Lavoro 20 Luglio 2022 09:37

«Convivere con un assassino è possibile?». Tutti gli errori commessi nella gestione del Covid

Giuseppe Imbalzano, già direttore sanitario di numerose aziende sanitarie in Lombardia spiega perché il virus a distanza di due anni fa ancora paura e quali accorgimenti dovrebbero essere adottati per vincere la battaglia

«Convivere con un assassino è possibile?». Tutti gli errori commessi nella gestione del Covid

È stato direttore Sanitario all’Asl di Bergamo, Milano1 e Milano2, Lodi e all’Ussl Melegnano, Giuseppe Imbalzano, oggi in pensione, osserva e monitora la situazione Covid, confronta dati, riproduce tabelle e non si rassegna ad una gestione che considera fallimentare.

Lei ha dichiarato che stiamo cercando di convivere con un assassino e dunque è una scelta priva di logica e di speranza, è corretto?

«La mortalità per Covid estremamente elevata, in Italia ha superato i 160 mila decessi in questi 30 mesi. Secondo me molto mal contati. Ai decessi in costanza di malattia si sommano i deceduti per patologie aggravate dal covid e dalle conseguenze dello stesso».

Il numero dei casi è elevato, ma lei ritiene che siano di più.

«Dando uno sguardo ai casi registrati ed effettivi nelle regioni italiane fino a dicembre 2021, si pone qualche perplessità circa il rapporto tra ricoverati e casi attivi di Covid in alcune regioni. Mentre la media nazionale è 0,0077, l’Emilia-Romagna ha una percentuale di ricoveri dello 0,0201, la Campania di 0,0043, il Lazio 0,0045, la Sicilia 0,01. Come appare evidente ci sono differenze importanti. È molto improbabile che i ricoveri siano dovuti ad un maggior numero di non vaccinati, considerato che queste sono Regioni in cui le attività di vaccinazione sono state svolte con attenzione e rigore e quindi i casi possibili in Emilia-Romagna appaiono essere un multiplo di quelli registrati. E così per altre Regioni italiane. Alcuni colleghi ritengono che i casi attivi siano sino al triplo di quelli identificati. Io credo che possiamo immaginare che siano circa il doppio».

Si riferisce alla scelta di portare masse di giovani nelle piazze con i concerti, ad esempio?

«No, sono le normali attività quotidiane e la gestione inadatta nella separazione tra positivi e non infetti. La gestione della scuola, negli ospedali e a domicilio. Troppi clinici, che sanno gestire ottimamente farmaci e assistenza al malato, hanno assunto un ruolo di gestori della pandemia con conseguenti indicazioni inadeguate, e molti politici hanno perso di vista due elementi fondamentali: la sicurezza dei cittadini e dei lavoratori e le leggi sulla sicurezza e prevenzione delle malattie infettive (art. 260 norme diffusione malattie infettive)».

Oggi ci sono medici che ritengono utile creare l’immunità di gregge, lei è d’accordo?

«Le rispondo con una domanda “Si può convivere con un assassino?”. Questo è quanto di più inatteso potessimo supporre dopo due anni e mezzo di epidemia, tanto diffusa quanto devastante». E in UK e nelle altre Nazioni dove è stato adottato non ha portato a questo risultato. E la presenza di un numero elevato di decessi, e di varianti, la liberalizzazione della diffusione infettiva dimostra che non è la strada giusta».

Si poteva evitare la diffusione della malattia e il conseguente numero di morti?

«Era indispensabile separare nettamente le attività ospedaliere e territoriali e gestire diversamente i malati a domicilio evitando la diffusione familiare (il 60% dei casi si sviluppa in famiglia). Ha avuto un suo peso anche una inadeguata comunicazione e informazione ai cittadini che non ha consentito di acquisire la basi minime per poter gestire in sicurezza questa epidemia».

In che modo?

«Era necessario fornire strumenti informativi e protezioni adeguate alle famiglie per ridurre la diffusione casalinga del virus. Apportare una radicale modifica nella identificazione dei casi di infezione che viene “inseguita e non preceduta”. Attuare azioni efficaci di limitazione della diffusione e premi a chi era in grado di abbattere la diffusione negli ambienti sociali (amministratori regionali e locali, scuole e comunità) o di lavoro (datori di lavoro e forze sociali). Non si deve pagare solo il danno, ma premiare i risultati positivi che si ottengono. Le criticità della diffusione infettiva in ambienti a rischio come le strutture sanitarie devono cessare con comportamenti e protocolli rigorosi, corretti e privi di rischi per il personale. Le leggi sulla sicurezza del lavoro non vengono applicate e nessuno sorveglia per evitare che accada, in particolare i direttori stessi delle Aziende. Il problema è il virus e non la mascherina, che anzi dovrebbe essere adottata anche regolarmente d’inverno, quando sarà scomparso il Covid, per abbattere la diffusione influenzale. Ripristino immediato della campagna vaccinale con il coinvolgimento pieno dei medici di famiglia. Ricordando che la vaccinazione, da sola, non è sufficiente per evitare la diffusione infettiva. Oltretutto con i limiti di efficacia temporale che ha dimostrato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale