Diritto 1 luglio 2014

Precari sanità: pioggia di critiche sulla bozza proposta dal governo

Fials e Fassid sul piede di guerra: il sottosegretario alla Salute De Filippo tenta una mediazione

Immagine articolo

Un mare di critiche ha inondato il dibattito sulla nuova bozza del Dpcm, relativa ai lavoratori precari in sanità e contenente le osservazioni provenienti dai ministeri della Funzione Pubblica e dell’Economia.


Nel decreto viene stabilito che non oltre il 31 dicembre del 2016 gli enti potranno bandire concorsi
per titoli ed esami, per assunzioni del personale a tempo indeterminato, ferme restando le graduatorie dei concorsi pubblici e continuando a tenere conto del personale che entro lo scorso 30 ottobre ha maturato almeno tre anni di servizio (anche non continuativo) nell’ultimo quinquennio. Sarà inoltre possibile prorogare i contratti a tempo determinato fino al compimento delle procedure e, in ogni caso, entro il 31 dicembre del 2016.

Su questi punti i sindacati hanno subito sollevato alcune obiezioni. Per la Fials si tratta di un testo inaccettabile in quanto “la salute non può e non deve essere garantita con forme contrattuali diverse da quelle a tempo indeterminato”.

Molto critica anche la Fassid (la federazione che unisce Aupi, Aipac, Simet, Snr Dirigenti e Sinafo), secondo cui il Dpcm “è davvero inaccettabile” e “salva al massimo un 10 per cento dei precari”.

Molti dei problemi sollevati dai sindacati sono stati condivisi dal ministero della Salute, nella persona del sottosegretario Vito De Filippo, il quale proverà a mediare tra le rivendicazioni dei lavoratori e le esigenze del governo.

Articoli correlati
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro Grillo, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario ‘modello’. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Contratto medici, il 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Di Tullio (Fassid): «Basta improvvisazioni in sanità»
La coordinatrice nazionale della federazione spiega i motivi dello stato di agitazione proclamato dall’intersindacale, che vanno al di là del contratto della dirigenza: «Avvertiamo una precisa volontà contraria alla sanità pubblica»
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...