Lavoro 1 Marzo 2018 19:38

Contratto medici, ancora fumata nera. Intersindacale: «Mancano certezze su risorse economiche, manteniamo agitazione»

Al termine dell’incontro con l’Agenzia preposta alle contrattazioni, l’Intersindacale esprime insoddisfazione rispetto all’assenza di certezza sulle risorse economiche disponibili e mantiene lo stato di agitazione

Nulla di fatto per il contratto dei medici. La fumata nera è maturata ieri dopo l’incontro all’Aran tra i rappresentanti dell’Agenzia per la rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni e sindacati della dirigenza medica. Il nodo è la possibilità di includere l‘indennità di esclusività nel monte salari, richiesta considerata dall’Intersindacale della dirigenza medica e sanitaria una sorta di pre-condizione della trattativa sul rinnovo contrattuale. L’atto di indirizzo sarebbe infatti bloccato al Mef e il ministero dell’Economia non ha dato per il momento nessun via libera all’integrazione.

In una nota, l’intersindacale medica esprime «insoddisfazione rispetto all’assenza, dopo nove anni di blocco contrattuale ed al secondo round di trattativa, di certezza sulle risorse economiche disponibili, pur prendendo atto della disponibilità dichiarata dall’Aran di adoperarsi per una risposta positiva da parte del Ministero dell’Economia in sede di approvazione dell’atto di indirizzo integrativo. Auspicando, però, una esplicita presa di posizione in tal senso da parte del Comitato di Settore e delle Regioni».

Sembrano dunque essersi concretizzati i timori che i sindacati avevano manifestato già dopo il primo incontro della settimana scorso. Le sigle mantengono lo stato di agitazione «riservandosi iniziative di mobilitazione e protesta a fronte di decisioni discriminatorie e penalizzanti per le categorie professionali che rappresentano».

Duro Guido Quici, presidente del sindacato dei medici Cimo, che ha parlato di «ultimo passo dello smantellamento della sanità pubblica». «Cimo – si legge in una nota – prende atto della mancata volontà politica di avviare un serio confronto con le organizzazioni sindacali della dirigenza della sanità finalizzata al rinnovo di un contratto atteso dai medici da quasi un decennio che, a quanto pare, parte in perdita sia per gli aspetti economici che normativi».

Meno pessimista Andrea Filippi, segretario nazionale della Fp Cgil medici, per il quale ci sono ancora i margini per un chiarimento. «È stato un “ni”, come ci aspettavamo ma apprezziamo l’impegno dell’Aran verso una chiusura del contratto in tempi ragionevoli rispettando quanto previsto dall’intesa del 30 novembre 2016. Sull’inclusione dell’indennità di esclusività nel monte salari si avrà più chiarezza nel prossimo incontro del 14 marzo, dopo una valutazione congiunta Mef-Regioni».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, IL VOX POPULI DEI SINDACATI DOPO IL PRIMO INCONTRO: «INIZIO DELUDENTE, CI ASPETTAVAMO DI PIU’»

Articoli correlati
Covid-19, l’appello dei medici: «Ospedali ancora sovraccarichi, no a un allentamento prematuro delle restrizioni»
L'intersindacale: «Rallentamento delle restrizioni possibile solo con contagi giornalieri al di sotto di 5.000 casi, ricoveri in area Covid medica e intensiva al di sotto del 40% e 30% e vaccinazione completata almeno per fragili e ultra 60enni»
CIMO-FESMED: «98% di Aziende sanitarie non hanno applicato contratto. Medici penalizzati e con condizioni di 15 anni fa»
La Federazione: «Bene patto per lavoro e coesione sociale, ma in sanità servono tempi certi per contrattazione decentrata»
Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»
Terapie intensive a tre punti percentuali dalla soglia critica. «Nei mesi post-lockdown ospedali avrebbero dovuto prevedere un piano b». E sul piano vaccinale: «Inutili nuove strutture in cui fare le vaccinazioni se manca il personale sanitario che deve farle»
Maugeri, Cisl medici sigla primo contratto nazionale della dirigenza medica
Cisl Medici ha sottoscritto insieme alle altre sigle sindacali il primo contratto collettivo nazionale di lavoro della dirigenza degli Istituti Clinici Scientifici Maugeri, valevole per il triennio 2020-2022
Chi soccorre il 118? Fotografia di un sistema a geometria variabile
Il racconto di Andrea Filippi (Fp Cgil Medici), Alessandro Vergallo (Aaroi-Emac), Cristina Girardet (Usb) e Maurizio Borgese (SMI)
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...