Lavoro 15 febbraio 2018

Carenza medici, l’Enpam ripropone la App: il part-time per i medici vicini alla pensione se affiancati da giovani

L’anticipazione della prestazione pensionistica (App) prevede la diminuzione dell’attività lavorativa dei medici di famiglia vicini alla pensione, a fronte dell’immediato inserimento di un giovane medico di medicina generale. Ma per applicarla, la App deve essere contemplata dall’Accordo collettivo nazionale

Il pericolo della carenza di medici è reale. È questo l’allarme lanciato dall’Enpam, la cassa dei medici, riferendosi al dibattito di queste ore che ha visto gli interventi di FNOMCeO, sindacati, politici e opinione pubblica. Non ci sono abbastanza giovani per sostituire i medici che nei prossimi anni andranno in pensione. Le cause sono ormai chiare a tutti: la programmazione degli accessi alla formazione post-laurea inadeguata rispetto ai bisogni dei cittadini e il blocco delle convenzioni e del turn-over che sta ostacolando il graduale ingresso nel sistema sanitario dei giovani medici.

Ma quali possono essere le soluzioni? La cassa ripropone l’anticipazione della prestazione pensionistica, o App: una vera e propria staffetta generazionale che prevede la diminuzione dell’attività lavorativa dei medici di famiglia vicini alla pensione, a fronte dell’immediato inserimento di un giovane medico di medicina generale. Tuttavia l’applicazione della App potrà avvenire solo quando, e se, verrà contemplata dall’Accordo collettivo nazionale, che è ancora fermo.

Una misura, quella proposta dall’Enpam, che è stata studiata negli scorsi anni, e che rappresenta un incentivo al part-time, vista la maggiore flessibilità di uscita dalla professione durante gli ultimi anni di attività prima della pensione che offre. La diminuzione dell’attività professionale, e quindi del reddito percepito da parte del medico, verrebbe bilanciata dall’intervento dell’Enpam attraverso l’Anticipo della prestazione previdenziale.

«Immaginiamo la carriera di un professionista come un doppio binario – ha spiegato il Presidente dell’Enpam, Alberto Oliveti -: uno si interrompe alla data della pensione anticipata, l’altro al giorno della pensione ordinaria. Riceverà da parte della Asl una retribuzione pari al 50 per cento, mentre per la parte del binario interrotto riceve dal suo ente previdenziale un anticipo della pensione che gli spetterebbe se si fosse pensionato su tutto».

In questo scenario, la retribuzione “risparmiata” dalla Asl potrebbe andare verso un giovane collega che partecipa all’assistenza della stessa platea di assistiti. Questo significa che per ogni medico titolare delle scelte che aderisse all’App si creerebbe un posto di lavoro, e che contemporaneamente un giovane medico sin dal primo giorno di lavoro potrebbe arrivare a un compenso non lontano da 750 quote capitarie, mentre si sa che in caso di avviamento di un nuovo ambulatorio le tempistiche per avvicinarsi a questo obiettivo sono decisamente più lunghe.

 

LEGGI ANCHE: CARENZA DI MEDICI, LA CURA DI ANAAO: CONTRIBUTI DELLE REGIONI, TEACHING HOSPITAL E LIBERA PROFESSIONE PER GLI SPECIALIZZANDI

Articoli correlati
Concorsi emergenza-urgenza senza specializzazione, Pugliese (Simeu): «Ok se soluzione tampone, ma con percorso formativo»
Il presidente della Società italiana della Medicina di Emergenza-urgenza sull’emendamento al Dl Semplificazione che prevede la partecipazione ai concorsi 2019 di chi ha lavorato per 4 anni, negli ultimi 10, nei servizi di emergenza: «Non risolve carenza di specialisti ma sana la posizione del singolo medico»
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Scompenso cardiaco: e-health e social network per combattere la nuova pandemia
Una due giorni dedicata a quella che è stata definita “la nuova pandemia”: lo scompenso cardiaco. Una patologia cronica che sfida i sistemi sanitari per l’elevata frequenza di ri-ospedalizzazioni e l’alto assorbimento di risorse e che oggi, grazie anche nuove tecnologie, può essere tele-monitorata. Il 30 novembre e il 1 dicembre, all’Opificio Golinelli di Bologna, […]
Enpam, l’Assemblea nazionale approva Bilancio di previsione 2019: avanzo di oltre 848 milioni di euro
Il presidente Oliveti: «Dobbiamo trovare una soluzione per consentire l’ampliamento della nostra assistenza e della sicurezza, anche tramite un emendamento alla legge di Bilancio che consenta di dedicare una percentuale superiore degli attivi al sostegno della professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano