Lavoro 6 Dicembre 2019

Contratto, Quici (CIMO-Fesmed): «Firmiamo e poi disdiciamo». E sulle risorse alla sanità: «2 miliardi insufficienti, serve shock»

Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed fa il bilancio dell’anno che sta per concludersi: «Un anno faticoso e importante, che ha posto le basi di un’aggregazione sindacale che rappresenterà 19mila medici»

Immagine articolo

È tempo di bilanci, per il presidente della Federazione CIMO-Fesmed Guido Quici. Ma anche di legge di Bilancio e di Patto per la Salute. Si avvicina infatti la conclusione di «un anno molto faticoso, che ci ha visti per i primi sei mesi impegnati quasi esclusivamente sul contratto di lavoro», dichiara. Un contratto per il quale, a luglio scorso, è stato raggiunto un pre-accordo ma che non ha visto CIMO-Fesmed tra i sindacati firmatari.

«Al di là dell’aspetto economico – ribadisce Quici – siamo amareggiati per la parte normativa. Purtroppo – annuncia – ora siamo costretti a firmare perché altrimenti non potremo sederci ad alcuni tavoli, come quello del confronto regionale che definisce le linee guida dei contratti aziendali o, a livello aziendale, l’organismo paritetico che presenta al direttore generale proposte relative, ad esempio, alla possibilità di prevedere le pronte disponibilità anche la mattina o il pomeriggio. Dovremo fare battaglia su questo, e non è detto, laddove ci fossero elementi non convincenti, che firmeremo i contratti decentrati. Dopodiché è già pronta la dichiarazione a verbale da consegnare in Aran e, ovviamente, il giorno dopo manderemo la disdetta del contratto. Inoltre chiederemo immediatamente la vacanza contrattuale dal 2019».

LEGGI ANCHE: DL FISCALE, EMENDAMENTO ALZA TETTO DI SPESA PER IL PERSONALE FINO AL 15%. SPERANZA: «ORA PIU’ FACILE ASSUMERE IN SSN»

I dubbi del presidente Quici riguardano anche le risorse: «Le nostre proiezioni evidenziano che i 2 miliardi di euro stanziati non sono sufficienti. Ne servono almeno 3,5 per far fronte alle assunzioni del personale, al rinnovo contrattuale, all’abolizione del superticket, eccetera. Quindi le Regioni dovranno ulteriormente stringere le maglie perché non riusciranno a garantire il tutto. Il rischio che si vada ad erodere sul costo del personale c’è. Ed il motivo è sempre lo stesso – prosegue Quici -. C’è un calderone unico che comprende il costo della siringa, del farmaco innovativo, dei Lea e del personale. È ovvio, allora, che a fronte di esigenze importanti a livello assistenziale, in assenza di risorse vengano drenati dal costo del personale e quindi i rinnovi contrattuali andranno per le lunghe».

«Ha ragione chi dice che ci vuole uno shock economico se si vuole affrontare il problema della sanità. O si investono risorse importanti, oppure parliamo solo di misure tampone».

Il giudizio di Quici non è particolarmente positivo nemmeno sull’ultima bozza del Patto per la Salute: «È un Patto che ha subìto una grossa cura dimagrante. Non si parla di ospedalità né di emergenza, e quel poco che riguarda la prevenzione viene finalizzato solo sulle vaccinazioni. Quindi non sono molto ottimista sul futuro».

Un futuro che Quici immagina, comunque, con «l’aggregazione di più forze sindacali possibili per dare più peso e quindi maggiori tutele ai medici». Va in questa direzione la nascita della Federazione CIMO-Fesmed, «che evolverà in un’organizzazione sindacale unica», e del Patto per la Professione medica, cui hanno aderito anche Anpo, Ascoti, Fials Medici e Cimop: «Ci auguriamo di dar vita ad un’aggregazione che rappresenterà 19mila medici e cercheremo di lavorare per chiedere di uscire da Funzione pubblica e trattare per il contratto con il ministero della Salute e le Regioni, che effettivamente determinano l’organizzazione generale e delle singole realtà».

Articoli correlati
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Cimo-Fesmed: «Mes o non mes, il SSN si salva solo con una strategia nazionale»
Secondo la federazione dei medici ospedalieri, il dibattito sui fondi per la sanità deve partire da un piano che metta al primo posto riforma del lavoro e professionalità
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
CIMO-FESMED al governatore Rossi: «Revochi delibera che punisce i medici negando la libera professione»
«Presidente Rossi basta con la demagogia. Chiediamo l’immediata revoca della Delibera 49 del 3 Maggio 2020. La Libera Professione è un diritto e negare i più elementari diritti contrattuali per perseguire una propria ideologia fatta solo di demagogia serve solo a rimarcare una gestione della sanità monocratica che, per l’ennesima volta, dimostra avversione alla professione […]
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...