Lavoro 14 Ottobre 2014

Ancora rimborsi milionari per gli specialisti: duro colpo per le casse dello Stato

Una nuova recente sentenza della Corte d’Appello di Roma riconosce altri 17 milioni a Consulcesi, che batte il suo record raggiungendo quota 362 milioni

Immagine articolo

Un’inadempienza che lo Stato sta pagando a caro prezzo. Ed il rischio che il conto sia salato è sempre più alto: ben oltre i 4 miliardi di euro. Una recente sentenza della Corte di Appello di Roma ha condannato la presidenza del Consiglio dei Ministri ad un nuovo esborso, questa volta di oltre 17 milioni.

Somma a favore dei medici specialisti tutelati da Consulcesi, che – come migliaia di colleghi, tra il 1982 ed il 2006 – non avevano ricevuto un trattamento economico nonostante una specifica direttiva europea. Sul tema sono stati presentati anche tre Ddl, già all’attenzione del Parlamento, per arrivare ad un accordo transattivo. Nel frattempo però continuano ad arrivare sentenze a favore dei professionisti della sanità: solo Consulcesi si è già vista riconoscere oltre 362 milioni. Abbiamo fatto il punto con il Presidente Massimo Tortorella.

Consulcesi non si ferma nell’ottenere rimborsi per i medici.
Siamo arrivati a un punto di non ritorno per lo Stato italiano perché, finalmente, tutti i soldi che noi ritenevamo dovessero essere rimborsati ai medici, ora vengono realmente assegnati attraverso le sentenze. Stiamo consegnando milioni ormai in tutte le Regioni, il nostro giro d’Italia continua a ritmi incalzanti: stiamo infatti rimborsando tutti quelli che ne avevano diritto ed hanno avanzato ricorso.

E il prossimo 20 ottobre una nuova, l’ennesima azione collettiva, che sempre più alletta i tanti medici che possono ancora presentare domanda di rimborso.
Sono rimasti ancora in molti coloro che hanno diritto al rimborso ma che non ne hanno ancora fatto richiesta. I tanti che non hanno creduto alle numerose sentenze emesse a favore dei professionisti da noi tutelati e che oggi si sono finalmente convinti;  per questo motivo abbiamo deciso di aprire una nuova possibilità di adesione: tutti i medici che vogliono aderire alla causa per il rimborso per gli anni di specializzazione dall’ ’82 al ’91 e dal ‘94 al 2006, per le rispettive materie,  possono ancora farlo: per il mancato riconoscimento delle borse di studio nel primo caso e per l’adeguamento a livello contributivo, nel secondo.

Con questa sentenza Consulcesi si conferma l’unica realtà in Italia e tra le prime in Europa capace di ottenere questi risultati.
Direi di sì: siamo gli unici ad essere riusciti ad ottenere tutti questi risultati e soprattutto a dimostrare che i rimborsi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, gli assegni a favore dei medici, arrivano realmente. Ma siamo stati anche capaci di stimolare le istituzioni sul problema degli specialisti, portando le loro istanze nelle aule del Parlamento, sollecitando la presentazione di ben tre Ddl;  la nostra abilità è stata quella di porre l’attenzione sui diritti dei medici, centrando risultati concreti”.

Per ulteriori informazioni è disponibile il numero verde 800.122.777 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»