Lavoro 19 Marzo 2020 16:55

Solidarietà per ASST Santi Paolo e Carlo. Ma il direttore avverte: «Emergenza fino all’estate senza atteggiamento responsabile»

Il direttore Matteo Stocco: «156 ricoveri, 30 in terapia intensiva: numeri in crescita costante. Mancano respiratori e CPAP»

di Federica Bosco

Milanesi solidali donano denaro, apparecchiature, ma anche cene gourmet, creme per le mani e mettono a disposizione persino appartamenti per far riposare il personale tra un turno e l’altro. La fantasia, come la generosità non sembra mancare ai donatori dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano.

Il direttore dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano Matteo Stocco, in video collegamento con noi, ringrazia ma non nasconde il timore che l’emergenza possa protrarsi fino all’estate se non si adotta un atteggiamento più responsabile. «L’ultimo conteggio – spiega – era di 156 ricoverati, 30 in terapia intensiva e almeno 50 sostenuti da apparecchiature per la respirazione, la situazione nei pronti soccorsi è stabile, ma in costante aumento non ancora esponenziale, speriamo che tenga».

LEGGI ANCHE: SPORT, SPETTACOLO, POLITICA: IL LUNGO ELENCO DEI ‘FAMOSI’ COLPITI DAL CORONAVIRUS

Nei giorni scorsi abbiamo visto una grande generosità degli italiani e dei milanesi, anche voi avete ricevuto molto?

«Dai piccoli gesti quotidiani di supporto al personale del pronto soccorso con cibo e pizze, a  materiale vario anche sanitario: abbiamo ricevuto molti saturimetri, almeno 20 monitor, e poi tante donazioni di soldi  che verranno reinvestiti nell’acquisto di apparecchiature e per aumentare il numero dei posti letto monitorati per ciò che ci aspettiamo, ovvero un aumento importante dei casi positivi. C’è poi una grande attenzione nei confronti dei nostri operati che spero rimanga anche dopo. Un’infermiera giorni fa mi ha chiesto: “Si ricorderanno di noi finita l’emergenza?” io ho risposto che  spero di sì, perché effettivamente i nostri operatori sono davvero in prima linea come mai era successo negli ultimi decenni».

Secondo lei questa situazione si protrarrà ancora a lungo?

«Gli esperti dicono di sì, purtroppo se non rispettiamo le regole, se non si rimane a casa, se non si lasciano le strade solo a chi ne ha effettivamente necessità per il bene comune, ma si continua ad approfittare della situazione per andare in giro, aumenta il numero dei casi e quindi continueremo a diluire nel tempo l’emergenza. L’invito è di rimanere a casa. È un sacrificio, ma è ancora un sacrificio più grande rimanere in trincea per curare quelli che si presentano al pronto soccorso».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ISS: «TRA COMPARSA SINTOMI E DECESSO PASSANO 8 GIORNI»

Riuscite in questo momento ancora a gestire l’emergenza?

«Con la buona volontà di tutti,  una grande professionalità e una forza incredibile che il nostro personale mette ogni giorno oggi siamo in grado di  garantire il meglio delle cure».

Cosa manca di più in questo momento?

«Personalmente credo, come amministratore dell’azienda, che manchino le apparecchiature. Si fa fatica a trovare in commercio respiratori, CPAP e dispositivi di protezione perché ormai in tutto il mondo c’è un emergenza coronavirus. E’ una pandemia e il mercato non riesce a garantire tutto a tutti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Il CNT operativo compie 10 anni. In Italia 1 trapianto ogni 2 ore e mezza
Compie dieci anni il CNT operativo, la struttura del Centro nazionale trapianti attiva 24 ore su 24 che si occupa dell’assegnazione degli organi e del coordinamento dei prelievi per tutti i programmi nazionali di trapianti. Alla cerimonia ha preso parte il ministro della Salute Orazio Schillaci
Aviaria: il Brasile dichiara emergenza sanitaria animale
Sei mesi dopo aver riscontrato diversi casi di influenza aviaria negli uccelli selvatici, il Brasile ha dichiarato lo stati di emergenza sanitaria. Sette casi sono stati segnalati nello stato di Espirito Santo, con un altro scoperto nello stato di Rio de Janeiro. La dichiarazione di emergenza rende più facile per il governo adottare misure per fermare la diffusione del virus altamente infettivo H5N1
#RegalaUnRicordo, a Milano la speciale raccolta di AIMA e Subaru per donare un ricordo a chi non ne ha più
Il progetto si tradurrà in una donazione finanziata da Subaru all’organizzazione nonprofit che da oltre 35 anni si occupa di assistere e supportare sul campo i malati di Alzheimer e le loro famiglie
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...