Lavoro 16 Ottobre 2020

Chirurgo positivo al Covid opera paziente. L’Avv. Rodinò Toscano (C&P): «Condotta inquadrabile nello stato di necessità»

È successo ad Aosta. La procura ha ottenuto l’emissione di un decreto penale di condanna nei confronti del chirurgo, del direttore della US e del responsabile del 118: «Onorato il giuramento di Ippocrate»

«Sono stati adottati tutti i presidi e le cautele necessarie per evitare eventuali contagi alla paziente e al personale sanitario coinvolto, risultati tutti negativi al Covid-19. Sotto il profilo etico, inoltre, non ci si può che inchinare dinanzi a chi ha sacrificato i propri interessi personali per salvare una vita umana, onorando nel modo più nobile il giuramento di Ippocrate».

Così l’avvocato Anna Rodinò Toscano, referente penale per Consulcesi & Partners, sulla vicenda del chirurgo di Aosta che, nonostante fosse in quarantena per positività al Covid-19, operò una paziente in pericolo di vita, ha destato grande clamore. La Procura di Aosta ha chiesto e ottenuto dal GIP l’emissione di un decreto penale di condanna nei confronti del chirurgo, del direttore della US che lo autorizzò ad effettuare l’intervento chirurgico e del responsabile del 118 che consentì il trasporto del medico con ambulanza. Per tutti e tre l’accusa è di violazione della normativa sulla quarantena, in particolare l’ordinanza di isolamento domiciliare prescritta a causa della positività (anche se debole) al Covid-19 del chirurgo. I tre imputati si sono opposti al decreto penale di condanna scegliendo, quindi, di sottoporsi al processo.

«Tale scelta processuale – spiega l’avvocato Rodinò Toscano – è dettata dal legittimo convincimento degli imputati di non aver commesso alcun reato, avendo essi agito in particolari circostanze storico fattuali. Si sarebbero trovati a far fronte ad un’emergenza data dalle condizioni di una paziente, affetta da un aneurisma dell’arteria splenica che doveva essere immediatamente operata e non poteva esser trasferita, per le particolari condizioni cliniche, in un altro ospedale».

Il chirurgo vascolare sarebbe stato l’unico in grado di effettuare un intervento così invasivo e delicato. Da qui la scelta di farlo trasportare in ambulanza presso il nosocomio e di utilizzare la sala operatoria appositamente realizzata per le malattie infettive, per consentirgli di operare in sicurezza.

Il direttore della Usl, dopo averlo comunicato alle autorità competenti, ha autorizzato il chirurgo ad allontanarsi dall’isolamento domiciliare per il tempo necessario per eseguire l’intervento. La paziente che rischiava la rottura di un aneurisma e, dunque, era in grave pericolo di vita, grazie al salvifico intervento chirurgico, ora sta bene.

«La vicenda fornisce degli spunti di riflessione sotto il profilo giuridico ed etico – spiega l’avvocato Rodinò Toscano –. Innanzitutto, appare singolare come, non solo il PM ma anche il GIP, abbiano ritenuto il medico e gli altri due soggetti penalmente responsabili e, dunque, meritevoli di un trattamento sanzionatorio (pena pecuniaria pari a 5mila euro) nonostante la loro condotta fosse agevolmente inquadrabile nell’alveo applicativo della scriminante dello stato di necessità, disciplinata dall’art. 54 del codice penale». La norma infatti prevede che «non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo».

«Ebbene – conclude l’avvocato di Consulcesi & Partners –, appare evidente come la condotta del chirurgo sia stata dettata dalla necessità di sottoporre la paziente, in grave pericolo di vita, ad un intervento chirurgico urgente, dunque improcrastinabile, e di particolare complessità per il quale solo lui aveva le relative competenze».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, De Poli: «Fronteggiare carenza anestesisti-rianimatori»
«Serve un Piano straordinario per il potenziamento delle terapie intensive e per fronteggiare la carenza cronica di 4.000 medici anestesisti e di rianimazione a livello nazionale»
Nuovo report Cabina di Regia: «Situazione molto grave, necessario ridurre attività non essenziali e mobilità»
«Sono necessarie misure, con precedenza per le aree maggiormente colpite, che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui servizi sanitari»
Campania, De Luca: «Chiudere tutto tranne attività essenziali. Si torna al lockdown»
«Chiuderemo tutto tranne le attività essenziali. Si torna al lockdown come già fatto a marzo». Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, chiede al Governo nazionale il lockdown totale e annuncia che lui si muoverà proprio in questo senso. «Oggi siamo chiamati a prendere decisioni forti, definitive ed efficaci, per far fronte a una situazione […]
Chiusure e limitazioni, le misure adottate dalle Regioni per cercare di rallentare la diffusione del Covid
L'Italia affronta la seconda ondata delegando alle regioni i nuovi provvedimenti di chiusura. Attivi coprifuoco in Lazio, Lombardia e Campania
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...