Lavoro 14 Ottobre 2014

eHealth: a Roma il confronto tra le “best practice” europee

Il tavolo organizzato dal Ministero della Salute per un’azione coordinata su App mediche e telemedicina

eHealth: a Roma il confronto tra le “best practice” europee

Le esigenze dei cittadini europei stanno cambiando e, di pari passo, devono cambiare le tecniche usate per curare la loro salute. Per questo motivo il Ministero guidato da Beatrice Lorenzin ha organizzato, all’interno del semestre europeo a presidenza italiana, una conferenza ministeriale sul tema della Sanità elettronica.

Nella due giorni che ha avuto luogo la scorsa settimana a Roma, a cui hanno partecipato esponenti di spicco della sanità provenienti da vari Paesi dell’Ue, si è infatti parlato di telemedicina, mobile Health, Fascicolo Sanitario Elettronico, in un confronto che ha evidenziato come la nuova sanità possa, da un lato, migliorare l’accesso alle cure e, dall’altro, contribuire ad accrescere l’efficienza e la sostenibilità dell’intero sistema.

Per riuscire nell’intento è opportuna un’azione coordinata a livello europeo, traendo il meglio, laddove possibile, dalle “best practice” poste in essere dagli Stati membri. Prendiamo ad esempio l’esperienza portoghese, che nonostante la profonda crisi economica in cui il Paese lusitano versa da anni, è riuscito ad ottenere buoni risultati nel campo della telemedicina grazie ad un approccio “centralizzato a livello governativo, con la strategia delle due M: multi – dispositivo, multi – utente, per ottimizzare l’efficacia e ridurre i costi” come ha sottolineato Henrique Martins, presidente del Comitato per la eHealth presso il Ministero della Sanità portoghese. O ancora come la Francia, la cui strategia per l’implementazione delle telemedicina, spiega Michéle Thonnet (Ministero della Sanità francese) “si sta concentrando soprattutto sull’esportare questa pratica anche fuori dagli ospedali, a vantaggio di determinate categorie di persone che ne trarrebbero giovamento, come, ad esempio, anziani e carcerati”.

Ritenuto fondamentale però, all’unanimità, un accordo sulla cornice etico – legale in cui opererà questo nuovo modo di “fare sanità”, soprattutto relativamente alla tutela della privacy. Una problematica che investe soprattutto il mondo della mobile Health – evoluzione della eHealth – e delle App mediche, su cui la Commissione europea ha emanato un libro verde e stabilito che, in fase di progettazione, l’impatto sulla privacy dev’ essere valutato sia a monte che in itinere. Senza trascurare che, come ha sottolineato l’avvocato Chiara Rabbito, della Società Italiana di Telemedicina e sanità elettronica (SIT), “aumentando gli attori in gioco, va rivisto il modello di ripartizione delle responsabilità. Una condizione necessaria per integrare la telemedicina all’interno del Servizio sanitario nazionale”.

Articoli correlati
“Protocollo domiciliare uniforme” per uscire da emergenza. Siclari (FI): «Riaprire ospedali chiusi o depotenziati»
Nel corso della conferenza “Covid: come uscire dall’emergenza” Giovanni Carnovale, Presidente del forum medico Nuovo Rinascimento, ha chiesto lo stop alla regionalizzazione della sanità: «La sanità non può essere gestita da venti protocolli diversi, da venti task force diverse». Tra gli ospiti anche Ranieri Guerra (OMS) e Annamaria Parente (Presidente Commissione Sanità)
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
Calabria, la Caporetto della sanità. I sindaci in piazza: «I nostri cittadini vogliono essere curati come nel resto d’Italia»
Un centinaio di sindaci si sono radunati in piazza Monte Citorio per chiedere al governo di risolvere il problema della sanità calabrese. Conte riceve i primi cittadini di Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia e assicura: «Lavoreremo per superare fase emergenziale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli