Lavoro 17 Marzo 2022 17:06

CIMO su Ospedali di Comunità: «Bene la forma, manca la sostanza. Servono più risorse»

Il DM 71 proposto dal Ministero della Salute è un progetto ambizioso, ma l’aumento del Fondo Sanitario Nazionale non è sufficiente a coprirne i costi: occorrono previsioni di spesa realistiche e finanziamenti consistenti

CIMO su Ospedali di Comunità: «Bene la forma, manca la sostanza. Servono più risorse»

Il DM 71 delinea una nuova sanità territoriale, resa realizzabile dai fondi europei destinati all’operazione. Nuove tecnologie, strutture più adeguate o ricostruite per ospitare nuovo personale. Un progetto ambizioso e auspicabile, anche se qualcuno teme che i calcoli siano stati fatti senza contare i costi che verranno a crearsi.

A fare i conti è stata CIMO-FESMED, che ha sottolineato «il rischio di riempire il Paese di nuove Case e Ospedali di Comunità che poi non siano in grado di funzionare perché carenti di personale e tecnologie».

«È comprensibile la richiesta delle Regioni – che hanno posto alcune condizioni all’approvazione del DM 71 – di attuare progressivamente gli standard e i modelli organizzativi previsti dal decreto “attraverso un’adeguata implementazione e potenziamento del fabbisogno del personale necessario, dipendente e convenzionato, ed un’adeguata copertura finanziaria”. Risorse che devono essere stabili nel tempo per poter sostenere i costi del personale assunto» si aggiunge.

Le cifre in questione

Ma di che cifre parliamo? Il documento prevede un infermiere di famiglia e di comunità ogni 2.000-3.000 abitanti: significa assumere 20.000-30.000 infermieri. Sottraendo i 9.600 infermieri previsti dal decreto “Rilancio”, rimangono 10.400-20.400 infermieri di famiglia e di comunità. Il costo medio di un infermiere, comprensivo degli oneri riflessi, è pari, secondo il Conto annuale del 2019, a 45.539 euro. Assumere 10.400 infermieri, costa dunque oltre 473 milioni di euro l’anno; l’assunzione di 20.400 infermieri vale circa 929 milioni di euro.

Nell’ultima Legge di Bilancio, per coprire i costi relativi al personale dipendente e convenzionato da assumere, è stata autorizzata, a valere sul finanziamento del SSN, la spesa di 90,9 milioni di euro per l’anno 2022, di 150,1 milioni di euro per l’anno 2023, di 328,3 milioni di euro per l’anno 2024, di 591,5 milioni di euro per l’anno 2025 e di 1.015,3 milioni di euro a decorrere dall’anno 2026. Ma oltre agli infermieri, nelle strutture di comunità opereranno medici, altri professionisti sanitari, OSS, personale amministrativo e di supporto. Appare evidente, dunque, quanto tali previsioni di spesa risultino insufficienti.

Chi produrrà i risparmi?

«In teoria – scrive ancora CIMO – dovrebbe essere la riorganizzazione dell’assistenza sanitaria a produrre i risparmi necessari (stimati in 850 milioni l’anno) a finanziare il funzionamento delle nuove strutture. Si parla ad esempio della riduzione dei ricoveri in ospedale e degli accessi inappropriati in Pronto soccorso. Ma i risparmi, se ci saranno, non potranno che essere marginali e di certo non raggiungeranno la cifra prevista: sono infatti i farmaci innovativi, le alte tecnologie e le chirurgie le voci che influiscono maggiormente sui costi degli ospedali; non saranno la diminuzione di codici bianchi in Pronto soccorso o il trasferimento dei pazienti cronici dall’ospedale al territorio a poter finanziare il personale delle strutture di comunità, considerando che l’attuale organizzazione ospedaliera in termini di risorse umane e tecnologiche è già minima e non può in alcun modo essere ulteriormente ridotta».

Le conclusioni

È insomma impensabile collegare la sopravvivenza delle Centrali Operative Territoriali e delle Case e Ospedali di Comunità alla mera ipotesi di risparmi prodotti da strutture ospedaliere già in affanno sotto numerosi punti di vista, a partire dalla carenza di personale, che dovrebbero essere affrontati dalla revisione del DM 70. Una riforma che a sua volta necessita di finanziamenti e che, per poter dar vita ad una vera logica di filiera della salute, dovrebbe andare di pari passo con il PNRR ed il DM 71 e non viaggiare in autonomia.

«Occorre dunque immaginare sin da adesso – conclude CIMO – una rivalutazione del Fondo Sanitario Nazionale che consenta di sostenere nel tempo i costi delle strutture, del personale e delle tecnologie, evitando di dar vita a organizzazioni non autosufficienti che costringerebbero i cittadini a continuare a rivolgersi agli ospedali anche per le necessità di salute più banali: in tal senso, è allarmante l’eliminazione dall’ultima bozza del decreto dell’elenco degli strumenti necessari a monitorare i pazienti ricoverati negli Ospedali di Comunità. Va poi previsto un piano straordinario di assunzioni anche all’interno degli ospedali, migliorando le attuali condizioni di lavoro per incentivare i professionisti a lavorare nel sistema sanitario pubblico. Infine, auspichiamo un immediato confronto sulla revisione del DM 70. Quella del PNRR è un’occasione unica. Non sprechiamola».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
La denuncia di Quici (Cimo-Fesmed): «L’84% dei medici che entrano nel SSN non ha nessuna aspettativa di carriera»
Turni che superano le 48 ore, 11mila strutture complesse e semplici tagliate, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso. Il presidente CIMO spiega cosa affrontano i medici
Sondaggio CIMO-FESMED: 75% delle mediche in maternità non viene sostituita a lavoro. Quici: «Sia obbligatorio»
Le testimonianze: «Mi è stato rinfacciato più volte di aver scelto di essere madre oltre che chirurgo». «La carenza cronica di personale ha aggravato un ambiente già culturalmente deviato». «Ad oggi quello del medico rimane un mestiere per uomini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali