Diritto 23 settembre 2014

Numero Chiuso: Università in balia di un sistema che non regge più 

Ricorsi e continue sentenze favorevoli agli studenti stanno dando il colpo di grazia ai test d’accesso a Medicina ancora prima della riforma annunciata dal ministro Giannini

Immagine articolo

Ricorso dopo ricorso, sentenza dopo sentenza, si infliggono colpi sempre più duri, e meglio assestati, al  Numero Chiuso. Un sistema che si sta sbriciolando, mostrando limiti e contraddizioni che da anni agitano gli studenti e ingolfano la giustizia italiana.

Ma ora gli effetti “collaterali” li stanno pagando soprattutto gli atenei: prove annullate e riammissioni in sovrannumero stanno mandando in tilt le Università, ormai chiaramente in balia del caos dei test di ammissione. Quelli per la facoltà di Medicina, proprio nel 2014 ed in particolare in queste ultime settimane, hanno sollevato un polverone attraverso il quale – secondo i ben informati  – si velocizzerà l’iter per l’abolizione a cui punta il ministro all’Istruzione Stefania Giannini. Si passerà, nonostante un corposo fronte di contrari,  al “modello francese” con porte aperte per tutti e selezione a step durante il corso di laurea.

Nel frattempo, però, ci pensano i Tribunali a delegittimare il Numero Chiuso. Dopo la recente riammissione di 500 studenti tra Napoli e Bari, nei giorni scorsi il Tar di Palermo ha dichiarato illegittimo il test dell’8 aprile scorso per l’ammissione ai corsi di Medicina e Odontoiatria alle Università di Palermo, Catania e Messina (per queste ultime si è espresso il Tar del Lazio perché quello siciliano si era dichiarato incompetente). È stata ritenuta fondata “la censura relativa alla violazione della regola dell’anonimato in ragione dell’apposizione, sulla scheda anagrafica e in quella contenente i quesiti, oltre che del codice a barre, anche del codice alfanumerico di identificazione, il che per giurisprudenza costante, anche di questo Tar, comporta la violazione del principio dell’anonimato”.

Dovranno insomma essere ammessi almeno altri 500 aspiranti camici bianchi a Medicina. Ora sono, dunque, più di 3000 le matricole in sovrannumero rispetto ai 10.500 vincitori delle selezioni ma il numero potrebbe salire ancora. Si attendono, proprio in questi giorni, nuove sentenze che non faranno altro che aumentare il caos e dare una decisa accelerata ad un cambiamento ormai improcrastinabile.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...