Lavoro 26 Giugno 2019

Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»

Il presidente della Federazione: «Accorpamento fondi danneggia i medici e favorisce la dirigenza sanitaria non medica». Sulla doppia carriera: «Se si attinge alla posizione variabile dello stipendio del singolo medico, lo stipendio di chi non ha un incarico di alta specialità verrà decurtato»

Immagine articolo

L’Aran continua ad ospitare le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria per trattare per il rinnovo del contratto. L’ultimo incontro si è svolto questa mattina, quando l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni e i sindacati si sono confrontati sui tre testi sottoposti alle parti: uno relativo alla carriera, uno sulla valutazione dei dirigenti ed il terzo relativo ai fondi.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, ARRIVA LA PROPOSTA ARAN-REGIONI: 200 EURO LORDI IN PIU’ AL MESE E ‘DOPPIA CARRIERA’

Testi non condivisi da Guido Quici, presidente della Federazione CIMO-FESMED: «Tanto per iniziare, la proposta dell’Aran prevede l’accorpamento dei fondi della dirigenza medica, della dirigenza sanitaria non medica e delle professioni sanitarie, cosa del tutto inaccettabile. In questo modo, confluiranno in un fondo unico il miliardo di indennità di specificità medica e i 71 milioni di euro derivanti dall’indennità di struttura complessa. Considerando che i medici sono 110mila e i dirigenti sanitari 14mila, è chiaro che saranno i medici a dare il vero contributo al fondo, cui attingeranno tutti. È del tutto inammissibile, perché si rischia di disattendere quel piccolo incremento contrattuale che abbiamo ottenuto».

«Poi – prosegue Quici – si parla di carriera di alta specialità e di altissima specialità, cosa che tutto sommato ci trova d’accordo, perché la CIMO ha sempre sostenuto una carriera prevalentemente professionale o prevalentemente gestionale. Tuttavia, non viene previsto un centesimo in più rispetto alle risorse presenti. Se quindi si attinge al fondo di posizione variabile del singolo medico, al collega senza un incarico di struttura semplice o complessa o di alta specialità verrà decurtato lo stipendio. Altro che incremento contrattuale. È veramente una cosa immonda, e siamo arrabbiati con chi intende firmare un contratto del genere».

«Capisco – aggiunge il presidente CIMO-FESMED – che ci sono sindacati in cui coesistono dirigenti medici e dirigenti non medici, ma un sindacato di soli medici come il nostro deve fare gli interessi dei medici».

Dopo aver depositato una class action al TAR, aver registrato una denuncia alla Corte europea dei diritti dell’uomo e inviato un sollecito alle Corti dei Conti regionali per verificare il sospetto della Federazione che i fondi per gli accantonamenti non siano stati veramente effettuati, la Federazione continua quindi «sulla sua strada, a prescindere da tutti questi eventi, perché dobbiamo tutelare i medici in un momento in cui si parla del futuro e non delle condizioni di lavoro subite da chi oggi sta sul campo».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO-FESMED): «CORTE COSTITUZIONALE CI DA’ RAGIONE. ORA REGIONI TROVINO RISORSE»

«La nostra proposta è molto semplice – conclude Quici -: il rinnovo del contratto prevede un incremento contrattuale lievemente inferiore a quello che ci aspettavamo ma, visti i tempi che corrono, siamo disposti ad accettarlo così. Per la parte normativa, invece, aggiungiamo i provvedimenti disciplinari richiesti dalla Legge, il welfare aziendale e le assicurazioni, ma poi chiudiamola qui. Affrontiamo la parte normativa nel contratto 2019-2021. Le proposte sono tutte peggiorative, quindi non vedo per quale motivo dovremmo firmare un contratto che prevede una perdita economica e, soprattutto, un peggioramento della qualità del lavoro».

Articoli correlati
«Rischioso aderire al Mes senza un progetto per il futuro della sanità». Intervista al presidente Cimo-Fesmed Guido Quici
«Questa è una vera opportunità per riformare il SSN. Servono ospedali flessibili, continuità con il territorio e centralità della professione. Ora la politica ci strumentalizza, poi finirà tutto nel dimenticatoio. Se sono sinceri, ci convochino per il nuovo contratto»
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Quest’estate gli ospedalieri potrebbero non riuscire ad andare in ferie. Leoni (CIMO Veneto) spiega perché
Nuovo contratto, carenza di personale e recupero delle prestazioni rimandate per il Covid: la tempesta perfetta che rende le vacanze estive di chi lavora in ospedale un miraggio
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
CIMO-FESMED al governatore Rossi: «Revochi delibera che punisce i medici negando la libera professione»
«Presidente Rossi basta con la demagogia. Chiediamo l’immediata revoca della Delibera 49 del 3 Maggio 2020. La Libera Professione è un diritto e negare i più elementari diritti contrattuali per perseguire una propria ideologia fatta solo di demagogia serve solo a rimarcare una gestione della sanità monocratica che, per l’ennesima volta, dimostra avversione alla professione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...