Lavoro 29 Aprile 2019

Contratto medici, Sorrentino (Fp CGIL): «L’8 giugno saremo in piazza a Roma»

Sotto lo slogan #futuroèpubblico, CGIL, CISL e UIL scenderanno in piazza per chiedere assunzioni straordinarie e il rinnovo del contratto. Intanto anche la sanità privata soffre per un contratto bloccato da 12 anni

Immagine articolo

Pubblico e privato nella sanità sembrano avere un problema comune: un contratto bloccato da un decennio. Una situazione che pesa negativamente sia sulle condizioni lavorative degli operatori del settore, sia sul servizio reso al pubblico, come spiega Serena Sorrentino, segretaria generale della Funzione pubblica CGIL.

L’IMPASSE NELLA SANITA’ PRIVATA

«Sono professionisti esattamente come sono professionisti i lavoratori del sistema pubblico, sono infermieri, operatori sanitari, fisioterapisti, riabilitatoti. – spiega Sorrentino – Hanno delle specializzazioni, sono parte dell’eccellenza del nostro sistema sanitario nazionale. Un cittadino quando entra in un ospedale privato, non sa qual è la differenza tra pubblico e privato, peccato che a questi lavoratori non soltanto non viene riconosciuto il contratto da 12 anni ma lavorano a volte in condizioni di estrema difficoltà, nel riconoscimento della dignità professionale, perché non avere il contratto da 12 anni significa avere una parte normativa arretrata, soprattutto non avere un salario tabellare uguale a quello che prendono i dipendenti pubblici. Per cui si lavora di più, si lavora peggio e si viene anche disconosciuti nella propria dignità».

LEGGI: SANITÀ PRIVATA, CONTRATTO BLOCCATO PER 300MILA LAVORATORI. CGIL-CISL-UIL: «UNA VERGOGNA»

CONTRATTO MEDICI ANCORA FERMO

Anche il contratto nel pubblico è fermo ormai da 10 anni. A pesare sul Servizio sanitario nazionale sono la carenza di risorse e di personale. «Stiamo chiedendo al ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno di riaprire la trattativa e di emanare l’atto di indirizzo, l’8 giugno saremo in piazza Cgil, Cisl e Uil per chiedere assunzioni straordinarie nel sistema pubblico, soprattutto in sanità, e il rinnovo del contratto», conclude Sorrentino. La manifestazione, sotto lo slogan #futuroèpubblico, avrà luogo il prossimo 8 giugno in Piazza del Popolo.

Articoli correlati
Anaao contro il ‘riposo spezzatino’. Costantino: «Corte UE dica se deroga a direttiva è lecita. Per noi non lo è»
Il sindacato promette di dar battaglia per assicurare il riposo sufficientemente lungo e continuo previsto dalle direttive europee anche ai medici in pronta disponibilità. Il sindacalista: «Non prospettiamo il muro contro muro, ma credo che le Leggi vadano rispettate da tutti»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
Pronta reperibilità, Anaao – Assomed non ci sta e ricorre alla Corte di Giustizia europea
In base alle normative attuali la chiamata in servizio durante la pronta disponibilità “sospende” il riposo e non lo “interrompe”. Interpretazione contestata dal sindacato guidato da Carlo Palermo che ora punta a un chiarimento definitivo
Affari Sociali, un anno di Commissione con Marialucia Lorefice: «Con la Lega stessa visione sulla sanità, ma attenzione ad autonomia differenziata»
«In sanità stiamo investendo a differenza di quanto si è fatto rispetto al passato. È finito il tempo dei tagli lineari e indiscriminati» sottolinea la Presidente di Commissione in un colloquio di bilancio in esclusiva con Sanità Informazione. Poi rivendica il provvedimento sulla sanità trasparente e rilancia la sua mozione per staccare il Fondo sanitario dall’andamento del Pil: «Assegnare fondi certi, la salute è un investimento, non un costo». E dice la sua sul contratto della dirigenza medica che l’ha vista impegnata in prima persona…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti