Diritto 23 Settembre 2014 17:46

Numero Chiuso: Università in balia di un sistema che non regge più 

Ricorsi e continue sentenze favorevoli agli studenti stanno dando il colpo di grazia ai test d’accesso a Medicina ancora prima della riforma annunciata dal ministro Giannini

Numero Chiuso: Università in balia di un sistema che non regge più 

Ricorso dopo ricorso, sentenza dopo sentenza, si infliggono colpi sempre più duri, e meglio assestati, al  Numero Chiuso. Un sistema che si sta sbriciolando, mostrando limiti e contraddizioni che da anni agitano gli studenti e ingolfano la giustizia italiana.

Ma ora gli effetti “collaterali” li stanno pagando soprattutto gli atenei: prove annullate e riammissioni in sovrannumero stanno mandando in tilt le Università, ormai chiaramente in balia del caos dei test di ammissione. Quelli per la facoltà di Medicina, proprio nel 2014 ed in particolare in queste ultime settimane, hanno sollevato un polverone attraverso il quale – secondo i ben informati  – si velocizzerà l’iter per l’abolizione a cui punta il ministro all’Istruzione Stefania Giannini. Si passerà, nonostante un corposo fronte di contrari,  al “modello francese” con porte aperte per tutti e selezione a step durante il corso di laurea.

Nel frattempo, però, ci pensano i Tribunali a delegittimare il Numero Chiuso. Dopo la recente riammissione di 500 studenti tra Napoli e Bari, nei giorni scorsi il Tar di Palermo ha dichiarato illegittimo il test dell’8 aprile scorso per l’ammissione ai corsi di Medicina e Odontoiatria alle Università di Palermo, Catania e Messina (per queste ultime si è espresso il Tar del Lazio perché quello siciliano si era dichiarato incompetente). È stata ritenuta fondata “la censura relativa alla violazione della regola dell’anonimato in ragione dell’apposizione, sulla scheda anagrafica e in quella contenente i quesiti, oltre che del codice a barre, anche del codice alfanumerico di identificazione, il che per giurisprudenza costante, anche di questo Tar, comporta la violazione del principio dell’anonimato”.

Dovranno insomma essere ammessi almeno altri 500 aspiranti camici bianchi a Medicina. Ora sono, dunque, più di 3000 le matricole in sovrannumero rispetto ai 10.500 vincitori delle selezioni ma il numero potrebbe salire ancora. Si attendono, proprio in questi giorni, nuove sentenze che non faranno altro che aumentare il caos e dare una decisa accelerata ad un cambiamento ormai improcrastinabile.

Articoli correlati
Medicina, sentenza storica: riammessi gli studenti con riserva
Il Consiglio di Stato dà ragione a Consulcesi: «Posti inferiori al fabbisogno»
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM