Diritto 9 settembre 2014

Test Medicina, un sistema che fa acqua e rischia di costarci caro

Oltre duemila aspiranti camici bianchi riammessi dal Tar solo quest’anno. Risarcite due studentesse ingiustamente escluse

Immagine articolo

Il mese di settembre è quello dei test d’ingresso a Medicina e giocoforza si riaccende la polemica su un sistema pieno di lacune, bersagliato da critiche e sul quale è in piedi da tempo anche una riflessione da parte del Governo. Il ministro all’Istruzione Stefania Giannini sembra decisa a modificarlo sulla falsariga di quello francese. Una strada che non convince appieno tutti.

Resta comunque l’esigenza di mettersi alle spalle un Numero Chiuso che fa acqua da tutte le parti, rischia di mandare in tilt il sistema universitario ed ha costi sempre più pesanti sulle casse dello Stato. In più continua ad incassare brutti colpi anche dalla magistratura. Gli ultimissimi casi hanno riacceso la spia: il Tar ha riammesso duemila studenti in sovrannumero a Napoli, Bari ed in altre Facoltà: le anomalie registrate durante le prove dell’8 aprile scorso hanno spinto il Tribunale Amministrativo Regionale a prendere questa decisione in via cautelativa; il Consiglio di Stato ha invece accolto le istanze presentate da due studentesse che nel 2008 erano state escluse dai test di Medicina all’Università di Messina, successivamente invalidati a causa di alcune irregolarità. Questa sentenza ha fatto molto scalpore in quanto, oltre alla riammissione, per le due studentesse i giudici hanno disposto anche un risarcimento economico – quantificato, in questo caso, in 10mila euro ciascuna – per il “ritardato ingresso nel mondo accademico e conseguentemente del lavoro”.

Il segretario della Conferenza dei corsi di laurea delle professioni sanitarie, Angelo Mastrillo, parla di un “pasticcio” e mette in evidenza che “ai duemila studenti di Medicina che si immatricoleranno in sovrannumero, potrebbero aggiungersene altri essere visto che sono stati presentati oltre 4mila ricorsi”. “Fino a quando non ci saranno regole chiare e precise, sarà sempre così”, gli fa eco il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli, Bruno Zuccarelli, specificando che “il numero programmato è un traguardo giusto al quale siamo arrivato nel tempo, ma è del tutto vanificato da questo stato di confusione cronica”. Il presidente della commissione Affari Sociali della Camera Pierpaolo Vargiu bolla come “inutili” i test pur auspicando una riforma che sia “uno shock liberale, stimoli una nuova cultura della competitività, ma non un Trivial Pursuit”. Il deputato Filippo Crimì storce il naso davanti al sistema francese incontrando il favore di Federspecializzandi che reputa importante mantenere l’accesso programmato ai corsi di tutte le professioni di ambito sanitario, “ma – afferma il presidente Alicino – basando la programmazione sulle necessità di numero, tipologia e competenze di risorse umane del Ssn”. Sulla questione il ministro della Salute Lorenzin è però categorica: “Senza il numero chiuso sarebbe un disastro, condanneremmo un’intera generazione di medici non solo alla disoccupazione, ma anche all’ignoranza”.

Al fianco degli studenti si schiera Consulcesi. “Il proliferare di sentenze sempre più favorevoli agli studenti che fanno ricorso – spiega l’avvocato Sara Saurini, responsabile Area Legale Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi – conferma che il sistema del numero chiuso, così com’è strutturato, non offre garanzie di legittimità dello svolgimento delle prove e necessita, per questo motivo, di modifiche urgenti”. È per questo che Consulcesi è “pronta a sostenere la battaglia degli studenti ingiustamente esclusi dai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia. E non solo a quelli che hanno concorso alla prova selettiva del 2014”.

Per tutte le informazioni sono a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde dedicato 800.122.777 e il sito www.numerochiuso.info.

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...