Lavoro 7 Gennaio 2020

Ddl aggressioni, Bologna (M5S): «Accelerazione in Commissione: via libera dopo breve ciclo audizioni»

La capogruppo Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali rilancia l’ipotesi della procedibilità d’ufficio: «Non la possiamo definire la soluzione definitiva a tutti i problemi, ma sicuramente sarebbe un passo avanti». Poi sottolinea: «Carenza di personale incide su fenomeno»

Immagine articolo

Un breve ciclo di audizioni in Commissione, eventuali modifiche e poi subito il via libera della Commissione Affari Sociali della Camera al Ddl aggressioni. L’annuncio arriva dalla capogruppo Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali Fabiola Bologna a pochi giorni dei gravi episodi di violenza verso gli operatori sanitari che hanno funestato il periodo natalizio: dall’ambulanza sequestrata a Napoli al petardo che ha incendiato un mezzo del 118 a Sassari. Ma la lista è lunga e l’elenco è destinato a crescere. A Napoli il ministro dell’Interno Lamorgese ha predisposto dal 15 gennaio le telecamere sui mezzi di soccorso, ma il problema riguarda tutta Italia: camici bianchi e operatori della salute attendono l’approvazione definitiva del Ddl 867 che ha ricevuto a settembre il via libera di Palazzo Madama ma non ancora quello di Montecitorio. Prevede tra l’altro un inasprimento delle pene e l’istituzione di un Osservatorio nazionale sul fenomeno. Tra le possibili modifiche al Ddl c’è la procedibilità d’ufficio e l’equiparazione degli operatori ai pubblici ufficiali: «Non la possiamo definire la soluzione definitiva a tutti i problemi – commenta Bologna – ma sicuramente sarebbe un passo avanti, visto che spesso gli operatori sanitari non denunciano per paura o anche per “spirito di servizio”».

LEGGI ANCHE: ALLARME AGGRESSIONI, LA PREOCCUPAZIONE DEI CAMICI BIANCHI AL TELEFONO ROSSO. CONSULCESI: «DOBBIAMO ARRIVARE ALLA SCORTA?»

Onorevole, durante le feste è riesploso il problema delle violenze contro gli operatori sanitari, in verità mai sopito. Ambulanze dirottate, mezzi incendiati, aggressioni: perché secondo lei tanta violenza verso chi dovrebbe portare aiuto?

«Il fenomeno è complesso e le cause sono molteplici: incidono sicuramente la carenza del personale con sovraccarico di lavoro e difficoltà a rispondere a tutte le richieste e la mancanza di organizzazione, ma non vanno trascurate la scarsa consapevolezza dei cittadini sul corretto utilizzo dei servizi sanitari e una più globale mancanza di rispetto per le figure professionali. Sintomo, quest’ultimo, di una società che sta perdendo i punti di riferimento istituzionali».

Si attende il via libera della Camera al Ddl anti-aggressioni, e il ministro della Salute Speranza ha auspicato un miglioramento del testo. Voi del M5S avete delle proposte in materia?

«È importante approvare al più presto il provvedimento, quindi valuteremo gli aspetti relativi alla sicurezza sul luogo di lavoro e la prevenzione, aspetti tra l’altro già presenti e definiti nella raccomandazione ministeriale n.8 del 2007, che basterebbe applicare».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Per risolvere il problema della denuncia d’ufficio c’è chi chiede di estendere la qualifica di pubblico ufficiale agli operatori sanitari. Può essere la soluzione?

«La richiesta è la procedibilità d’ufficio per garantire che la persona che attua la violenza venga perseguita senza bisogno della denuncia di parte. Non la possiamo definire la soluzione definitiva a tutti i problemi, ma sicuramente sarebbe un passo avanti, visto che spesso gli operatori sanitari non denunciano per paura o anche per “spirito di servizio”».

Gli operatori della salute chiedono che si approvi subito la legge. Si hanno notizie sui tempi della calendarizzazione in Commissione Affari Sociali? Come capogruppo in Commissione del M5S si sente di prendere impegni sulle tempistiche?

«Il nostro impegno è quello di portare a casa il prima possibile questo importante provvedimento che sosteniamo da sempre. Il programma dei lavori di Commissione prevede da subito il proseguimento della discussione del Disegno di legge, e già prima della pausa festiva sono state acquisite le proposte dei gruppi per un breve ciclo di audizioni che hanno proprio l’obiettivo di accelerare la discussione, la definizione e l’approvazione della norma».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
Dl Rilancio, M5S punta a stabilizzare precari sanità. Nesci: «Obiettivo è fare direttamente contratti a tempo indeterminato»
Presentato un emendamento al Dl Rilancio che prevede anche per il settore della sanità che il requisito dei tre anni per accedere alla stabilizzazione debba essere posseduto al 31 dicembre 2020. La deputata Dalila Nesci: «Questione atavica, c’è stata anche procedura di infrazione europea su questi temi. Ora proviamo a sanare vulnus». E assicura: «Il Governo è d’accordo»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Ddl aggressioni, Cifaldi: «Occasione persa assenza obbligo aziende di costituirsi parte civile»
Alla Camera dei Deputati è saltato l’obbligo da parte delle Asl e delle aziende ospedaliere di procedere d’ufficio costituendosi parte civile nei processi che coinvolgono i medici e gli altri operatori sanitari vittime d’aggressione. LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, VIA LIBERA DALLA CAMERA: PENE PIU SEVERE E MULTE FINO A 5MILA EURO. SALTA OBBLIGO DI COSTITUZIONE PARTE […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...