Lavoro 19 Marzo 2020

Solidarietà per ASST Santi Paolo e Carlo. Ma il direttore avverte: «Emergenza fino all’estate senza atteggiamento responsabile»

Il direttore Matteo Stocco: «156 ricoveri, 30 in terapia intensiva: numeri in crescita costante. Mancano respiratori e CPAP»

di Federica Bosco

Milanesi solidali donano denaro, apparecchiature, ma anche cene gourmet, creme per le mani e mettono a disposizione persino appartamenti per far riposare il personale tra un turno e l’altro. La fantasia, come la generosità non sembra mancare ai donatori dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano.

Il direttore dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano Matteo Stocco, in video collegamento con noi, ringrazia ma non nasconde il timore che l’emergenza possa protrarsi fino all’estate se non si adotta un atteggiamento più responsabile. «L’ultimo conteggio – spiega – era di 156 ricoverati, 30 in terapia intensiva e almeno 50 sostenuti da apparecchiature per la respirazione, la situazione nei pronti soccorsi è stabile, ma in costante aumento non ancora esponenziale, speriamo che tenga».

LEGGI ANCHE: SPORT, SPETTACOLO, POLITICA: IL LUNGO ELENCO DEI ‘FAMOSI’ COLPITI DAL CORONAVIRUS

Nei giorni scorsi abbiamo visto una grande generosità degli italiani e dei milanesi, anche voi avete ricevuto molto?

«Dai piccoli gesti quotidiani di supporto al personale del pronto soccorso con cibo e pizze, a  materiale vario anche sanitario: abbiamo ricevuto molti saturimetri, almeno 20 monitor, e poi tante donazioni di soldi  che verranno reinvestiti nell’acquisto di apparecchiature e per aumentare il numero dei posti letto monitorati per ciò che ci aspettiamo, ovvero un aumento importante dei casi positivi. C’è poi una grande attenzione nei confronti dei nostri operati che spero rimanga anche dopo. Un’infermiera giorni fa mi ha chiesto: “Si ricorderanno di noi finita l’emergenza?” io ho risposto che  spero di sì, perché effettivamente i nostri operatori sono davvero in prima linea come mai era successo negli ultimi decenni».

Secondo lei questa situazione si protrarrà ancora a lungo?

«Gli esperti dicono di sì, purtroppo se non rispettiamo le regole, se non si rimane a casa, se non si lasciano le strade solo a chi ne ha effettivamente necessità per il bene comune, ma si continua ad approfittare della situazione per andare in giro, aumenta il numero dei casi e quindi continueremo a diluire nel tempo l’emergenza. L’invito è di rimanere a casa. È un sacrificio, ma è ancora un sacrificio più grande rimanere in trincea per curare quelli che si presentano al pronto soccorso».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ISS: «TRA COMPARSA SINTOMI E DECESSO PASSANO 8 GIORNI»

Riuscite in questo momento ancora a gestire l’emergenza?

«Con la buona volontà di tutti,  una grande professionalità e una forza incredibile che il nostro personale mette ogni giorno oggi siamo in grado di  garantire il meglio delle cure».

Cosa manca di più in questo momento?

«Personalmente credo, come amministratore dell’azienda, che manchino le apparecchiature. Si fa fatica a trovare in commercio respiratori, CPAP e dispositivi di protezione perché ormai in tutto il mondo c’è un emergenza coronavirus. E’ una pandemia e il mercato non riesce a garantire tutto a tutti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Bernardo (Fatebenefratelli Sacco Milano): «Il nostro reparto Covid 19 help modello per la sanità del futuro»
La Sanità Lombarda dall’inizio di marzo è  stata duramente ed improvvisamente messa alla prova dalla pandemia da SARS COV2. Gli ospedali pubblici sono stati letteralmente messi in ginocchio dal grande afflusso di pazienti e dalla relativa assenza di un sufficiente numero di posti letto. Dopo una lunga riflessione e pianificazione attenta ho deciso di convertire […]
di Luca Bernardo, Fatebenefratelli Sacco Milano
Coronavirus, continuano le occasioni di vacanze gratuite per medici, infermieri e sanitari
Solidarietà, riconoscenza ma anche voglia di ripartire per le strutture turistiche: possibilità dalla Puglia alla Riviera
di Tommaso Caldarelli
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Carceri, primi pazienti guariti nella zona Covid realizzata a San Vittore e Bollate. Così il virus è stato tenuto sotto controllo
Lari (Direzione medica penitenziaria ASST Santi Paolo e Carlo): «Diagnosi precoci e cure specifiche per contenere i contagi». Ranieri (responsabile UO sanità penitenziaria Regione Lombardia): «Per la fase 2 tamponi rapidi e parziale ritorno all’attività didattica»
di Federica Bosco
Giornata internazionale Infermiere 2020: la FNOPI sceglie il web nel segno di Florence Nightingale
Domani 12 maggio sul sito e sui canali social della Federazione saranno raccolte testimonianze e contenuti esclusivi. «Non potevamo creare, proprio noi, occasioni di assembramento, né potevamo pensare di lasciare sguarniti i nostri luoghi di lavoro: gli ospedali, le Rsa, il territorio, in questo giorno che pure rappresenta una festa segnata in rosso sul calendario degli infermieri di tutto il mondo» spiega la presidente FNOPI, Barbara Mangiacavalli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco