Diritto 1 Luglio 2014

Precari sanità: pioggia di critiche sulla bozza proposta dal governo

Fials e Fassid sul piede di guerra: il sottosegretario alla Salute De Filippo tenta una mediazione

Immagine articolo

Un mare di critiche ha inondato il dibattito sulla nuova bozza del Dpcm, relativa ai lavoratori precari in sanità e contenente le osservazioni provenienti dai ministeri della Funzione Pubblica e dell’Economia.


Nel decreto viene stabilito che non oltre il 31 dicembre del 2016 gli enti potranno bandire concorsi
per titoli ed esami, per assunzioni del personale a tempo indeterminato, ferme restando le graduatorie dei concorsi pubblici e continuando a tenere conto del personale che entro lo scorso 30 ottobre ha maturato almeno tre anni di servizio (anche non continuativo) nell’ultimo quinquennio. Sarà inoltre possibile prorogare i contratti a tempo determinato fino al compimento delle procedure e, in ogni caso, entro il 31 dicembre del 2016.

Su questi punti i sindacati hanno subito sollevato alcune obiezioni. Per la Fials si tratta di un testo inaccettabile in quanto “la salute non può e non deve essere garantita con forme contrattuali diverse da quelle a tempo indeterminato”.

Molto critica anche la Fassid (la federazione che unisce Aupi, Aipac, Simet, Snr Dirigenti e Sinafo), secondo cui il Dpcm “è davvero inaccettabile” e “salva al massimo un 10 per cento dei precari”.

Molti dei problemi sollevati dai sindacati sono stati condivisi dal ministero della Salute, nella persona del sottosegretario Vito De Filippo, il quale proverà a mediare tra le rivendicazioni dei lavoratori e le esigenze del governo.

Articoli correlati
Def 2019, Bonaccini: «A rischio il fondo sanitario». Grillo replica: «Pronta a farmi saltare in aria se lo toccano»
Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini si dice «preoccupato per il Def. Il Paese entra in una recessione praticamente tecnica, con crescita pari a zero»
Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione del Simmas
Di Direttivo Simmas (Sindacato Italiano Massofisioterapisti Massaggiatori Sportivi)
L’ematologo Massimo Cardillo sarà il nuovo direttore generale del Centro Nazionale Trapianti
Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha nominato l’ematologo Massimo Cardillo nuovo direttore generale del Centro Nazionale Trapianti. L’incarico avrà durata quinquennale a decorrere dall’11 marzo 2019. “Voglio fare i migliori auguri al neodirettore  Massimo Cardillo – dichiara il ministro Grillo –  perché prende le redini di un’istituzione modello in Europa e nel mondo. Il […]
Senato, approvato il Dl Semplificazioni. Le principali misure che riguardano la sanità, dal personale SSN al payback
Il mancato superamento del tetto di spesa per le assunzioni nel SSN fa infuriare i sindacati. Tra le disposizioni approvate, anche misure per far fronte alla carenza di medici di medicina generale e la modifica del comma 687 della Legge di Bilancio
Quasi 6 miliardi la spesa delle strutture sanitarie pubbliche nel 2017 per i dispositivi medici
L’aumento rispetto all’anno precedente è del 2,6%. Oltre un milione gli apparecchi censiti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...