Lavoro 7 Gennaio 2020 17:37

Ddl aggressioni, Bologna (M5S): «Accelerazione in Commissione: via libera dopo breve ciclo audizioni»

La capogruppo Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali rilancia l’ipotesi della procedibilità d’ufficio: «Non la possiamo definire la soluzione definitiva a tutti i problemi, ma sicuramente sarebbe un passo avanti». Poi sottolinea: «Carenza di personale incide su fenomeno»

Ddl aggressioni, Bologna (M5S): «Accelerazione in Commissione: via libera dopo breve ciclo audizioni»

Un breve ciclo di audizioni in Commissione, eventuali modifiche e poi subito il via libera della Commissione Affari Sociali della Camera al Ddl aggressioni. L’annuncio arriva dalla capogruppo Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali Fabiola Bologna a pochi giorni dei gravi episodi di violenza verso gli operatori sanitari che hanno funestato il periodo natalizio: dall’ambulanza sequestrata a Napoli al petardo che ha incendiato un mezzo del 118 a Sassari. Ma la lista è lunga e l’elenco è destinato a crescere. A Napoli il ministro dell’Interno Lamorgese ha predisposto dal 15 gennaio le telecamere sui mezzi di soccorso, ma il problema riguarda tutta Italia: camici bianchi e operatori della salute attendono l’approvazione definitiva del Ddl 867 che ha ricevuto a settembre il via libera di Palazzo Madama ma non ancora quello di Montecitorio. Prevede tra l’altro un inasprimento delle pene e l’istituzione di un Osservatorio nazionale sul fenomeno. Tra le possibili modifiche al Ddl c’è la procedibilità d’ufficio e l’equiparazione degli operatori ai pubblici ufficiali: «Non la possiamo definire la soluzione definitiva a tutti i problemi – commenta Bologna – ma sicuramente sarebbe un passo avanti, visto che spesso gli operatori sanitari non denunciano per paura o anche per “spirito di servizio”».

LEGGI ANCHE: ALLARME AGGRESSIONI, LA PREOCCUPAZIONE DEI CAMICI BIANCHI AL TELEFONO ROSSO. CONSULCESI: «DOBBIAMO ARRIVARE ALLA SCORTA?»

Onorevole, durante le feste è riesploso il problema delle violenze contro gli operatori sanitari, in verità mai sopito. Ambulanze dirottate, mezzi incendiati, aggressioni: perché secondo lei tanta violenza verso chi dovrebbe portare aiuto?

«Il fenomeno è complesso e le cause sono molteplici: incidono sicuramente la carenza del personale con sovraccarico di lavoro e difficoltà a rispondere a tutte le richieste e la mancanza di organizzazione, ma non vanno trascurate la scarsa consapevolezza dei cittadini sul corretto utilizzo dei servizi sanitari e una più globale mancanza di rispetto per le figure professionali. Sintomo, quest’ultimo, di una società che sta perdendo i punti di riferimento istituzionali».

Si attende il via libera della Camera al Ddl anti-aggressioni, e il ministro della Salute Speranza ha auspicato un miglioramento del testo. Voi del M5S avete delle proposte in materia?

«È importante approvare al più presto il provvedimento, quindi valuteremo gli aspetti relativi alla sicurezza sul luogo di lavoro e la prevenzione, aspetti tra l’altro già presenti e definiti nella raccomandazione ministeriale n.8 del 2007, che basterebbe applicare».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Per risolvere il problema della denuncia d’ufficio c’è chi chiede di estendere la qualifica di pubblico ufficiale agli operatori sanitari. Può essere la soluzione?

«La richiesta è la procedibilità d’ufficio per garantire che la persona che attua la violenza venga perseguita senza bisogno della denuncia di parte. Non la possiamo definire la soluzione definitiva a tutti i problemi, ma sicuramente sarebbe un passo avanti, visto che spesso gli operatori sanitari non denunciano per paura o anche per “spirito di servizio”».

Gli operatori della salute chiedono che si approvi subito la legge. Si hanno notizie sui tempi della calendarizzazione in Commissione Affari Sociali? Come capogruppo in Commissione del M5S si sente di prendere impegni sulle tempistiche?

«Il nostro impegno è quello di portare a casa il prima possibile questo importante provvedimento che sosteniamo da sempre. Il programma dei lavori di Commissione prevede da subito il proseguimento della discussione del Disegno di legge, e già prima della pausa festiva sono state acquisite le proposte dei gruppi per un breve ciclo di audizioni che hanno proprio l’obiettivo di accelerare la discussione, la definizione e l’approvazione della norma».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»
Il 46% degli assalti avviene in ospedali e cliniche. Il 28% nei servizi di assistenza sociale residenziale. In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo, l’Istituto analizza gli infortuni lavorativi derivanti da aggressioni e minacce
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...