Salute 28 Febbraio 2017

Chi cura i medici? Marina Risi (SIPNEI): «Assistenza anche per i camici bianchi»

Marina Risi Vice presidente della Società italiana Psico-neuro-endocrino-immunologia di Roma: «Stress dei medici dovuto a turni massacranti, medicina difensiva, difficoltà negli ambienti di lavoro, perdita di prestigio della professione e perdita di fiducia nel rapporto medico-paziente»

Nervosismo irrequietezza, depressione, sono tutti i sintomi con cui si manifesta il burnout. Letteralmente la parola ‘burnout’ è un termine inglese che si traduce in ‘scoppiato’, ‘bruciato’, e a coniarla fu, nel 1977, la dottoressa Christina Maslach, una delle massime esperte e conoscitrici di questa patologia.

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento nervoso che può manifestarsi in tutte quelle professioni con implicazioni relazionali forti e emotivamente coinvolgenti. Ovviamente ad essere particolarmente soggetti a questo malessere sono gli operatori sanitari.

Ma chi cura i medici?  Ovvero quali sono i percorsi terapeutici a disposizione dei professionisti della salute che incappano in episodi di sofferenza psichica? Ce lo racconta la Dottoressa Marina Risi Vice presidente della Società italiana Psico-neuro-endocrino-immunologia di Roma (SIPNEI).

«Purtroppo la popolazione viene curata, in tutto il mondo occidentale, da chi è sempre più pressato dal punto di vista sia fisico che psichico» spiega la Dottoressa Risi, intervenendo al Forum sulla Medicina Sistemica dell’ ASSIMSS (Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica). «I curanti, i medici, gli infermieri, gli psicoterapeuti, vivono un periodo di grande difficoltà e di questo si parla molto poco. Dati alla mano, è evidente che, in vari paesi del mondo, i medici hanno necessità di ricorrere a dei supporti, parliamo di psicofarmaci o aiuti di altro genere. Questi sostegni sono utili per poter sopportare il carico di lavoro, il carico delle responsabilità».

«C’è un’amplissima attività scientifica in tutto il mondo che ci dice che i turni massacranti, la medicina difensiva, la difficoltà negli ambienti di lavoro, la perdita di prestigio della professione e la perdita di fiducia nel rapporto medico-paziente sono tra le cause più importanti dello stress dei curanti». Sottolinea la Vice Presidente. «La nostra proposta è quello di rivalutare questo fenomeno decisamente allarmante, di cui non si parla abbastanza ma se ne parla direttamente nella cronaca. Assistiamo a notizie che vengono divulgate sulla malasanità, sugli errori, senza invece prima di tutto focalizzare su tutto quello che c’è di buono che viene fatto dai medici e dagli operatori sanitari in genere, peraltro in condizioni di tagli sanitari veramente esagerati».

«Molto spesso questi errori avvengono perché ci sono delle cause che umanamente hanno comportato questi risultati – ci tiene a ribadire la Risi -. Quindi la nostra proposta è quella di creare un gruppo di medici, psicoterapeuti, antropologi, filosofi, sociologi, che possa lavorare per divulgare ulteriormente la formazione medica. Un modello che tenga conto delle emozioni, del vissuto, dell’esperienza del curante, aggiungendo un elemento fondamentale al modello biomedico attuale di tipo meccanicista che non prevede benessere, consapevolezza, attenzione al curante. Un ultimissimo dato che dovrebbe essere inserito è quello dell’attenzione alla cura del corpo, attenzione alla cura quotidiana, agli stili di vita. Insomma i medici dovrebbero avere, anche loro, dei medici personali».

Articoli correlati
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Mind-Vr, la realtà virtuale che aiuterà i sanitari a superare il disturbo post-traumatico da stress
Parla l'ideatrice, Federica Pallavicini, ricercatrice all'Università Bicocca di Milano: «Necessario dare supporto emotivo a chi ne ha più bisogno». Nel visore l'operatore troverà educazione alla patologia, esperienza del trauma e infine un ambiente rilassante
di Gloria Frezza
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Coronavirus. Burnout e conseguenze psicologiche sugli operatori sanitari. Lettera da un ospedale
Gli operatori della sanità, con i loro diversi ruoli e mansioni, si trovano ad affrontare un’emergenza senza precedenti, fronteggiando quotidianamente un pericolo insidioso, invisibile, che sollecita al massimo grado il Ssn, aumentando i carichi di lavoro e la tensione fisica e psichica. In un simile contesto, l’incremento degli stressor ambientali espone ad un tangibile rischio […]
Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»
«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emotivo così importante ne usciranno massacrati psicologicamente. Per la popolazione senso di angoscia e impotenza». L’intervista a Giorgio Nardone, psicologo e psicoterapeuta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...