Lavoro 23 Settembre 2014

Camici bianchi alle prese con turni massacranti, ma la soluzione arriva dall’Europa 

La direttiva 2003/88 CE in materia di orari di lavoro apre la possibilità di ottenere rimborsi, ma il 78% dei medici ancora non lo sa. I risultati del sondaggio condotto da Consulcesi

Immagine articolo

I medici italiani lavorano troppo? Stando a quanto stabilito dall’Unione europea, sembra proprio di sì. E i camici bianchi cosa ne pensano?

Secondo un recente sondaggio effettuato su un campione di 4.600 professionisti della sanità da Consulcesi – unica realtà in Italia e tra le principali in Europa che ha cambiato la giurisprudenza a favore dei medici – quasi il 70% degli intervistati non sa di essere privato di una garanzia che invece è riconosciuta a tutti i lavoratori.

Un diritto sancito dalla direttiva 2003/88/CE, che, al fine di promuovere il miglioramento della salute e della sicurezza dei lavoratori durante l’orario di lavoro, stabilisce un orario settimanale di massimo 48 ore – comprensive di straordinari – ed un periodo di riposo giornaliero di undici ore per tutti. Una normativa recepita dal nostro Paese ma vanificata negli effetti attraverso la Legge Finanziaria per il 2008 e la l. n. 112/2008. Di conseguenza, la Commissione europea ha intimato all’Italia di mettersi in regola entro il 30 luglio 2013, e dopo l’ha deferita all’Unione europea.

A differenza di tutti gli altri lavoratori, dunque, i camici bianchi si vedono privati dal 2008 di un diritto riconosciuto dall’Ue, e fondamentale per la loro salute: circa l’84% dei medici intervistati sostiene, infatti, che orari eccessivi di lavoro possano influire negativamente sulla vita personale del professionista. Non solo, il 73% dei medici sostiene che i turni a cui è sottoposto siano eccessivi, e il 67% è convinto che il suo orario di lavoro giornaliero violi la direttiva europea in questione.

Altro dato interessante che emerge dallo studio è quello relativo ai camici bianchi non a conoscenza della possibilità di fare ricorso contro l’inadempienza dello Stato italiano e ottenere un rimborso per tutte le ore di lavoro in più: il 78% degli intervistati si dichiara infatti all’oscuro di questa importante opportunità.

Per ulteriori informazioni è disponibile il numero verde 800.189.091 ed il sito www.consulcesi.it 

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...