Lavoro 19 Settembre 2017

Modena, la chirurgia plastica si ritrova a congresso e dialoga col Brasile. Parla il Presidente De Santis (SICPRE)

Microchirurgia, trapianti, oncologia ricostruttiva ed estetica: tutto questo al Congresso nazionale SICPRE a Modena (21-23 settembre). Il Presidente del Congresso Giorgio De Santis: «Un momento fondamentale di confronto di idee e innovazioni a favore di un miglioramento dei nostri specialisti»

Si apre a Modena dal 21 al 23 settembre il 66° Congresso nazionale della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica (SICPRE). L’evento sarà incentrato a tutto campo sui progressi della medicina estetica e ricostruttiva con particolari focus su chirurgia del rimodellamento corporeo, microchirurgia, trapianti, ortoplastica, mastoplastica ed altri temi estremamente attuali e d’interesse per la categoria.

Da segnalare il dibattito tra specializzandi rispetto ai diversi sistemi formativi nel mondo, utile momento di confronto fra giovani medici che approfondiranno temi relativi all’importanza della formazione e dell’aggiornamento comparando i differenti apparati educativi dell’Europa e degli altri Paesi.

«Auspico, in previsione dell’evento, una grande affluenza – interviene il Presidente del Congresso Giorgio De Santis – soprattutto perché, per la prima volta, abbiamo organizzato un incontro congiunto con l’importante Società Brasiliana di Chirurgia Plastica che, nell’immaginario collettivo, è la fondatrice della chirurgia plastica in termini universali». Infatti il Brasile è considerato la “terra promessa” della chirurgia plastica e un confronto fra professionisti brasiliani e italiani «sarà un interessante momento di confronto».

«Ci tengo a precisare inoltre – conclude il Presidente – che il Congresso sarà rivolto in particolare ai giovani, (per cui abbiamo ridotto le tariffe di registrazione) perché crediamo molto in un contributo scientifico degli specializzandi e dei neo specialisti che rappresentano il futuro della categoria».

PER INFORMAZIONI CONSULTA IL PROGRAMMA E LA PAGINA FACEBOOK DELL’EVENTO

 

Articoli correlati
Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%
Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»
di Federica Bosco
Covid, D’Andrea: «Un buco nella formazione dei futuri medici a causa dell’emergenza sanitaria»
La denuncia del Presidente del Collegio universitario dei Chirurghi Plastici, che scrive al Governo
Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Vi racconto la mia battaglia (vinta) contro il virus e le falle del sistema sanitario campano»
«Ormai è chiaro: nessuno è immune. Il Covid-19 può colpire chiunque in qualsiasi momento. Pur rispettando tutti i protocolli di sicurezza, basta un solo attimo per essere contagiati»
Il 21 ottobre si celebra il Bra Day, D’Andrea (SICPRE): «Ogni anno 50mila nuovi casi di tumore al seno»
Il presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica: «Invito alle donne a rivolgersi ai centri specializzati breast unit»
«No ai saldi sulla pelle dei cittadini». La denuncia di SICPRE: «Falsi specialisti all’arrembaggio»
Francesco D’Andrea, Presidente della Società Italiana di Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, lancia l’allarme: «Aumentano casi di abusivi della professione. No alle promozioni stile "3x2"»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli