Lavoro 26 Giugno 2019

Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»

Il presidente della Federazione: «Accorpamento fondi danneggia i medici e favorisce la dirigenza sanitaria non medica». Sulla doppia carriera: «Se si attinge alla posizione variabile dello stipendio del singolo medico, lo stipendio di chi non ha un incarico di alta specialità verrà decurtato»

Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»

L’Aran continua ad ospitare le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria per trattare per il rinnovo del contratto. L’ultimo incontro si è svolto questa mattina, quando l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni e i sindacati si sono confrontati sui tre testi sottoposti alle parti: uno relativo alla carriera, uno sulla valutazione dei dirigenti ed il terzo relativo ai fondi.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, ARRIVA LA PROPOSTA ARAN-REGIONI: 200 EURO LORDI IN PIU’ AL MESE E ‘DOPPIA CARRIERA’

Testi non condivisi da Guido Quici, presidente della Federazione CIMO-FESMED: «Tanto per iniziare, la proposta dell’Aran prevede l’accorpamento dei fondi della dirigenza medica, della dirigenza sanitaria non medica e delle professioni sanitarie, cosa del tutto inaccettabile. In questo modo, confluiranno in un fondo unico il miliardo di indennità di specificità medica e i 71 milioni di euro derivanti dall’indennità di struttura complessa. Considerando che i medici sono 110mila e i dirigenti sanitari 14mila, è chiaro che saranno i medici a dare il vero contributo al fondo, cui attingeranno tutti. È del tutto inammissibile, perché si rischia di disattendere quel piccolo incremento contrattuale che abbiamo ottenuto».

«Poi – prosegue Quici – si parla di carriera di alta specialità e di altissima specialità, cosa che tutto sommato ci trova d’accordo, perché la CIMO ha sempre sostenuto una carriera prevalentemente professionale o prevalentemente gestionale. Tuttavia, non viene previsto un centesimo in più rispetto alle risorse presenti. Se quindi si attinge al fondo di posizione variabile del singolo medico, al collega senza un incarico di struttura semplice o complessa o di alta specialità verrà decurtato lo stipendio. Altro che incremento contrattuale. È veramente una cosa immonda, e siamo arrabbiati con chi intende firmare un contratto del genere».

«Capisco – aggiunge il presidente CIMO-FESMED – che ci sono sindacati in cui coesistono dirigenti medici e dirigenti non medici, ma un sindacato di soli medici come il nostro deve fare gli interessi dei medici».

Dopo aver depositato una class action al TAR, aver registrato una denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo e inviato un sollecito alle Corti dei Conti regionali per verificare il sospetto della Federazione che i fondi per gli accantonamenti non siano stati veramente effettuati, la Federazione continua quindi «sulla sua strada, a prescindere da tutti questi eventi, perché dobbiamo tutelare i medici in un momento in cui si parla del futuro e non delle condizioni di lavoro subite da chi oggi sta sul campo».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO-FESMED): «CORTE COSTITUZIONALE CI DA’ RAGIONE. ORA REGIONI TROVINO RISORSE»

«La nostra proposta è molto semplice – conclude Quici -: il rinnovo del contratto prevede un incremento contrattuale lievemente inferiore a quello che ci aspettavamo ma, visti i tempi che corrono, siamo disposti ad accettarlo così. Per la parte normativa, invece, aggiungiamo i provvedimenti disciplinari richiesti dalla Legge, il welfare aziendale e le assicurazioni, ma poi chiudiamola qui. Affrontiamo la parte normativa nel contratto 2019-2021. Le proposte sono tutte peggiorative, quindi non vedo per quale motivo dovremmo firmare un contratto che prevede una perdita economica e, soprattutto, un peggioramento della qualità del lavoro».

Articoli correlati
Intersindacale da Speranza: «Bene l’incontro ma serve più attenzione alle necessità dei medici»
Il Ministro Speranza ha «accolto favorevolmente i passaggi più urgenti contenuti nel documento unitario». Le reazioni di CIMO-FESMED e ANAAO-ASSOMED
Via libera del CdM alla Legge di Bilancio. Cosa prevede per la sanità? Le reazioni di sindacati e Ordini
Da Anaao a Cimo, passando per i sindacati della funzione pubblica agli infermieri, ecco cosa pensano sindacati e Ordini della manovra
Cimo-Fesmed: «Lockdown subito o gli ospedali non potranno più garantire alcuna cura»
Rischio di avere entro un mese quasi 71mila ricoveri e 7.400 pazienti in terapia intensiva, per Cimo-Fesmed il lockdown è l'unica soluzione per evitare il peggio
Seconda ondata, Quici (Cimo-Fesmed): «Sono molto preoccupato. In questi mesi non è stato fatto niente»
Secondo il Presidente del sindacato dei medici, nel lasso di tempo trascorso tra la prima e la seconda ondata di Covid «non è stato fatto nulla: nessun intervento strutturale né sul personale né, soprattutto, sulla formazione». La soluzione? «Lockdown di due settimane»
Manovra 2021, alla sanità 4 miliardi: contratti prorogati e fondo per l’acquisto dei vaccini
Il Consiglio dei Ministri ha approvato ‘salvo-intese’ la manovra economica 2021: 39 miliardi complessivi di cui 24 in deficit e 15 di aiuti europei. Aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale. FNOMCeO approva: «Ottimo segnale, ora avviare stagione rinnovi contratti e convenzioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli