Lavoro 8 Settembre 2021 15:05

Cybersicurezza, Nicora (FIASO): «Urgente investire in “immunità di gregge” dei sistemi informativi sanitari»

Il vicepresidente FIASO: «Smartworking e telemedicina sono nuove porte a diposizione degli hacker. Per garantire più sicurezza investire in formazione. Dotare i device sanitari di certificato che ne attesti il grado di cybersecurity».

di Isabella Faggiano

Criptano i dati informatici e sono disposti a decriptarli solo dietro pagamento di un riscatto. O, ancora, se ne impossessano per poi rivenderli a caro prezzo. È così che gli hacker incrementano il loro business illegale. Un giro illecito che ora ha allungato i suoi tentacoli anche sul Sistema Sanitario Nazionale. «Il ripetersi di episodi di violazione della sicurezza informatica del SSN, come gli attacchi  hacker ai server dell’Agenzia regionale di Sanità della Toscana e della Regione Lazio, è un campanello d’allarme», dice Carlo Nicora, vicepresidente della Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere (FIASO) e Direttore generale della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia. «Un avvertimento da non trascurare soprattutto ora che, attraverso il PNRR, la digitalizzazione del comparto sanità subirà una decisiva accelerata», aggiunge.

L’impegno di FIASO

L’interesse dalle FIASO alla cybersicurezza non è una novità: si è dedicata, con costanza, nel corso degli anni, ad attività di rafforzamento della prevenzione dei fattori di rischio, collaborando anche con l’AGID (l’Agenzia per l’Italia Digitale) e la Polizia postale. «Per i sistemi informativi della Sanità pubblica è necessaria “un’immunità di gregge” – sottolinea Nicora -. Finora ci siamo sempre dedicati a progettarne la struttura, garantendo, attraverso appositi backup, la duplicazione dei dati». Attualmente, alla luce dell’’interesse che gli hacker hanno mostrato per il SSN è necessario occuparsi anche della loro sicurezza, scongiurando ulteriori pericoli.

Le minacce possibili

«I rischi sono sostanzialmente due – aggiunge il vicepresidente della FIASO – : i dati operativi, come quelli del sistema di prenotazione di visite specialistiche, dell’accettazione di un ricovero o di presa in carico al Pronto soccorso, possono essere criptati. Oppure questi stessi dati possono finire sul mercato nero. Quest’ultimo rischio, in un Paese come l’Italia dotato di un sistema sanitario pubblico, è meno cogente. Più pericolosa, invece, la criptazione dei dati. In una condizione di emergenza, le nostre aziende sono in grado di lavorare anche senza l’informatizzazione, ritornando ad utilizzare la “vecchia” carta. Un ospedale deve necessariamente accogliere e curare i pazienti. Ma questo meccanismo alternativo può reggere non oltre le 48 ore».

Come difendersi

L’unica soluzione possibile, dunque, pare essere impedire agli hacker di entrare nei nostri sistemi. Come? «Investendo una parte delle risorse del PNNR previste per lo sviluppo della digitalizzazione nella cybersecurity. Lo smartworking e la telemedicina sono nuove porte d’accesso ai dati sanitari che, come tali, vanno adeguatamente tutelate. Per garantire la sicurezza dei sistemi informativi sanitari è necessario che si investa in formazione di competenze specifiche e, più in generale, nella crescita di una cultura diffusa della prevenzione dei rischi informatici, in assenza della quale qualunque impegno di risorse potrebbe essere vanificato. Se finora le aziende produttrici dei dispositivi medici hanno certificato la qualità dei propri prodotti prima di immetterli sul mercato, da questo momento sarà necessario prevedere un’attestazione aggiuntiva che – conclude – ne attesti anche il grado di cybersecurity».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scuola, appello ai pediatri: «Parlate a genitori e ragazzi, il vaccino è fondamentale per la didattica in presenza»
Di Mauro (SIPPS) punta sulla corretta informazione scientifica per fugare dubbi e paure. Barbi (FIASO): «I giovani chiedono di vaccinarsi, mentre i genitori temono effetti collaterali a lunga scadenza. È importante tranquillizzarli»
di Federica Bosco
La “calda” estate di medici e professionisti sanitari. Petralia (Fiaso): «Ora lo sprint della campagna vaccinale»
Il vicepresidente della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere: «Il 90% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva non ha effettuato nemmeno la prima dose di vaccino. Non sono più ultraottantenni, ma adulti tra i 50 e i 70 anni»
di Isabella Faggiano
Da oggi via libera alle visite ai reparti ospedalieri grazie a Green pass. FIASO: «Garantisce sicurezza e umanizzazione cure ai pazienti»
A partire da oggi entra in vigore il Dl 105 del 23 luglio che completa gli ambiti di applicazione del certificato verde
Cybersecurity, Boldrini (Pd): «Coinvolgere il ministero Salute, dati sanitari sono i più sensibili»
«La cybersicurezza è strategica e riguarda sempre di più da vicino anche la salute dei cittadini, come purtroppo sta dimostrando l’attacco degli hacker alla piattaforma sanitaria della Regione Lazio. Abbiamo appena approvato la legge che istituisce l’Agenzia nazionale per la cybersicurezza e che prevede un comitato interministeriale per la sicurezza informatica. Ciò significa che nei […]
FIASO completa il rinnovo dei suoi organi di governo
Con l’elezione degli otto Vicepresidenti previsti dallo statuto, avvenuta nel corso della Assemblea dei soci, si completa la nuova squadra del Comitato di Presidenza di FIASO, la Federazione delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere, dopo l’elezione di Giovanni Migliore alla Presidenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco