Diritto 9 giugno 2014

Ex specializzandi, non si fermano i rimborsi

Oggi a Napoli consegnati assegni per altri 6 milioni di euro. Consulcesi: “Il 16 giugno nuova azione collettiva”

Immagine articolo

Sono sempre più numerosi i camici bianchi che, non avendo ricevuto il corretto trattamento economico sancito da alcune direttive europee per gli anni di specializzazione in medicina, fanno ricorso attraverso azioni collettive ed ottengono – dallo Stato – i rimborsi negati durante la scuola di formazione.

La giurisprudenza in tema è ormai consolidata e le cifre riconosciute dai Tribunali di tutta Italia sono da capogiro. Proprio in queste ore Consulcesi, la maggiore realtà italiana, e tra le principali in Europa, nell’ambito della tutela del professionista sanitario, sta consegnando a Napoli altri assegni per oltre sei milioni di euro ai camici bianchi che hanno vinto il loro ricorso a seguito delle azioni collettive intraprese.
Sul tema, Sanità Informazione ha ascoltato Maria Rosa Gaudio, specializzata in Patologia Generale, una delle migliaia di medici che hanno già ricevuto il rimborso per gli anni di scuola post-laurea.

Dottoressa Gaudio, proprio mentre parliamo, a Napoli decine di suoi colleghi stanno finalmente ricevendo gli assegni di rimborso per gli anni di specializzazione non pagati. Ci racconti lei, che ha già vissuto quest’esperienza, e conosce le sensazioni, cosa si prova.
E’ stato un momento indimenticabile, soprattutto perché era un traguardo dovuto e fortemente sperato, ma di certo non scontato, né per me né per i miei colleghi. Ho avuto la fortuna di ricevere il mio assegno nella sede dell’OMCeO di Roma, e questo ha assunto un duplice significato: la gratificazione personale, nel ricevere una somma di tutto rispetto, e la soddisfazione professionale, a nome dell’intera categoria, o meglio di quella parte di essa che per molti anni è stata trascurata, e non si è vista riconoscere l’impegno e la professionalità dimostrata.

Gli anni di specializzazione sono difficili per molti studenti, che devono conciliare lo studio con la necessità di mantenersi economicamente… Per lei che periodo è stato in questo senso?
Fortunatamente  in quegli anni ero sposata, ed economicamente non avevo problematiche pressanti. Come donna, però, soffrivo del fatto di non avere la mia indipendenza economica, un punto d’arrivo importante nella vita di ognuno di noi. Ho svolto la specializzazione dai 24 ai 28 anni, e il riconoscimento di una retribuzione avrebbe senz’altro dato uno slancio diverso alla mia formazione professionale e individuale.

Le istituzioni hanno la necessità di affrontare questo problema, e infatti nel giro di pochi mesi sono stati presentati due disegni di legge per tentare un accordo transattivo…
Le istituzioni dovrebbero prendere coscienza del problema al 100%. So che c’è già un interessamento in tal senso e sono al corrente dei passi avanti che si stanno facendo , ma sarebbe bene arrivare a questa transazione quanto prima, soprattutto considerando la situazione economica in cui versa il Paese. E’ un iter che dovrebbe concludersi in modo tale da mettere d’accordo entrambe le parti, e che consenta anche allo Stato un beneficio economico.

La somma di cui ci ha parlato è arrivata – in un certo senso – inaspettata. Come pensa di utilizzarla?
Innanzitutto ho fatto ciò che ogni buona madre farebbe: un bel regalo ai miei figli! Dopodiché ho pensato al mio futuro e, visti i tempi che corrono, ho deciso di essere lungimirante e di versare parte della somma per la previdenza. Infine, ho programmato un bel viaggio estivo con la mia famiglia.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...