Lavoro 21 maggio 2018

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio De Palma di Nursing Up ribadisce il suo no ad un contratto che «penalizza gli infermieri italiani»

Immagine articolo

Il contratto nazionale del comparto sanità è stato firmato in via definitiva all’Aran. Dopo il via libera da parte della Corte dei Conti del 15 maggio scorso, si chiude definitivamente il percorso per il rinnovo del contratto.

LA SODDISFAZIONE DI SERGIO VENTURI (COMITATO DI SETTORE)
Il Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità, Sergio Venturi (Assessore Regione Emilia-Romagna) ha espresso «soddisfazione» per la sottoscrizione definitiva del contratto del personale dei livelli della sanità. «Si tratta – ha spiegato Venturi – di un risultato atteso dopo un lavoro durato mesi e mesi che ha impegnato il comitato di settore, a fianco dell’Aran. La firma odierna perfeziona un testo in cui sono state individuate le migliori soluzioni contrattuali possibili in un momento di scarsa disponibilità di risorse economiche, anche in ragione del mancato incremento del fondo sanitario nazionale. Il contratto ha comunque il pregio di introdurre ed in alcuni casi di revisionare alcuni istituti contrattuali. Strumenti che – ha concluso Venturi – potranno dare un nuovo slancio all’organizzazione del lavoro e migliorare le condizioni dei lavoratori del settore. Basti considerare soprattutto il sistema delle indennità e degli incarichi».

SORRENTINO (FP CGIL): «STIAMO GIA’ LAVORANDO AL CCNL 2019/2021»
«Dopo quasi dieci anni – ha aggiunto la Segreteria generale della Fp Cgil Serena Sorrentino -, segniamo la fine di questa lunga attesa. Noi siamo stati coerenti e ciò che abbiamo dichiarato prima, durante e dopo la trattativa, è stato discusso con le lavoratrici e lavoratori in migliaia di assemblee fatte in questi mesi, a quelle lavoratrici e lavoratori adesso saranno erogati gli aumenti contrattuali e restituiti più diritti e più partecipazione. Ma volgiamo già lo sguardo in avanti: dopo aver chiuso i contratti relativi al triennio 2016/2018 stiamo lavorando, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, alle delegate e ai delegati appena eletti, alla scrittura delle piattaforme per il prossimo triennio 2019/2021».

IL NO DI NURSING UP
Nursing Up
, invece, non ha firmato il contratto che «penalizza gli infermieri italiani». La partecipazione del sindacato all’incontro di oggi presso l’Aran è stata finalizzata a formalizzare il suo no al contratto e a prendere atto degli aggiornamenti apportati sul documento originario: «Le variazioni preannunciate – comunica il Presidente Antonio De Palma in una nota – non sembrano lasciar presagire nulla di nuovo, in particolare sotto il profilo economico, rispetto alla preintesa sottoscritta il 23 febbraio scorso. Se le cose resteranno ferme alle modifiche anticipateci dall’Aran, non si interviene sul deprecabile impianto di attribuzione degli incarichi, non si elimina la deroga al riposo continuativo di 11 ore per la pronta disponibilità passiva e si mantiene fermo il sistema delle indennità, alcune confermate negli importi vigenti ante euro».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, PAPOTTO (CISL): «DA ARAN SOLO TANTI NO. VOGLIAMO COMPARTECIPARE ALLA GESTIONE DELLA NOSTRA VITA»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sit in medici, presente anche la FNOMCeO . Il presidente Anelli: «Senza finanziamenti al SSN aumenteranno disuguaglianze»
«Non rinnovare il contratto dei medici da oltre 10 anni significa mancar loro di rispetto e non considerare la dignità di una professione. Spero che manifestazione risvegli senso di responsabilità dei politici». L’intervista al presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Contratto medici, Ettore (Fesmed): «Non scioperiamo solo per l’aumento ma per mettere in sicurezza la sanità pubblica»
«Ogni giorno dentro gli ospedali è a rischio la vita», l'allarme del leader sindacale. Sulla carenza di professionisti aggiunge: «Oggi mancano almeno 3mila medici tra ginecologi e neonatologi, specializzazioni tra l'altro rischiose più di altre»
Gli infermieri Nursing Up al ministro Grillo: «Se non ci sono fondi per sostenere Ccnl il Governo riapra contrattazioni»
«Anche il ministro Grillo riconosce ufficialmente quello che noi abbiamo sottolineato e continuiamo a sottolineare da lungo tempo, cioè che non ci sono i fondi per sostenere i contratti: allora ad un certo punto, se non ci sono le risorse, questi contratti nazionali di lavoro che contratti sono? Possono essere considerati tali? Non è meglio […]
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...