Lavoro 12 Marzo 2020

Coronavirus, in Brianza numeri sotto controllo ma ai medici di famiglia servono mascherine, guanti e camici per visite a casa

Il racconto del dottor Ruggero Molteni, medico di base a Cesano Maderno: «Ambulatori tranquilli, ma telefoni roventi. Paura e terrore, tutti chiedono di fare il tampone»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Cesano Maderno, zona di Monza Brianza, alle porte Milano. Qui il coronavirus sembra essere sotto controllo, nonostante la vicinanza alla città metropolitana e una popolazione di pendolari. Negli ultimi tre giorni i casi conclamati della provincia sono stabili (tra i 60 e i 70), merito di un rispetto totale delle disposizioni e di un lavoro minuzioso dei medici di base della zona che si sono organizzati in gruppi WhatsApp per confrontarsi e per tenere sotto controllo i pazienti.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, DA CONSULCESI 100MILA EURO PER 25MILA MASCHERINE PER IL POLICLINICO “SAN MATTIA” DI PAVIA

«Paura e terrore non mancano – ci introduce in questo angolo della Brianza Ruggero Molteni, 54 anni, medico di base a Cesano Maderno –, ma negli ultimi giorni il nostro modo di lavorare è cambiato. L’ambulatorio è tranquillo, ricevo in modo scaglionato così da avere una sola persona in sala d’aspetto, mentre il telefono è rovente».

Per smistare le chiamate e rispondere a tutti Molteni impiega ore. Le domande sono sempre le stesse: «Chiamano e chiedono consigli per affrontare una situazione di emergenza e uno stato di incertezza che destabilizza. Vorrebbero fare il tampone per avere risposte certe e possibilità di giocare in anticipo sul virus». Se il telefono tranquillizza gli animi dei pazienti, la visita a domicilio è riservata a pazienti con comorbidità o con uno stato febbrile persistente da qualche giorno. In tal caso, il medico di base necessita di una serie di dispositivi di protezione individuale che mancano. «Il grave problema sono le scorte di mascherine e camici monouso che non sono sufficienti – rimarca Molteni –. Dall’ATS personalmente ho ricevuto 15 mascherine chirurgiche a quattro strati che, seppur omologate dall’OMS, non sono ideali per visite domiciliari con pazienti sintomatici, e un camice monouso che conservo per la visita ad un eventuale caso conclamato di Coronavirus. Ho trovato invece qualche mascherina con filtro FFP2  e FFP3 in farmacia, ma in numero non sufficiente alle visite che devo fare. La mancanza di dispositivi di protezione per i medici di base è un problema serio che non dovrebbe essere sottovalutato, perché è fondamentale lavorare in condizioni di massima sicurezza per noi e per i pazienti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»