Lavoro 19 Marzo 2020 16:55

Solidarietà per ASST Santi Paolo e Carlo. Ma il direttore avverte: «Emergenza fino all’estate senza atteggiamento responsabile»

Il direttore Matteo Stocco: «156 ricoveri, 30 in terapia intensiva: numeri in crescita costante. Mancano respiratori e CPAP»

di Federica Bosco

Milanesi solidali donano denaro, apparecchiature, ma anche cene gourmet, creme per le mani e mettono a disposizione persino appartamenti per far riposare il personale tra un turno e l’altro. La fantasia, come la generosità non sembra mancare ai donatori dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano.

Il direttore dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano Matteo Stocco, in video collegamento con noi, ringrazia ma non nasconde il timore che l’emergenza possa protrarsi fino all’estate se non si adotta un atteggiamento più responsabile. «L’ultimo conteggio – spiega – era di 156 ricoverati, 30 in terapia intensiva e almeno 50 sostenuti da apparecchiature per la respirazione, la situazione nei pronti soccorsi è stabile, ma in costante aumento non ancora esponenziale, speriamo che tenga».

LEGGI ANCHE: SPORT, SPETTACOLO, POLITICA: IL LUNGO ELENCO DEI ‘FAMOSI’ COLPITI DAL CORONAVIRUS

Nei giorni scorsi abbiamo visto una grande generosità degli italiani e dei milanesi, anche voi avete ricevuto molto?

«Dai piccoli gesti quotidiani di supporto al personale del pronto soccorso con cibo e pizze, a  materiale vario anche sanitario: abbiamo ricevuto molti saturimetri, almeno 20 monitor, e poi tante donazioni di soldi  che verranno reinvestiti nell’acquisto di apparecchiature e per aumentare il numero dei posti letto monitorati per ciò che ci aspettiamo, ovvero un aumento importante dei casi positivi. C’è poi una grande attenzione nei confronti dei nostri operati che spero rimanga anche dopo. Un’infermiera giorni fa mi ha chiesto: “Si ricorderanno di noi finita l’emergenza?” io ho risposto che  spero di sì, perché effettivamente i nostri operatori sono davvero in prima linea come mai era successo negli ultimi decenni».

Secondo lei questa situazione si protrarrà ancora a lungo?

«Gli esperti dicono di sì, purtroppo se non rispettiamo le regole, se non si rimane a casa, se non si lasciano le strade solo a chi ne ha effettivamente necessità per il bene comune, ma si continua ad approfittare della situazione per andare in giro, aumenta il numero dei casi e quindi continueremo a diluire nel tempo l’emergenza. L’invito è di rimanere a casa. È un sacrificio, ma è ancora un sacrificio più grande rimanere in trincea per curare quelli che si presentano al pronto soccorso».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ISS: «TRA COMPARSA SINTOMI E DECESSO PASSANO 8 GIORNI»

Riuscite in questo momento ancora a gestire l’emergenza?

«Con la buona volontà di tutti,  una grande professionalità e una forza incredibile che il nostro personale mette ogni giorno oggi siamo in grado di  garantire il meglio delle cure».

Cosa manca di più in questo momento?

«Personalmente credo, come amministratore dell’azienda, che manchino le apparecchiature. Si fa fatica a trovare in commercio respiratori, CPAP e dispositivi di protezione perché ormai in tutto il mondo c’è un emergenza coronavirus. E’ una pandemia e il mercato non riesce a garantire tutto a tutti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN
Oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Primi due treni Covid free sulla tratta Milano-Roma: come funziona il servizio di FS e CRI?
Partito lo scorso 16 aprile il treno Covid free ha già conquistato i viaggiatori. Liebschner (CRI): «Così si viaggia in sicurezza e si monitora la salute della popolazione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?