosse ‘un mercato’, ma non è così».

Lei ha fatto riferimento ai giovani che rappresentano la frangia più delicata della categoria (non solo quella medica): qual è la situazione effettiva del loro inserimento professionale? E relativamente all’equo compenso, per i giovani quali sono le prospettive in tal senso?

«In questo momento la situazione è grave: i giovani quando si laureano possono entrare nelle scuole di specializzazione (per medicina generale o altre branche), ma queste scuole sono tutte a numero chiuso, numero ridotto anche rispetto alla necessità e al fabbisogno del Paese, dunque chi non entra nelle scuole ha difficoltà ad entrare nel mercato del lavoro e sono proprio questi i colleghi che vengono ‘usati’ in una situazione di low cost di bassa qualità e vessati con retribuzioni minime o addirittura compensati con pizza e birra. Quindi l’equo compenso è fondamentale per dare dignità anche a questi professionisti che devono potersi muovere in un contesto normato con congrui compensi per il loro operato; non mi riferisco a cifre sbalorditive ma sicuramente ritengo ingiusto che una prestazione sia pagata 8 euro (compenso orario dei giovani medici in ambulanza), 5 euro a visita (medici specialisti), insomma non è corretto e neanche deontologico. Non è soltanto un trattamento ingiusto nei confronti del professionista ma anche del paziente che non ha così certezza di una prestazione adeguata».

Sul tema equo compenso la categoria degli avvocati è un passo avanti rispetto alle altre professioni: perché la categoria medica è rimasta indietro nel sostenere questa richiesta?

«La categoria medica si trova più indietro perché la rappresentanza della nostra categoria ha esitato su alcuni temi; in proposito, in questi giorni ci sono le elezioni dell’Ordine dei medici di Roma e tra le nostre priorità in programma c’è incentivare la vicinanza dell’Ordine con i colleghi ma anche con i cittadini, ci tengo a ricordare infatti che l’Ordine prima di tutto, è un organo ausiliario dello Stato a difesa e tutela del cittadino. Detto questo è fuori ogni dubbio che gli avvocati abbiano fatto un bel lavoro, il nostro compito adesso è fare altrettanto e sollecitare la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici a intervenire più incisivamente su questo argomento».

Articoli correlati
Contenziosi, Magi (OMCeO Roma): «Bisogna eliminare cause in tribunale e arrivare a mediazione tra medici e pazienti»
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute e parla dello sportello che ha istituito per dare supporto sia ai medici che ai cittadini: «Così aiutiamo i camici bianchi che vengono denunciati e spieghiamo ai pazienti che ritengono di aver subito un danno se ci sono le condizioni per chiedere un risarcimento»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Tribunale della Salute, Antonio Magi (OMCeO Roma): «Sostengo la petizione. Medicina difensiva costa 10 miliardi l’anno»
Il Presidente dell’Ordine del Medici di Roma rilancia l’iniziativa dello sportello: «Uno strumento di supporto gratuito per i cittadini che credono di essere stati vittima di un errore medico ma anche un supporto per i medici accusati ingiustamente». Poi attacca lo spot contro i medici: «Nasconde qualcosa»
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
Emergenza rifiuti a Roma, lettera di Magi a Raggi, Costa e Grillo: «C’è rischio per la salute pubblica. Pronti a fare nostra parte»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale: «Segnalazioni sempre più frequenti. Nostro obiettivo è tutelare la popolazione facendo sì, insieme ad altri organi preposti, che venga garantito e difeso il suo diritto alla salute»
Carenza medici, i direttori dei Ps del Lazio lanciano l’allarme: «Servizi rischiano tracollo». Magi (OMCeO Roma): «Rendere attrattiva specialità»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale annuncia che chiederà un tavolo in regione per far sì che le risorse umane in organico non siano basate solo sul numero degli accessi ma anche sulle reali attività svolte. Pugliese (Pertini): «Età media è 54 anni, ma qui si fanno tanti turni di notte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...