Lavoro 4 Gennaio 2019

Contratto dirigenza SSN, Cosmed: «Una norma in legge di Bilancio stravolge accordo quadro e rischia paralisi iter»

L’allarme lanciato dalla Confederazione sindacale dei medici e dirigenti: «Sono in gioco l’autonomia e l’indipendenza delle organizzazioni sindacali. Governo, Regioni, ARAN e Comitato di settore chiariscano subito il perimetro della norma e le loro reali intenzioni. Se non viene ritirata immediatamente, sarà inevitabile lunga mobilitazione»

Immagine articolo

«Con un emendamento alla legge di bilancio dell’ultima ora, inserito nel maxi emendamento e non passato al vaglio di ammissibilità per mancanza di tempo, è diventata legge una norma che stravolge l’accordo quadro sui rinnovi dei contratti e rischia di far saltare per molti mesi l’iter per il rinnovo dei contratti di lavoro, peraltro fermi da dieci anni, dei dirigenti medici sanitari e amministrativi del Servizio sanitario nazionale e degli Enti locali». La denuncia arriva dalla COSMED, la Confederazione sindacale dei medici e dirigenti.

Si tratta – precisa la Confederazione – del comma 687: “La dirigenza amministrativa, professionale e tecnica del Servizio sanitario nazionale, in considerazione della mancata attuazione nei termini previsti della delega di cui all’articolo 11 comma 1, lettera b), della legge 124 del 7 agosto 2015, rimane nei ruoli del personale del Servizio sanitario nazionale. Con apposito Accordo, ai sensi dell’articolo 40, comma 2, del decreto legislativo n. 165 del 2001, tra Aran e Confederazioni sindacali si provvede alla modifica del Contratto collettivo quadro per la definizione delle aree e dei comparti di contrattazione per il triennio 2016-2018 del 13 luglio 2016”.

«Precisiamo – scrive la COSMED in una nota – che l’accordo quadro su aree e comparti in questione è un atto obbligatorio e preliminare all’apertura dei tavoli negoziali che stabilisce quanti e quali contratti devono essere previsti e inserisce tutte le categorie in specifici contratti. Senza l’accordo quadro non è possibile alcuna procedura negoziale e nemmeno la composizione delle delegazioni sindacali la cui rappresentatività è misurata sulla base delle categorie coinvolte. L’accordo quadro per il triennio 2016-18 è stato stipulato il 13 luglio 2016 e ha consentito la stipula dei contratti del comparto e della dirigenza dell’istruzione e ricerca».

«Se gli effetti della norma fossero retroattivi – è l’allarme della COSMED – salterebbe la legittimità dei tavoli della dirigenza del Servizio sanitario nazionale e degli enti locali e si renderebbe necessario un nuovo accordo quadro seguito da un nuovo accertamento della rappresentatività calcolata sulla nuova composizione delle aree per definire le delegazioni sindacali. Salterebbero anche gli atti di indirizzo e si dovrebbe riprendere con un iter che richiederebbe nuovi atti di indirizzo, stipula del nuovo accordo quadro e della nuova rappresentatività con le conseguenti autorizzazioni e i tempi tecnici di valutazione da parte di Governo, Ragioneria e Corte dei conti. Sarebbe la pietra tombale almeno per il 2019 al rinnovo dei contratti di lavoro per queste categorie di dirigenti».

«Anche considerando la norma non retroattiva – prosegue la Confederazione -, in ogni caso si tratterebbe di un’invasione inaudita e incostituzionale della politica che interviene su una materia pattizia delegata dalla legge al libero accordo tra ARAN e le confederazioni sindacali e sulla quale il Governo è intervenuto andandone a condizionare pesantemente i contenuti. Sono in gioco l’autonomia e l’indipendenza delle organizzazioni sindacali. Inoltre ricordiamo che l’Accordo quadro del il 13 luglio 2016 fra Aran e Confederazioni sindacali venne sottoscritto all’unanimità e con pieno titolo».

«La norma fa confusione tra ruolo (al quale appartengono da sempre i dirigenti PTA e non ne sono mai usciti in quanto il CCNQ in oggetto non definisce i ruoli ma il perimetro contrattuale) e contratti di lavoro. La norma approvata non è di natura finanziaria, ma ordinamentale e quindi nulla ha a che vedere con la legge di bilancio, in passato proposte simili sono state dichiarate inammissibili dalle commissioni parlamentari».

«A tanto è giunta la fantasia emendativa – continua la nota -. Si rende conto il Governo della gravità dell’atto, unilaterale e non passato al vaglio di legittimità? Quali obiettivi si pone con questo atto? Governo, Regioni, ARAN e Comitato di settore chiariscano subito il perimetro della norma e le loro reali intenzioni rimuovendo un incredibile ostacolo sconsideratamente giustapposto all’iter negoziale. Oltre 150.000 dirigenti attendono risposte urgenti. La COSMED – conclude – chiede l’immediato ritiro della norma con decreto legge o sarà inevitabile la calendarizzazione di una lunga e articolata mobilitazione».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CIMO DENUNCIA GOVERNO, ARAN E REGIONI A CORTE EUROPEA PER MANCATO RINNOVO. AVVIATA ANCHE CLASS ACTION

Articoli correlati
Infermieri, le proposte Nursing Up: «È tempo di un contratto analogo a quello dei dirigenti medici»
Categoria E per tutti i professionisti sanitari, ES e posto di ruolo per gli specialisti, intramoenia ed indennità di esclusività. Ecco le proposte che il sindacato degli infermieri Nursing Up porta oggi alla Commissione paritetica dell'Aran
Contratto medici, arriva la proposta Aran-Regioni: 200 euro lordi in più al mese e ‘doppia carriera’
Ora si attende la risposta dei sindacati. Previste due tipologie di incarichi: gestionali e professionali. Le Regioni pronte a stanziare circa 550 mln di euro per il triennio 2016-2018 e 458 milioni di euro a regime dal 2019 per un totale di oltre 1 mld di euro
Contratto medici, CIMO-FESMED: «Non arretriamo sulla tutela dei diritti»
La Federazione ritiene «peggiorative» le proposte di Aran e Regioni, e aggiunge: «L'accorpamento dei fondi contrattuali di dirigenza medica, sanitaria non medica e professioni sanitarie prefigura un danno a carico esclusivo dei medici dipendenti del SSN. Adotteremo ogni strumento e azione utile a tutelare gli interessi di tutti i camici bianchi»
Contratto medici, trattativa a una svolta. Filippi (Cgil): «Chiarito nodo finanziamento, ora anche a noi aumento del 3,48%»
Il segretario della Cgil medici si dice ottimista sull’esito della trattiva dopo l’ennesimo incontro in Aran: «Il nodo resta il 2018 per arrivare ad avere una parametratura sovrapponibile a quella di tutti gli altri comparti della sanità. Su questo ci siamo battuti, dovremmo farcela». Poi annuncia: «Aspettiamo l’integrazione all’atto di indirizzo che dovrebbe sostanzialmente spostare quel parametro che era fissato al 2% attraverso un finanziamento integrativo, per arrivare al 3,48%»
Sanità, l’allarme di Ganga (Cisl): «Confronto su Def, ma rischio tagli c’è. Su contratto pronti a scendere in piazza»
Il segretario confederale della Cisl sottolinea: «È sempre un'incognita la fase di confronto sul Def perché noi arriviamo da dieci anni di tagli lineari sul sistema sanitario». Poi affronta il problema delle carenze: «Arriveremo al 2022 con 55mila medici in meno e 39mila infermieri in meno, andiamo verso una sanità inanimata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...