Lavoro 12 Marzo 2020 11:16

Coronavirus, in Brianza numeri sotto controllo ma ai medici di famiglia servono mascherine, guanti e camici per visite a casa

Il racconto del dottor Ruggero Molteni, medico di base a Cesano Maderno: «Ambulatori tranquilli, ma telefoni roventi. Paura e terrore, tutti chiedono di fare il tampone»

di Federica Bosco
Coronavirus, in Brianza numeri sotto controllo ma ai medici di famiglia servono mascherine, guanti e camici per visite a casa

Cesano Maderno, zona di Monza Brianza, alle porte Milano. Qui il coronavirus sembra essere sotto controllo, nonostante la vicinanza alla città metropolitana e una popolazione di pendolari. Negli ultimi tre giorni i casi conclamati della provincia sono stabili (tra i 60 e i 70), merito di un rispetto totale delle disposizioni e di un lavoro minuzioso dei medici di base della zona che si sono organizzati in gruppi WhatsApp per confrontarsi e per tenere sotto controllo i pazienti.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, DA CONSULCESI 100MILA EURO PER 25MILA MASCHERINE PER IL POLICLINICO “SAN MATTIA” DI PAVIA

«Paura e terrore non mancano – ci introduce in questo angolo della Brianza Ruggero Molteni, 54 anni, medico di base a Cesano Maderno –, ma negli ultimi giorni il nostro modo di lavorare è cambiato. L’ambulatorio è tranquillo, ricevo in modo scaglionato così da avere una sola persona in sala d’aspetto, mentre il telefono è rovente».

Per smistare le chiamate e rispondere a tutti Molteni impiega ore. Le domande sono sempre le stesse: «Chiamano e chiedono consigli per affrontare una situazione di emergenza e uno stato di incertezza che destabilizza. Vorrebbero fare il tampone per avere risposte certe e possibilità di giocare in anticipo sul virus». Se il telefono tranquillizza gli animi dei pazienti, la visita a domicilio è riservata a pazienti con comorbidità o con uno stato febbrile persistente da qualche giorno. In tal caso, il medico di base necessita di una serie di dispositivi di protezione individuale che mancano. «Il grave problema sono le scorte di mascherine e camici monouso che non sono sufficienti – rimarca Molteni –. Dall’ATS personalmente ho ricevuto 15 mascherine chirurgiche a quattro strati che, seppur omologate dall’OMS, non sono ideali per visite domiciliari con pazienti sintomatici, e un camice monouso che conservo per la visita ad un eventuale caso conclamato di Coronavirus. Ho trovato invece qualche mascherina con filtro FFP2  e FFP3 in farmacia, ma in numero non sufficiente alle visite che devo fare. La mancanza di dispositivi di protezione per i medici di base è un problema serio che non dovrebbe essere sottovalutato, perché è fondamentale lavorare in condizioni di massima sicurezza per noi e per i pazienti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (22 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
Congresso Fimmg, l’appello dei medici in formazione: «Vogliamo essere protagonisti del cambiamento»
Schembri (Fimmg Formazione): «Rivedere programma formativo integrando la formazione-lavoro, ma no alla trasformazione del corso in specializzazione»
MMG, Anelli (FNOMCeO): «Devono lavorare con altri professionisti sanitari, come accade negli ospedali»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei medici commenta l’intervento di Speranza al Congresso Fimmg: «Rappresenta tappa miliare nel processo di riforma della sanità territoriale. Mantenere capillarità e rapporto di fiducia»
Congresso Fimmg, l’intervento di Speranza: «Gli studi dei medici di famiglia sono irrinunciabili»
Il ministro della Salute ha illustrato la sua idea di riforma della medicina territoriale: «Gli ambulatori siano spoke delle Case di comunità, multidisciplinari e inseriti nella rete del Ssn. Il problema non è dipendenza o convenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?