Lavoro 27 Ottobre 2015

#BastaTurniMassacranti. I medici non credono al 25 novembre. In tanti dall’avvocato: già 5mila ricorsi

La mobilitazione lanciata dalla FNOMCeO “Basta!” si estende anche agli orari di lavoro. Cassi (Cimo): «Ricorsi strada da seguire». I legali di Consulcesi hanno già raccolto oltre 5mila adesioni alle azioni collettive. Scotti (Fimmg): «Stop ai turni massacranti. Bisogna assumere giovani medici».

Immagine articolo

I medici si sentono sotto attacco, ma non hanno alcuna intenzione di alzare bandiera bianca nonostante una “sanità a pezzi”. Lo hanno letteralmente urlato in occasione degli Stati Generali della professione medica e odontoiatrica per “Una piattaforma professionale per il rilancio del Servizio Sanitario Nazionale”.


Chiamati a raccolta dalla FNOMCeO (la Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli odontoiatri) – con lo slogan  “Regione che vai, Sanità che trovi…” e con l’hashtag #iomimobilitoetu – sindacati e rappresentanti della categoria, hanno avviato una mobilitazione, che farà da antipasto a forme di protesta sempre più incisive. Il passo successivo sarà il confronto con il Governo a cui si sottoporrà un documento unitario in dieci punti.

In quell’occasione si discuterà del rinnovo del contratto e di risorse, ma sul tavolo finiranno inevitabilmente le numerose criticità esplose nelle ultime settimane: dalle sanzioni per i vaccini, la formazione e l’aggiornamento Ecm fino alla “burocratizzazione” della professione, le insidie e le incognite della responsabilità professionale e ovviamente il caso eclatante dei turni massacranti. L’imminente entrata in vigore della Legge 161, attraverso cui l’Italia si adegua (in ritardo) alla direttiva europea 2003/88, ha acceso un animato dibattito soprattutto sulle reali possibilità che dal 25 novembre possa cambiare qualcosa. Nel frattempo lo Stato si ritroverà a fronteggiare migliaia di ricorsi dei medici che chiedono i rimborsi per le ore lavorate in più.

«La Legge 161 entrerà in vigore un anno dopo la sua emanazione – spiega Riccardo Cassi, presidente di Cimo, il principale sindacato dei medici ospedalieri – e questa scelta era stata fatta proprio per dare tempo di organizzare i servizi. Le Regioni, però, in questi 12 mesi non hanno fatto niente». Dall’attesissimo 25 novembre, dunque, non cambierà nulla. «Il nostro timore è che il limite delle 48 ore non sia tarato sulla nostra professione, ma su quelle categorie a cui lo straordinario viene pagato. A noi non succede, ma sia chiaro: ci rifiuteremo di fare anche un’ora in più, oltre le 38, se non avremo la garanzia sui pagamenti». Resta, comunque, in piedi la strada dei ricorsi per farsi riconoscere le ore lavorate già in più senza alcun onore. «Una strada che va percorsa – conclude Cassi – noi abbiamo stipulato anche una convenzione ad hoc. Questa rappresenta una soluzione per il pregresso, ma dal 26 novembre in poi qualcosa deve cambiare. Bisogna trovare una soluzione e noi siamo disponibili a collaborare per trovare una soluzione in cui sia meglio prevenire che curare».

Secondo Consulcesi, punto di riferimento per la tutela legale dell’intera categoria con oltre 70mila medici assistiti, «Dal 25 novembre non cambierà nulla  e appare ormai chiaro che, con gli organici attualmente a disposizione, le Regioni non riusciranno a far rispettare orari e riposi di legge». Il presidente Massimo Tortorella anticipa di aver raccolto già 5mila adesioni ai ricorsi in appena un anno e annuncia una nuova imminente azione collettiva: «Noi siamo al  fianco dei medici, come sempre, e li sosteniamo – conclude –  nell’attività professionale, tutelandoli in sede legale affinché insieme ai diritti sia riconosciuto anche il risarcimento economico che viene ingiustamente negato dallo Stato e non dalla loro Azienda Sanitaria».

Scettico sulla possibilità che dal 25 novembre possa cambiare qualcosa («Con il blocco del turn over e le Regioni in piano di rientro, non vedo facili soluzioni, ma soluzioni all’italiana dove si vuole cambiare tutto, ma si rischia di non cambiare granché»), Silvestro Scotti, presidente dell’OMCeO Napoli e vice-presidente della FIMMG, la Federazione dei Medici di Medicina Generale lancia una proposta: «Stiamo ricreando la pletora medica attraverso le azioni del Miur che non programma l’accesso a Facoltà di Medicina e alle specialità. Non si investe in maniera coerente e programmata tra l’accesso alla specialità e al corso di Medicina generale che può offrire domani lavoro ai giovani. Allora riduciamo i turni massacranti e gli eccessi di ore per gli anziani e facciamo entrare i giovani medici nel mondo del lavoro».

Articoli correlati
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Medici di famiglia, l’ennesima beffa del mancato indennizzo per le vittime di Covid-19
Per le casse private non è infortunio sul lavoro, l’Inail non li tutela. Scotti (FIMMG): «Urge intervento normativo per estendere copertura ai convenzionati»
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Quest’estate gli ospedalieri potrebbero non riuscire ad andare in ferie. Leoni (CIMO Veneto) spiega perché
Nuovo contratto, carenza di personale e recupero delle prestazioni rimandate per il Covid: la tempesta perfetta che rende le vacanze estive di chi lavora in ospedale un miraggio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)