Diritto 26 maggio 2015

Ex specializzandi, i medici mettono fretta al Parlamento Migliaia di firme all’appello: «Subito Ddl»

Oltre 5mila firme in una settimana per la petizione lanciata sul sito di Consulcesi E intanto lo Stato continua a pagare: assegni per oltre 7 milioni anche a Bologna

Immagine articolo

Oltre 5mila firme in appena una settimana. Partenza con il botto per la petizione on line lanciata per ottenere che il Parlamento trasformi in legge i Ddl che propongono l’accordo transattivo con gli ex specializzandi, cui è stato negato il corretto trattamento economico durante la scuola post laurea, frequentata tra il 1982 ed il 2006.

L’iniziativa di Consulcesi ha trovato, dunque, una massiccia adesione tra i medici, che con le loro firme stanno lanciando un chiaro messaggio alle Istituzioni: vogliono che si arrivi al più presto ad una soluzione. E l’impressione è che sia una volontà condivisa anche da parte delle forze politiche: dall’opposizione alla maggioranza, tanto più che il terzo ed ultimo Disegno di legge (Atto Senato n. 1548) in materia ha il senatore del Pd Carlo Lucherini come primo firmatario.  Gli altri due erano stati presentati  da Francesco Giro, Pietro Liuzzi e Luigi D’Ambrosio Lettieri, (atto n. 679), poi tornato alla carica insieme ad Andrea Augello e Piero Aiello con l’atto Senato n. 1269. D’altronde alle stesse Istituzioni preme porre un argine ad una situazione  sempre più pericolosa soprattutto per le casse dello Stato. Il rischio è infatti di un esborso complessivo di oltre 4 miliardi di euro.

Una cifra enorme che potrebbe tranquillamente provocare un default finanziario. Ipotesi non proprio campata all’aria alla luce di sentenze che arrivano ormai sempre più rapidamente con una giurisprudenza totalmente favorevole ai medici. La Presidenza del Consiglio ha cominciato a risparmiare qualcosa, velocizzando i pagamenti dei rimborsi: immediatamente dopo la notifica della sentenza per limitare le spese legate ad interessi e more. Chiaramente non è ancora sufficiente. Dal canto proprio i medici vogliono chiudere anticipatamente la partita ed il risultato, ancora provvisorio ma già significativo della petizione, lo conferma. Va specificato che l’accordo transattivo sarà valido solo per chi avrà fatto ricorso ed a tal proposito sta per partire la nuova azione collettiva  di Consulcesi, che proprio in questi giorni è stata protagonista di un’altra maxi-consegna di assegni agli ex specializzandi. Il “Giro d’Italia” dei rimborsi della principale realtà di tutela medica ha fatto tappa a Bologna con oltre 7 milioni di euro consegnati a decine di camici bianchi. Per loro è stata finalmente fatta giustizia, ma sono migliaia ancora in attesa di veder riconosciuto un diritto certo ed a chieder con forza che una legge ponga fine a quell’ ingiustizia.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...