Lavoro 6 Novembre 2020

Elezioni Ordini, il Ministero della Salute: «Sospenderle o garantire svolgimento online»

La circolare di Lungotevere Ripa motivata «dall’aggravarsi della situazione epidemiologica da Covid-19 e dei provvedimenti adottati e in corso di adozione che prevedono limitazioni ai movimenti in alcune aree del territorio nazionale»

Elezioni Ordini, il Ministero della Salute: «Sospenderle o garantire svolgimento online»

«In considerazione dell’aggravarsi della situazione epidemiologica da Covid-19 e dei provvedimenti adottati e in corso di adozione che prevedono limitazioni ai movimenti in alcune aree del territorio nazionale, si raccomanda la sospensione dei procedimenti elettorali per il rinnovo degli organi direttivi degli Ordini professionali, salvo che gli Ordini medesimi possano garantire lo svolgimento delle predette elezioni con modalità telematiche». È il testo di una circolare del Ministero della Salute firmata ieri dal direttore generale Rossana Ugenti e inviata alle Federazioni degli Ordini delle professioni sanitarie (FNOMCeO, FNOVI, FOFI, FNOPO, FNOPI, FNTSRM-PSTRT, FNCF).

Immediate le reazioni di uno dei destinatari della circolare: «La lettera non risolve il problema principale, che restano le assemblee per la costituzione della Commissione elettorale – commenta a Sanità Informazione -. A prescindere dalla partecipazione, infatti, si devono convocare tutti gli iscritti, e alcuni Ordini ne hanno decine di migliaia. Questo aspetto rimane critico, a meno che non si voglia irresponsabilmente procedere con le operazioni elettorali senza aver fatto l’assemblea prevista dalla norma».

«L’assemblea – aggiunge – può essere fatta in presenza o a distanza. Sull’impossibilità odierna di riunirsi fisicamente, non ritengo che si debba dire nulla; sull’alternativa (a distanza), esistono piattaforme che consentono la partecipazione potenziale di alcune decine di migliaia di persone? Se si, al momento la strada potrebbe essere quella».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
In Italia Rt a 1.18. Brusaferro: «Valori scendono, ma situazione ancora critica»
«Gli indici dei posti letto e delle terapie intensive non sono positivi. Gli ospedali saranno in sofferenza ancora per settimane», chiarisce Gianni Rezza direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute
Controlli Nas, su 232 ispezioni irregolarità in 37 strutture per anziani
Sono 37 le strutture in cui i carabinieri del Nas hanno individuato delle criticità nelle 232 ispezioni effettuate. Gli episodi più gravi a Trapani, Catania e Bologna. Ringraziamenti dal ministro Speranza
Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta in zona rossa. Puglia e Sicilia in zona arancione
Arrivata l'ordinanza del ministero della Salute annunciata da Giuseppe Conte ieri sera in conferenza, misure del Dpcm confermate
In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità annuncia l'avvicinamento allo scenario 4, il più grave dell'epidemia. Tasso di positività dei tamponi al 10%
Medicina del territorio, Urbani (Ministero Salute): «Individuare strutture di riferimento per la bassa e media complessità»
L'audizione in Commissione Sanità dei dirigenti del Ministero Andrea Urbani, Rossana Ugenti e Giuseppe Viggiano sul potenziamento e la riqualificazione della medicina territoriale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre:...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli