Lavoro 29 Aprile 2019

Contratto medici, Sorrentino (Fp CGIL): «L’8 giugno saremo in piazza a Roma»

Sotto lo slogan #futuroèpubblico, CGIL, CISL e UIL scenderanno in piazza per chiedere assunzioni straordinarie e il rinnovo del contratto. Intanto anche la sanità privata soffre per un contratto bloccato da 12 anni

Immagine articolo

Pubblico e privato nella sanità sembrano avere un problema comune: un contratto bloccato da un decennio. Una situazione che pesa negativamente sia sulle condizioni lavorative degli operatori del settore, sia sul servizio reso al pubblico, come spiega Serena Sorrentino, segretaria generale della Funzione pubblica CGIL.

L’IMPASSE NELLA SANITA’ PRIVATA

«Sono professionisti esattamente come sono professionisti i lavoratori del sistema pubblico, sono infermieri, operatori sanitari, fisioterapisti, riabilitatoti. – spiega Sorrentino – Hanno delle specializzazioni, sono parte dell’eccellenza del nostro sistema sanitario nazionale. Un cittadino quando entra in un ospedale privato, non sa qual è la differenza tra pubblico e privato, peccato che a questi lavoratori non soltanto non viene riconosciuto il contratto da 12 anni ma lavorano a volte in condizioni di estrema difficoltà, nel riconoscimento della dignità professionale, perché non avere il contratto da 12 anni significa avere una parte normativa arretrata, soprattutto non avere un salario tabellare uguale a quello che prendono i dipendenti pubblici. Per cui si lavora di più, si lavora peggio e si viene anche disconosciuti nella propria dignità».

LEGGI: SANITÀ PRIVATA, CONTRATTO BLOCCATO PER 300MILA LAVORATORI. CGIL-CISL-UIL: «UNA VERGOGNA»

CONTRATTO MEDICI ANCORA FERMO

Anche il contratto nel pubblico è fermo ormai da 10 anni. A pesare sul Servizio sanitario nazionale sono la carenza di risorse e di personale. «Stiamo chiedendo al ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno di riaprire la trattativa e di emanare l’atto di indirizzo, l’8 giugno saremo in piazza Cgil, Cisl e Uil per chiedere assunzioni straordinarie nel sistema pubblico, soprattutto in sanità, e il rinnovo del contratto», conclude Sorrentino. La manifestazione, sotto lo slogan #futuroèpubblico, avrà luogo il prossimo 8 giugno in Piazza del Popolo.

Articoli correlati
Infermieri, le proposte Nursing Up: «È tempo di un contratto analogo a quello dei dirigenti medici»
Categoria E per tutti i professionisti sanitari, ES e posto di ruolo per gli specialisti, intramoenia ed indennità di esclusività. Ecco le proposte che il sindacato degli infermieri Nursing Up porta oggi alla Commissione paritetica dell'Aran
Contratto medici, arriva la proposta Aran-Regioni: 200 euro lordi in più al mese e ‘doppia carriera’
Ora si attende la risposta dei sindacati. Previste due tipologie di incarichi: gestionali e professionali. Le Regioni pronte a stanziare circa 550 mln di euro per il triennio 2016-2018 e 458 milioni di euro a regime dal 2019 per un totale di oltre 1 mld di euro
Contratto medici, CIMO-FESMED: «Non arretriamo sulla tutela dei diritti»
La Federazione ritiene «peggiorative» le proposte di Aran e Regioni, e aggiunge: «L'accorpamento dei fondi contrattuali di dirigenza medica, sanitaria non medica e professioni sanitarie prefigura un danno a carico esclusivo dei medici dipendenti del SSN. Adotteremo ogni strumento e azione utile a tutelare gli interessi di tutti i camici bianchi»
Formazione ECM, Stella (FNOMCeO): «Serve maggiore responsabilizzazione del medico»
«Il tema – spiega Roberto Stella, membro del Consiglio nazionale della FNOMCeO – al di là dei crediti e al di là dei numeri, per noi come Ordine e come professione, è quello della qualità delle cure»
Contratto medici, trattativa a una svolta. Filippi (Cgil): «Chiarito nodo finanziamento, ora anche a noi aumento del 3,48%»
Il segretario della Cgil medici si dice ottimista sull’esito della trattiva dopo l’ennesimo incontro in Aran: «Il nodo resta il 2018 per arrivare ad avere una parametratura sovrapponibile a quella di tutti gli altri comparti della sanità. Su questo ci siamo battuti, dovremmo farcela». Poi annuncia: «Aspettiamo l’integrazione all’atto di indirizzo che dovrebbe sostanzialmente spostare quel parametro che era fissato al 2% attraverso un finanziamento integrativo, per arrivare al 3,48%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...