Lavoro 28 febbraio 2017

Chi cura i medici? Marina Risi (SIPNEI): «Assistenza anche per i camici bianchi»

Marina Risi Vice presidente della Società italiana Psico-neuro-endocrino-immunologia di Roma: «Stress dei medici dovuto a turni massacranti, medicina difensiva, difficoltà negli ambienti di lavoro, perdita di prestigio della professione e perdita di fiducia nel rapporto medico-paziente»

Nervosismo irrequietezza, depressione, sono tutti i sintomi con cui si manifesta il burnout. Letteralmente la parola ‘burnout’ è un termine inglese che si traduce in ‘scoppiato’, ‘bruciato’, e a coniarla fu, nel 1977, la dottoressa Christina Maslach, una delle massime esperte e conoscitrici di questa patologia.

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento nervoso che può manifestarsi in tutte quelle professioni con implicazioni relazionali forti e emotivamente coinvolgenti. Ovviamente ad essere particolarmente soggetti a questo malessere sono gli operatori sanitari.

Ma chi cura i medici?  Ovvero quali sono i percorsi terapeutici a disposizione dei professionisti della salute che incappano in episodi di sofferenza psichica? Ce lo racconta la Dottoressa Marina Risi Vice presidente della Società italiana Psico-neuro-endocrino-immunologia di Roma (SIPNEI).

«Purtroppo la popolazione viene curata, in tutto il mondo occidentale, da chi è sempre più pressato dal punto di vista sia fisico che psichico» spiega la Dottoressa Risi, intervenendo al Forum sulla Medicina Sistemica dell’ ASSIMSS (Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica). «I curanti, i medici, gli infermieri, gli psicoterapeuti, vivono un periodo di grande difficoltà e di questo si parla molto poco. Dati alla mano, è evidente che, in vari paesi del mondo, i medici hanno necessità di ricorrere a dei supporti, parliamo di psicofarmaci o aiuti di altro genere. Questi sostegni sono utili per poter sopportare il carico di lavoro, il carico delle responsabilità».

«C’è un’amplissima attività scientifica in tutto il mondo che ci dice che i turni massacranti, la medicina difensiva, la difficoltà negli ambienti di lavoro, la perdita di prestigio della professione e la perdita di fiducia nel rapporto medico-paziente sono tra le cause più importanti dello stress dei curanti». Sottolinea la Vice Presidente. «La nostra proposta è quello di rivalutare questo fenomeno decisamente allarmante, di cui non si parla abbastanza ma se ne parla direttamente nella cronaca. Assistiamo a notizie che vengono divulgate sulla malasanità, sugli errori, senza invece prima di tutto focalizzare su tutto quello che c’è di buono che viene fatto dai medici e dagli operatori sanitari in genere, peraltro in condizioni di tagli sanitari veramente esagerati».

«Molto spesso questi errori avvengono perché ci sono delle cause che umanamente hanno comportato questi risultati – ci tiene a ribadire la Risi -. Quindi la nostra proposta è quella di creare un gruppo di medici, psicoterapeuti, antropologi, filosofi, sociologi, che possa lavorare per divulgare ulteriormente la formazione medica. Un modello che tenga conto delle emozioni, del vissuto, dell’esperienza del curante, aggiungendo un elemento fondamentale al modello biomedico attuale di tipo meccanicista che non prevede benessere, consapevolezza, attenzione al curante. Un ultimissimo dato che dovrebbe essere inserito è quello dell’attenzione alla cura del corpo, attenzione alla cura quotidiana, agli stili di vita. Insomma i medici dovrebbero avere, anche loro, dei medici personali».

Articoli correlati
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Al via il 24° Congresso Nazionale Anaao Assomed: a Roma quattro giorni di dibattito sugli aspetti più critici della professione
Sabato 30 giugno i gruppi dirigenti nazionali saranno rinnovati. «Ci aspettiamo - afferma l'Anaao - che l'agenda del nuovo Ministro metta al primo posto la salvaguardia di un sistema sanitario pubblico e nazionale, equo, sicuro ed universalistico»
Aggressioni, Ilde Coiro (S. Giovanni): «Il panico può diventare violenza. Serve rete comunicazione tra medico-paziente e accompagnatore»
Un triangolo in cui l’informazione giunga a tutti e tre i vertici. Questa è la priorità per la Direttrice dell’Ospedale capitolino che aggiunge: «Quando un parente arriva al Pronto Soccorso deve conoscere lo stato di salute del malato, altrimenti la paura prende il sopravvento»
Aggressioni, la reazione al post trauma è la sindrome di burnout. Langone (psicologa): «Bisogna curare i luoghi di cura»
«Occorrono presidi psicologici e soprattutto un ambiente più sicuro per poter lavorare in serenità» così la Presidente dell'Ordine degli Psicologi della Basilicata
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila