Lavoro 20 Gennaio 2020 07:00

“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»

Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia

«Soffia un vento nuovo in Europa per i camici bianchi: è quello di un ritrovato umanesimo. La vicenda dei medici francesi che si rifiutano di fare cose non etiche legate alla produttività degli ospedali si correla alla riflessione avviata in Italia dalla Fnomceo sulla crisi della professione medica».

Ad esprimere vicinanza ai colleghi francesi, dopo la protesta di 1100 medici, tra i quali 600 primari, che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative, è oggi il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli, che, in un post su Facebook, traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia. La notizia della protesta è stata portata alla ribalta italiana dal Corriere della Sera e anticipata, per la stampa di settore, da Sanità Informazione.

«Qualcuno lo definisce il ritorno al primato di quanto previsto dal Giuramento di Ippocrate – constata Anelli – . Si tratta sicuramente di mettere al primo posto l’uomo, la sua dignità, i suoi bisogni, il sollievo delle sue sofferenze, anche se tutte queste cose non dovessero produrre ricavi o risultati economici. Insomma, un nuovo umanesimo che parte proprio da una professione fondamentale per assicurare nella nostra società diritti inalienabili dell’uomo come quello alla salute. In Italia si chiama medicina amministrata, in Francia eccesso di compiti amministrativi – aggiunge ancora -. Il tema è lo stesso: i medici vogliono più tempo e una nuova organizzazione che consenta loro di dedicarsi principalmente e prioritariamente alla cura del paziente».

«Il tempo dell’ascolto come tempo di cura: i nostri principi, oggi contenuti nel Codice Deontologico, sono punti di riferimento essenziali per esercitare questa straordinaria professione – conclude Anelli -. Il primato dell’uomo sull’economia rappresenta per i medici un principio irrinunciabile».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia
La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Il decreto specializzandi è una soluzione tampone. No al task shifting». Intervista a Filippo Anelli
Il presidente della FNOMCeO: «Chiediamo una ristrutturazione della formazione specialistica: va esercitata all’interno degli ospedali. Il task shifting può essere adottato solo nei Paesi del terzo mondo o nei teatri di guerra. Il tempo della comunicazione fra il medico e paziente, così come per legge, è tempo di cura»
Medici in fuga e maxipensionamenti, Zuccarelli (OMCeO): «Oggi fare il medico non ha più appeal»
Il punto su turni massacranti, formazione continua e aumento borse di specializzazione
Mascherine, i medici: «Si pensi anche a preparare gli ospedali per l’autunno, siamo sfiniti»
Il sindacato CIMO-FESMED: «In percentuale, i casi di Covid-19 tra gli operatori sanitari continuano ad essere di più rispetto alla popolazione. Rivedere i percorsi e riorganizzare le strutture sanitarie per consentire il ricovero di pazienti Covid e non Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...