Lavoro 22 Novembre 2017 12:17

Pizza e birra al posto dello stipendio. Giovani medici protestano su Facebook: «No alla sanità low cost»

È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere […]

Pizza e birra al posto dello stipendio. Giovani medici protestano su Facebook: «No alla sanità low cost»

Personale sanitario incrocia le braccia durante uno sciopero in una immagine d’archivio. ANSA/STRINGER

È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere sanzionato dall’Ordine. Nessuno dev’essere messo in condizioni di prender parte a una sanità low cost». La dottoressa Lucrezia Trozzi, fondatrice del gruppo Facebook “Gmas, Giovani medici anti sfruttamento”, intervistata da Repubblica.it espone la sua proposta per combattere una deriva che negli ultimi tempi si sta facendo sempre più pesante: quella di pagare con moneta diversa dal denaro corrente, o comunque ben al di sotto del minimo, le prestazioni dei camici bianchi: «Mi sentivo in un suq arabo – ha raccontato ancora –. Mi sono ritrovata a dover contrattare il mio onorario per una prestazione di 118, un servizio di emergenza per il quale seguiamo un corso di formazione di oltre mille euro. La responsabile della cooperativa che mi aveva chiamato voleva pagarmi ancora meno della tariffa praticata a Roma, che è di 16 euro l’ora. Poi, tramite passaparola, mi è arrivata un’altra offerta: servizio di ambulanza a una corsa di cavalli. Hanno cercato di convincermi che 13 euro l’ora fossero un compenso adeguato. È stata la prima volta che ho rifiutato un’offerta di lavoro. Mi sono detta che non potevo essere la sola in questa situazione e ho creato il gruppo su Facebook».

«Cari colleghi e care colleghe – si può leggere nella descrizione del gruppo Facebook fondato da Lucrezia Trozzi e dal collega Nicola Pescetelli ad inizio novembre e che conta già 2.800 membri –, abbiamo creato questo gruppo con lo scopo di condividere tra noi le proposte di lavoro che siano risultate inadeguate, come compenso e condizioni, per dei professionisti quali siamo. Chi aderisce al gruppo pensa che un medico sia un professionista, che merita un trattamento in linea con la sua preparazione e le sue responsabilità. Vi preghiamo di ricordare chi siete ogni volta che accettate un incarico, e ci auguriamo che ognuno lotterà, supportato dai colleghi, affinché non esistano più giovani medici sfruttati sul territorio. Se non ci aiutiamo fra noi, nessuno lo farà».

«Ho aperto il gruppo perché mi sentivo sola e impotente – continua Lucrezia su Repubblica.it -, ho scoperto invece che ci sono tantissimi colleghi che la pensano come me. L’obiettivo non è denunciare chi ci fa queste proposte, ma tutelare la professione. Quello che ci interessa è avere l’attenzione degli Ordini provinciali dei medici».

Articoli correlati
Web Reputation e Diritto all’oblio per il sanitario: cosa sono e perché sono importanti?
In quali casi è possibile ottenere la cancellazione di notizie e informazioni lesive per la vita, personale e professionale, di un operatore sanitario?
«Legittimo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario», Consiglio di Stato boccia ricorso medici
Respinta l'istanza presentata da medici e farmacisti del Friuli-Venezia Giulia. Per i giudici l’obbligo vaccinale «non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà che grava su tutti i cittadini»
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
Isole senza sanitari, Donigaglia (Anspi): «Manca il 25% del personale. Servono incentivi economici»
Il presidente dell’Associazione nazionale sanitaria delle piccole isole: «Le isole sono territori poco appetibili perché costa raggiungerle e viverci. Le scarse casistiche di prestazioni e interventi chirurgici compromettono la preparazione sul campo e la possibilità di far carriera»
di Isabella Faggiano
Responsabilità del medico in caso di omessa informazione
Novità sul consenso informato, grazie ad una recente sentenza della Corte di Cassazione. Quando è responsabile il medico?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano