Lavoro 26 Giugno 2019 13:33

Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»

Il presidente della Federazione: «Accorpamento fondi danneggia i medici e favorisce la dirigenza sanitaria non medica». Sulla doppia carriera: «Se si attinge alla posizione variabile dello stipendio del singolo medico, lo stipendio di chi non ha un incarico di alta specialità verrà decurtato»

Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»

L’Aran continua ad ospitare le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria per trattare per il rinnovo del contratto. L’ultimo incontro si è svolto questa mattina, quando l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni e i sindacati si sono confrontati sui tre testi sottoposti alle parti: uno relativo alla carriera, uno sulla valutazione dei dirigenti ed il terzo relativo ai fondi.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, ARRIVA LA PROPOSTA ARAN-REGIONI: 200 EURO LORDI IN PIU’ AL MESE E ‘DOPPIA CARRIERA’

Testi non condivisi da Guido Quici, presidente della Federazione CIMO-FESMED: «Tanto per iniziare, la proposta dell’Aran prevede l’accorpamento dei fondi della dirigenza medica, della dirigenza sanitaria non medica e delle professioni sanitarie, cosa del tutto inaccettabile. In questo modo, confluiranno in un fondo unico il miliardo di indennità di specificità medica e i 71 milioni di euro derivanti dall’indennità di struttura complessa. Considerando che i medici sono 110mila e i dirigenti sanitari 14mila, è chiaro che saranno i medici a dare il vero contributo al fondo, cui attingeranno tutti. È del tutto inammissibile, perché si rischia di disattendere quel piccolo incremento contrattuale che abbiamo ottenuto».

«Poi – prosegue Quici – si parla di carriera di alta specialità e di altissima specialità, cosa che tutto sommato ci trova d’accordo, perché la CIMO ha sempre sostenuto una carriera prevalentemente professionale o prevalentemente gestionale. Tuttavia, non viene previsto un centesimo in più rispetto alle risorse presenti. Se quindi si attinge al fondo di posizione variabile del singolo medico, al collega senza un incarico di struttura semplice o complessa o di alta specialità verrà decurtato lo stipendio. Altro che incremento contrattuale. È veramente una cosa immonda, e siamo arrabbiati con chi intende firmare un contratto del genere».

«Capisco – aggiunge il presidente CIMO-FESMED – che ci sono sindacati in cui coesistono dirigenti medici e dirigenti non medici, ma un sindacato di soli medici come il nostro deve fare gli interessi dei medici».

Dopo aver depositato una class action al TAR, aver registrato una denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo e inviato un sollecito alle Corti dei Conti regionali per verificare il sospetto della Federazione che i fondi per gli accantonamenti non siano stati veramente effettuati, la Federazione continua quindi «sulla sua strada, a prescindere da tutti questi eventi, perché dobbiamo tutelare i medici in un momento in cui si parla del futuro e non delle condizioni di lavoro subite da chi oggi sta sul campo».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO-FESMED): «CORTE COSTITUZIONALE CI DA’ RAGIONE. ORA REGIONI TROVINO RISORSE»

«La nostra proposta è molto semplice – conclude Quici -: il rinnovo del contratto prevede un incremento contrattuale lievemente inferiore a quello che ci aspettavamo ma, visti i tempi che corrono, siamo disposti ad accettarlo così. Per la parte normativa, invece, aggiungiamo i provvedimenti disciplinari richiesti dalla Legge, il welfare aziendale e le assicurazioni, ma poi chiudiamola qui. Affrontiamo la parte normativa nel contratto 2019-2021. Le proposte sono tutte peggiorative, quindi non vedo per quale motivo dovremmo firmare un contratto che prevede una perdita economica e, soprattutto, un peggioramento della qualità del lavoro».

Articoli correlati
“Giuro di non dimenticare”, ventotto storie di medici dal fronte
Il libro, curato da Cimo Lab, vuole essere una testimonianza che vada al di là di come viene raccontata sui media la pandemia da Covid-19
CIMO-FESMED: «98% di Aziende sanitarie non hanno applicato contratto. Medici penalizzati e con condizioni di 15 anni fa»
La Federazione: «Bene patto per lavoro e coesione sociale, ma in sanità servono tempi certi per contrattazione decentrata»
Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»
Terapie intensive a tre punti percentuali dalla soglia critica. «Nei mesi post-lockdown ospedali avrebbero dovuto prevedere un piano b». E sul piano vaccinale: «Inutili nuove strutture in cui fare le vaccinazioni se manca il personale sanitario che deve farle»
Tante storie in una sola: sanitari in lotta contro il Covid nelle testimonianze di medici e infermieri
Storie per esorcizzare il virus: nella Giornata a loro dedicata Fials ricorda quella di Roberto Maraniello, infermiere deceduto per Covid lo scorso aprile, leale e pervicace strappato troppo presto ai suoi affetti. Mentre Cimo celebra quelle dei medici in reparto, come Gaetano, presto in un libro
Intersindacale da Speranza: «Bene l’incontro ma serve più attenzione alle necessità dei medici»
Il Ministro Speranza ha «accolto favorevolmente i passaggi più urgenti contenuti nel documento unitario». Le reazioni di CIMO-FESMED e ANAAO-ASSOMED
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...