Diritto 9 settembre 2014

Test Medicina, un sistema che fa acqua e rischia di costarci caro

Oltre duemila aspiranti camici bianchi riammessi dal Tar solo quest’anno. Risarcite due studentesse ingiustamente escluse

Immagine articolo

Il mese di settembre è quello dei test d’ingresso a Medicina e giocoforza si riaccende la polemica su un sistema pieno di lacune, bersagliato da critiche e sul quale è in piedi da tempo anche una riflessione da parte del Governo. Il ministro all’Istruzione Stefania Giannini sembra decisa a modificarlo sulla falsariga di quello francese. Una strada che non convince appieno tutti.

Resta comunque l’esigenza di mettersi alle spalle un Numero Chiuso che fa acqua da tutte le parti, rischia di mandare in tilt il sistema universitario ed ha costi sempre più pesanti sulle casse dello Stato. In più continua ad incassare brutti colpi anche dalla magistratura. Gli ultimissimi casi hanno riacceso la spia: il Tar ha riammesso duemila studenti in sovrannumero a Napoli, Bari ed in altre Facoltà: le anomalie registrate durante le prove dell’8 aprile scorso hanno spinto il Tribunale Amministrativo Regionale a prendere questa decisione in via cautelativa; il Consiglio di Stato ha invece accolto le istanze presentate da due studentesse che nel 2008 erano state escluse dai test di Medicina all’Università di Messina, successivamente invalidati a causa di alcune irregolarità. Questa sentenza ha fatto molto scalpore in quanto, oltre alla riammissione, per le due studentesse i giudici hanno disposto anche un risarcimento economico – quantificato, in questo caso, in 10mila euro ciascuna – per il “ritardato ingresso nel mondo accademico e conseguentemente del lavoro”.

Il segretario della Conferenza dei corsi di laurea delle professioni sanitarie, Angelo Mastrillo, parla di un “pasticcio” e mette in evidenza che “ai duemila studenti di Medicina che si immatricoleranno in sovrannumero, potrebbero aggiungersene altri essere visto che sono stati presentati oltre 4mila ricorsi”. “Fino a quando non ci saranno regole chiare e precise, sarà sempre così”, gli fa eco il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli, Bruno Zuccarelli, specificando che “il numero programmato è un traguardo giusto al quale siamo arrivato nel tempo, ma è del tutto vanificato da questo stato di confusione cronica”. Il presidente della commissione Affari Sociali della Camera Pierpaolo Vargiu bolla come “inutili” i test pur auspicando una riforma che sia “uno shock liberale, stimoli una nuova cultura della competitività, ma non un Trivial Pursuit”. Il deputato Filippo Crimì storce il naso davanti al sistema francese incontrando il favore di Federspecializzandi che reputa importante mantenere l’accesso programmato ai corsi di tutte le professioni di ambito sanitario, “ma – afferma il presidente Alicino – basando la programmazione sulle necessità di numero, tipologia e competenze di risorse umane del Ssn”. Sulla questione il ministro della Salute Lorenzin è però categorica: “Senza il numero chiuso sarebbe un disastro, condanneremmo un’intera generazione di medici non solo alla disoccupazione, ma anche all’ignoranza”.

Al fianco degli studenti si schiera Consulcesi. “Il proliferare di sentenze sempre più favorevoli agli studenti che fanno ricorso – spiega l’avvocato Sara Saurini, responsabile Area Legale Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi – conferma che il sistema del numero chiuso, così com’è strutturato, non offre garanzie di legittimità dello svolgimento delle prove e necessita, per questo motivo, di modifiche urgenti”. È per questo che Consulcesi è “pronta a sostenere la battaglia degli studenti ingiustamente esclusi dai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia. E non solo a quelli che hanno concorso alla prova selettiva del 2014”.

Per tutte le informazioni sono a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde dedicato 800.122.777 e il sito www.numerochiuso.info.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...