Diritto 19 Settembre 2016

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un accordo transattivo valido solo per chi avrà presentato ricorso

«Conosciamo il problema e troveremo una soluzione». Queste le parole con le quali il Viceministro all’Economia Enrico Zanetti ha ribadito le intenzioni del governo sulla risoluzione del lungo contenzioso tra Stato e medici specialisti. La vicenda riguarda il rimborso degli anni di specializzazione di coloro che hanno frequentato i corsi tra il 1978 e il 2006 e che hanno prestato servizio nelle strutture sanitarie di tutta Italia senza ricevere il giusto compenso. La dichiarazione d’intenti del Viceministro Zanetti fa seguito alla presentazione in Parlamento, avvenuta nel mese di maggio, del Ddl n. 2400, oggi all’esame della Commissione VII Istruzione Pubblica, Beni Culturali.

Il disegno di legge è inteso a sanare la frattura con la normativa europea in materia, postasi all’origine di una copiosa produzione giurisprudenziale sia a livello europeo – celebri le sentenze del 25/02/1999 e del 03/10/2000 della Corte di Giustizia Europea – sia a livello nazionale. Il mancato rispetto delle direttive europee, infatti, sta costando parecchio alle casse dello Stato, che ogni anno paga alle istituzioni europee circa 180 milioni di euro di multe per le numerose infrazioni. Poco in confronto al pericolo di esborso totale stimato di oltre 5 miliardi di euro. Il Disegno di legge propone un accordo transattivo tra Stato e medici, che si vedranno attribuiti un rimborso forfettario di 11mila euro per ogni annualità a chi si è specializzato tra il 1978 ed il 1993, e di 10mila euro a quanti hanno frequentato la scuola post-laurea in Medicina tra il 1994 ed il 2006.

La transazione, valida solo per chi avrà presentato ricorso, consentirà non soltanto di fare giustizia una volta per tutte, affermando diritti stabilmente acquisiti dalla classe medica, ma faciliterà l’alleggerimento dei lavori nei tribunali, allineando il nostro Paese a quanto stabilito dalle normative europee. I medici che non hanno ancora fatto ricorso potranno rimediare prendendo parte alla prossima azione collettiva promossa da Consulcesi, realtà che ha già ottenuto il riconoscimento di oltre 450 milioni di euro in favore dei suoi assistiti. «La volontà politica di mettere fine alla vicenda è chiara – afferma il Presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella –. Molto presto la questione verrà chiusa e suggeriamo ai medici di non perdere questa opportunità, presentando ricorso. Il 15 dicembre faremo partire una nuova azione collettiva per la quale numerosi OMCeO, Enti, Associazioni, Sindacati e Società Scientifiche hanno convenzionato tutti i loro iscritti. Per qualsiasi informazione sono a disposizione i nostri 1000 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it».

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «Alzare il limite da 45 a 50 anni o molti resteranno fuori»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone