Diritto 9 Giugno 2014

La Corte dei Conti passa ai raggi X la spesa sanitaria italiana

Il rapporto certifica il contenimento dei costi e chiede di mantenere alto il livello delle prestazioni considerando l’esigenza di investire nelle nuove tecnologie

Immagine articolo

La Corte dei Conti analizza la spesa sanitaria italiana e indica la via per tenere alto il livello di prestazioni elargite ai cittadini dal Ssn nonostante i tagli di spesa sempre più profondi che ne minano l’equilibrio.

È tutto contenuto nel “rapporto 2014 sul coordinamento della finanza pubblica”, in cui i giudici contabili stilano un bilancio di come sono state spese le risorse pubbliche riservate al settore della sanità rispetto agli anni scorsi e, di conseguenza, cosa dobbiamo verosimilmente aspettarci nel prossimo futuro. Sono da escludere nuovi tagli e le risorse per nuovi investimenti vanno cercate nel budget già messo a disposizione perché la cinghia è già fin troppo stretta.

Il quadro che ne esce vede un sistema sanitario nazionale che ha subito negli ultimi anni un contenimento dei costi molto importante ma che ha allo stesso tempo bisogno di una rimodulazione dell’intero sistema che garantisca prestazioni di livello per tutti. L’indicazione è quella di trovare le risorse necessarie all’interno del settore, in modo da azzerare gradualmente i disavanzi di varie regioni senza nuove iniezioni di risorse pubbliche ma esclusivamente attraverso una riorganizzazione delle strutture. Si potrebbe, ad esempio, chiudere i piccoli ospedali in modo da tagliare migliaia di posti letto e risparmiare quelle risorse necessarie per implementare l’assistenza domiciliare e territoriale.

Altro punto fondamentale da tenere in considerazione in una fase di “revisione dei confini entro cui estendere le prestazioni pubbliche” è rappresentato da una riformulazione della compartecipazione alla spesa (ovvero dei ticket sanitari): secondo i giudici servirebbe “prevedere una tariffa per alcune prestazioni, attraverso un riferimento determinante alla condizione economica del nucleo familiare” e procedere “ad una attenta revisione delle ragioni di esenzione”. Una proposta sensata potrebbe essere quella di fissare un tetto massimo di spesa compartecipata annuale per famiglia stabilita in base al reddito: nel caso in cui questa soglia dovesse essere superata le prestazioni verrebbero comunque fornite gratuitamente.

Tutte le risorse risparmiate devono, secondo i giudici, contribuire al riavvio degli investimenti nel settore: “I nuovi scenari della domanda e dell’assistenza, le nuove tecnologie, gli obiettivi di appropriatezza e di efficienza tecnica ed economica delle strutture sanitarie richiedono, oltre ad una attenta ridefinizione degli assetti organizzativi, anche investimenti per la riconversione delle strutture ospedaliere dismesse, per potenziare l’offerta strutturale e tecnologica a livello territoriale e distrettuale”.

Altro capitolo del rapporto riguarda infine alcune valutazioni sui “costi standard”: da un lato possono dimostrarsi utili per contenere la spesa sanitaria, dall’altro va però trovata “una migliore metodologia di individuazione” degli stessi. Metodologia che è “strettamente legata al processo di certificazione dei dati contabili nonché all’implementazione in ogni regione ed in ogni azienda sanitaria di sistemi di controllo di gestione e di contabilità analitica”.

Tags

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»
Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la malpractice facendo giustizia di questi numeri impossibili»
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
ECM, l’annuncio del ministro Grillo: «Nuovo sistema di incentivi e premialità per la formazione dei professionisti sanitari»
Si è insediata al ministero la nuova Commissione nazionale per la formazione presieduta dal ministro della Salute, che ha commentato: «Da oggi cambio di rotta per il bene del nostro SSN: superare l’attuale sistema sanzionatorio e punitivo»
Contenzioso medico-legale, un costo enorme per ospedali e Asl. La spesa più alta nel meridione
Una spesa di 190 milioni di euro nel 2018 per il SSN derivante dalle cause di contenziosi in sanità. Le strutture sanitarie meridionali le più colpite con il 63% delle spese legali complessive. È quanto emerge dall’indagine di Demoskopika sulle performance delle regioni italiane in sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano