Lavoro 15 Luglio 2019

Contratto, Quici (CIMO-FESMED): «A chi conviene un medico demotivato e mal pagato?»

«Storia di un contratto che le istituzioni non vogliono fare». Le riflessioni del presidente della Federazione CIMO-FESMED Guido Quici sul contratto della dirigenza medica e sanitaria

«Quando attendi un contratto da 10 anni, quando discuti per 15 mesi per migliorare le condizioni economiche e normative dei medici dipendenti, quando assisti a condizioni di lavoro sempre peggiori per effetto dei tagli aziendali soprattutto sul personale, quando accerti che il fenomeno delle aggressioni nelle strutture sanitarie dipende da una ridotta offerta sanitaria e da una cattiva organizzazione, non puoi accettare un pugno nell’occhio da ARAN e Regioni su un testo di rinnovo del contratto volutamente provocatorio e umiliante, che può tranquillamente essere considerato come una dichiarazione di guerra o, peggio, una mossa per costringere a un netto no, cui far strumentalmente risalire l’eventuale causa di una mancata chiusura delle trattative (diabolico, ma plausibile)». Così, il presidente della Federazione CIMO-FESMED Guido Quici, commenta in una lunga lettera lo stato della trattativa per il rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria.

«A questo punto – prosegue – non si capisce infatti chi voglia chiudere o meno il contratto di lavoro per il semplice fatto che se CIMO-FESMED e qualcun altro, a queste condizioni, non firmeranno mai nessun pre-accordo, è pur vero che ARAN e Regioni fanno di tutto per provocare la reazione dei sindacati, ragion per cui forse non è neanche più in atto il “gioco del cerino” per attribuire al Sindacato la responsabilità di un mancato accordo, ma la prevaricazione non datoriale ma dittatoriale di chi, probabilmente, ha l’obiettivo di una sanità proiettata dal pubblico verso altri “orizzonti”, in cui assegnare al privato la parte di maggior valore economico e professionale».

«In questo contesto, ARAN fa meramente l’agente diretto da due padroni, Funzione Pubblica e Regioni, perché obbedisce rigidamente alle indicazioni di questi senza assumere quel ruolo di mediatore che in una contrattazione tra le parti favorirebbe un esito positivo», continua Quici.

«Mai come nella sanità la mediazione è determinante, mentre la visione burocratica di ARAN testimonia il totale distacco dal mondo del lavoro del medico e dei sanitari che operano negli ospedali o sul territorio: è un dato di fatto che, fino ad oggi, ogni suo intervento normativo, non concordato ma imposto, abbia avuto effetti devastanti sulla organizzazione del lavoro, sul contenzioso e sulla sicurezza delle cure».

«Con chiarezza – aggiunge il presidente della Federazione -, la visione che emerge dagli atti, ovvero la proposta del nuovo contratto di lavoro, appare come una sorta di accanimento proprio verso quella professione medica tra le più penalizzate negli ultimi 10 anni e che, tuttavia, è riuscita a sostenere il sistema sanitario pubblico con il proprio lavoro, sopportando i continui tagli legati alla riduzione dei medici, delle strutture complesse e semplici, dei fondi contrattuali e alle furberie di molte aziende che hanno commesso abusi attraverso la non corretta applicazione delle norme contrattuali. E, mentre mancano i medici, si ricorre agli specializzandi e non, ai lavoratori “interinali”, ai pensionati, ai medici militari…».

«A chi conviene dunque – si chiede Quici – avere un medico demotivato, sottopagato, magari con un contratto ulteriormente penalizzante? Se la sanità pubblica non è più sostenibile, è bene che ce lo dicano una volta per tutte e che la smettano di far pagare il conto ai medici, sia sul loro compenso che sulla loro reputazione».

«CIMO-FESMED non accetterà mai queste imposizioni. Piuttosto, invece di opporre un no a tutti i costi, da tempo chiede di chiudere almeno la parte economica del contratto di lavoro fermo da 10 anni, che sia cioè riconosciuto quanto dovuto, insieme alle modifiche normative intervenute in questo periodo per effetto delle attuali disposizioni legislative», conclude il Presidente.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI E UNIFICAZIONE FONDI: ECCO COSA STA SUCCEDENDO ALL’ARAN

Articoli correlati
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
CIMO-FESMED al governatore Rossi: «Revochi delibera che punisce i medici negando la libera professione»
«Presidente Rossi basta con la demagogia. Chiediamo l’immediata revoca della Delibera 49 del 3 Maggio 2020. La Libera Professione è un diritto e negare i più elementari diritti contrattuali per perseguire una propria ideologia fatta solo di demagogia serve solo a rimarcare una gestione della sanità monocratica che, per l’ennesima volta, dimostra avversione alla professione […]
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
CIMO-FESMED al Governo: «Riformare sanità partendo dai suoi professionisti. Medici dipendenti del SSN fuori dalla funzione pubblica»
«i professionisti della salute - spiega Quici - non possono continuare a rimanere ostaggio di precipitose iniziative regionali che non hanno una visione d’insieme del nostro SSN come nel caso della recente risoluzione del Consiglio Regionale della Lombardia, che vorrebbe vedere i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta rientrare nella dipendenza pubblica»
Covid 19, Cimo-Fesmed: «No a colpi di spugna sulle falle organizzative nella sicurezza di medici e sanitari»
La Federazione Cimo-Fesmed: «Ingiustificabili le proposte di moratoria sulle responsabilità delle filiere gestionali della sanità in tema di misure di sicurezza anti contagio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...