Diritto 27 maggio 2014

Deontologia medica, Bianco: “Non è un codice difensivo”

Il presidente FNOMCeO, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega come si è arrivati alle nuove regole e aggiunge: “Non abbiamo paura delle innovazioni”

Immagine articolo

Una sanità che guarda al futuro e che “non teme” le innovazioni che in questi ultimi anni si sono susseguite non solo in ambito medico, ma nella vita di tutti i giorni.

Il presidente FNOMCeO Amedeo Bianco spiega così, in un’intervista esclusiva, quali sono stati i motivi e le idee che hanno portato gli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di tutta Italia a mettersi attorno ad un tavolo per cambiare le regole del gioco, rimaste identiche dall’ormai lontano 2006. Il voto finale non è stato unanime, ma il documento è ora valido per tutti i camici bianchi italiani.

Presidente Bianco, nasce oggi il nuovo Codice Deontologico. Un testo che lei ha fortemente voluto.

Non l’ho voluto solo io, ma anche tutte le centinaia di colleghi che hanno intrapreso questo cammino durato due anni e caratterizzato dal massimo coinvolgimento possibile di tutte le parti in causa: dopo la stesura di due bozze, a cui sono stati apportati centinaia di emendamenti, si è poi arrivati ad un testo finale votato nei termini che conoscete. Mi pare che tutti abbiano lavorato non tanto per scrivere un nuovo codice, diverso dal precedente, ma per elaborare un testo che affrontasse le nuove realtà e i contesti che troviamo davanti a noi: parlo dello sviluppo della medicina, della sanità e dei cambiamenti della società.

Il testo affronta alcune criticità e dà delle risposte, non intende subirle. Non abbiamo paura delle innovazioni.

Lei ha sottolineato che non si tratta di un codice difensivo.

Esattamente. Il testo affronta alcune criticità e dà delle risposte, non intende subirle. Non abbiamo paura delle innovazioni: sappiamo che l’informatica ha oramai assunto un ruolo di enorme importanza in ambito sanitario e le persone che lavorano in tale campo stanno seguendo questa evoluzione. Abbiamo poi affrontato a viso aperto la questione della sanità militare: oltre duemila medici portano la divisa e bisognava risolvere il problema di professionisti che devono rispettare gli obblighi delle catene di comando e quelli deontologici. Non abbiamo considerato l’evoluzione delle organizzazioni come qualcosa di penalizzante, ma come un fattore positivo e propositivo, perché arricchisce con nuovi contenuti la storia e le competenze di questa professione. Penso ad esempio alla figura del risk manager, che fino a pochi anni fa non esisteva: oggi centinaia di professionisti svolgono prevalentemente questa funzione che richiede l’applicazione e l’acquisizione di nuove competenze.

Alcuni OMCeO si sono dichiarati non favorevoli a questo testo: una rilettura attenta potrebbe essere d’aiuto?

Lo spero e me lo auguro. Credo fossero mossi da un pregiudizio iniziale che li spingesse a considerare inutile ritoccare il codice. Poi tutto è venuto di conseguenza, al di là della contrarietà o meno su temi specifici. Penso sia utile un invito a riflettere e a condividere la vita democratica di una federazione fatta di tanti presidenti, che mai come in questa occasione si sono potuti liberamente esprimere e hanno potuto concretamente intervenire, non necessariamente all’unanimità, in un organo collegiale: il punto è che una volta che si decide, la decisione vale per tutti.

Articoli correlati
Prima assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali, sei richieste per una sanità universalistica e uguale per tutti
I rappresentanti di oltre un milione e mezzo di professionisti hanno presentato un Manifesto con gli impegni che chiedono a Governo e Regioni: intensificare la collaborazione con le professioni sanitarie e sociali, valutare rischi e benefici dell'autonomia differenziata, superare le differenze tra i sistemi sanitari regionali, rispettare l'uguaglianza, la solidarietà, l'universalismo e l'equità alla base del SSN | GLI INTERVENTI
di Buquicchio, Cavalcanti, Cedrone
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...