Lavoro 17 Aprile 2020

Fnopi lancia progetto #NoiConGliInfermieri: raccolta fondi per i professionisti in prima linea nell’emergenza

NoiConGliInfermieri è l’iniziativa della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche a sostegno del Fondo di Solidarietà per i gli infermieri e le loro famiglie, colpiti duramente nella lotta al coronavirus

«Siamo oltre 180.000 infermieri a combattere ogni giorno in tutta Italia direttamente il COVID-19. Non lasciarci soli». È questa la richiesta degli infermieri impegnati quotidianamente nella guerra al coronavirus lanciata attraverso la Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche, che ha deciso di scendere in campo attraverso la costituzione del fondo di solidarietà #noisiamocongliinfermieri. 

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, DE PALMA A CONTE: «INFERMIERI MUOIONO IN CASA SENZA TAMPONE, GIÀ TERZO CASO»

«Gli infermieri nella pandemia di COVID-19 stanno avendo un ruolo fondamentale che ha portato sotto gli occhi di tutti il loro livello di professionalità, ma soprattutto quello di umanità e vicinanza ai cittadini – spiega la Fnopi – . Nessuno si è mai tirato indietro dal soccorrere e assistere le persone nel momento del bisogno, anche a rischio della propria salute. Ad oggi, infatti, – comunica la Fnopi – gli infermieri risultati positivi superano di gran lunga le 7.000 unità (tra gli operatori sanitari risultati positivi a COVID-19, gli infermieri sono oltre il 52%) e, purtroppo, i decessi stanno aumentando in maniera esponenziale: con una stima prudenziale si suppone che al termine dell’emergenza possano superare largamente il centinaio».

LEGGI ANCHE: COVID-19, A ROMA IL TAMPONE SI FA IN MACCHINA. DI ROSA (SISP): «TRE INFERMIERI PER 50 TEST AL GIORNO»

La raccolta fondi #noicongliinfermieri costituirà un fondo di solidarietà per supportare tutti gli infermieri e le loro famiglie in questa drammatica emergenza. La Federazione, infatti, precisa che «gli infermieri sono ben coscienti dell’isolamento sociale cui vanno incontro, dovendo inevitabilmente distaccarsi dai propri affetti per un tempo non determinabile a priori per non diffondere eventualmente il virus. A ciò si uniscono tutti i disagi materiali per chi deve abbandonare la propria casa per andare a lavorare lontano dalla propria residenza al fine di rispondere alle emergenze dovute alla carenza di personale nelle zone più colpite dal COVID-19».

«Non possono infine essere dimenticate -ricorda la Fnopi – le sempre più numerose famiglie degli infermieri deceduti a causa del contagio da Coronavirus nel compimento del proprio dovere. Famiglie che oltre a dover affrontare il dramma della perdita di un marito o di una moglie, di un padre o di una madre, di un figlio o di una figlia, rischiano di trovarsi in situazioni di grave difficoltà economico-finanziaria per la improvvisa scomparsa di colui o colei che contribuiva in maniera significativa alla sussistenza familiare».

Un Fondo di solidarietà unico, gestito dalla Fnopi e alimentato da tre campagne principali che consentiranno ai donatori di scegliere la causa che più li coinvolge. «L’intero ammontare delle donazioni andrà in favore degli infermieri e delle loro famiglie» conclude la Federazione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sanità post-Covid, il primario del PS di Lodi: «Bene rinforzare terapie intensive e territorio, ma non si dimentichino le degenze ordinarie»
Intervista a Stefano Paglia: «Necessario tutelare meglio i medici dalle denunce finalizzate al profitto»
di Federica Bosco
TSO a chi rifiuta di curarsi da Covid-19, perché se ne parla?
Dopo il caso dell'imprenditore in Veneto che ha rifiutato le cure, si parla di Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) per chi rifiuta di seguire le regole dopo il tampone positivo. Il ministero della Salute vaglia le possibilità
Giovani professionisti esclusi da Dl Rilancio, l’8 luglio in piazza anche gli Assistenti Sociali
La protesta in piazza Montecitorio mercoledì 8 luglio, ore 15: chiedono di non essere discriminati nel riconoscimento di misure di sostegno economico alle imprese in difficoltà
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)