Diritto 27 maggio 2014

Deontologia medica, Bianco: “Non è un codice difensivo”

Il presidente FNOMCeO, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega come si è arrivati alle nuove regole e aggiunge: “Non abbiamo paura delle innovazioni”

Immagine articolo

Una sanità che guarda al futuro e che “non teme” le innovazioni che in questi ultimi anni si sono susseguite non solo in ambito medico, ma nella vita di tutti i giorni.

Il presidente FNOMCeO Amedeo Bianco spiega così, in un’intervista esclusiva, quali sono stati i motivi e le idee che hanno portato gli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di tutta Italia a mettersi attorno ad un tavolo per cambiare le regole del gioco, rimaste identiche dall’ormai lontano 2006. Il voto finale non è stato unanime, ma il documento è ora valido per tutti i camici bianchi italiani.

Presidente Bianco, nasce oggi il nuovo Codice Deontologico. Un testo che lei ha fortemente voluto.

Non l’ho voluto solo io, ma anche tutte le centinaia di colleghi che hanno intrapreso questo cammino durato due anni e caratterizzato dal massimo coinvolgimento possibile di tutte le parti in causa: dopo la stesura di due bozze, a cui sono stati apportati centinaia di emendamenti, si è poi arrivati ad un testo finale votato nei termini che conoscete. Mi pare che tutti abbiano lavorato non tanto per scrivere un nuovo codice, diverso dal precedente, ma per elaborare un testo che affrontasse le nuove realtà e i contesti che troviamo davanti a noi: parlo dello sviluppo della medicina, della sanità e dei cambiamenti della società.

Il testo affronta alcune criticità e dà delle risposte, non intende subirle. Non abbiamo paura delle innovazioni.

Lei ha sottolineato che non si tratta di un codice difensivo.

Esattamente. Il testo affronta alcune criticità e dà delle risposte, non intende subirle. Non abbiamo paura delle innovazioni: sappiamo che l’informatica ha oramai assunto un ruolo di enorme importanza in ambito sanitario e le persone che lavorano in tale campo stanno seguendo questa evoluzione. Abbiamo poi affrontato a viso aperto la questione della sanità militare: oltre duemila medici portano la divisa e bisognava risolvere il problema di professionisti che devono rispettare gli obblighi delle catene di comando e quelli deontologici. Non abbiamo considerato l’evoluzione delle organizzazioni come qualcosa di penalizzante, ma come un fattore positivo e propositivo, perché arricchisce con nuovi contenuti la storia e le competenze di questa professione. Penso ad esempio alla figura del risk manager, che fino a pochi anni fa non esisteva: oggi centinaia di professionisti svolgono prevalentemente questa funzione che richiede l’applicazione e l’acquisizione di nuove competenze.

Alcuni OMCeO si sono dichiarati non favorevoli a questo testo: una rilettura attenta potrebbe essere d’aiuto?

Lo spero e me lo auguro. Credo fossero mossi da un pregiudizio iniziale che li spingesse a considerare inutile ritoccare il codice. Poi tutto è venuto di conseguenza, al di là della contrarietà o meno su temi specifici. Penso sia utile un invito a riflettere e a condividere la vita democratica di una federazione fatta di tanti presidenti, che mai come in questa occasione si sono potuti liberamente esprimere e hanno potuto concretamente intervenire, non necessariamente all’unanimità, in un organo collegiale: il punto è che una volta che si decide, la decisione vale per tutti.

Articoli correlati
ECM, Fnomceo e Ois: salute e migranti, un corso gratuito per tutti i medici
Il corso Fad “Salute e migrazione: curare e prendersi cura” dell’Osservatorio Internazionale per la Salute si caratterizza per la particolare attenzione dedicata alle problematiche psicologiche dei migranti, con l’intento di favorire un approccio multiculturale nell’interazione tra gli operatori sanitari e gli stranieri presenti sul nostro territorio
Medicina penitenziaria, Fnomceo chiede incontro urgente al Ministro. Anelli: «Diritto alla salute deve essere garantito a tutti»
Il sistema dell'assistenza penitenziaria è stato trasformato ma nessuno oggi ha contezza di come venga condotto sul territorio nazionale. Mancano, in quest'ambito, i contratti di lavoro, mancano le definizioni dei ruoli, delle competenze sottolinea il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici
Aggressioni: Consiglio FNOMCeO approva mozione per chiedere al Governo di trasformare ddl in legge
«Il Consiglio Nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, chiede al Governo di trasmutare il disegno di legge n. 867 sulla violenza contro gli operatori sanitari, attualmente incardinato in Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica,  in un decreto-legge, in modo da renderlo immediatamente esecutivo, prevedendo che al personale medico […]
Crotone, dottoressa aggredita con cacciavite. Anelli (FNOMCeO): «Parole non bastano più: Ddl aggressioni diventi Decreto legge»
L’uomo, arrestato, rimproverava alla professionista di non aver fatto abbastanza per salvare la vita della madre. «Le brutalità nei confronti dei lavoratori della sanità sono, ormai, all’ordine del giorno. Il Parlamento approvi presto il Ddl antiviolenza. Tutta la mia solidarietà alla dottoressa», ha affermato il Ministro della Salute Giulia Grillo
Fnomceo-Regioni, nasce tavolo di confronto permanente. Anelli: «Così garantiamo tutela del diritto alla salute e difesa SSN»
Nove, sinora, gli argomenti al centro del tavolo: dal ruolo professionale del medico e dell'odontoiatra alla qualità tecnico-professionale, la valorizzazione della funzione sociale, la salvaguardia dei diritti umani e dei princìpi etici dell'esercizio professionale indicati nel codice deontologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...