Lavoro 7 aprile 2015

Anche nella Sanità “conciliare fa bene” a cittadini e P.A.

È il messaggio lanciato all’Open Day nell’Aula Occorsio della Città Giudiziaria. Il presidente del Tribunale di Roma, Mario Bresciano: “Incoraggiare la cultura della conciliazione”

Immagine articolo

Semplificare l’iter delle controversie tra cittadini e Pubblica Amministrazione, evitare di ingolfare le aule dei tribunali, ridurre i costi. Un’utopia? No, una realtà. E’ lo strumento della conciliazione, che oggi più che mai, nel mondo della P.A. e quindi anche della sanità, è importante divulgare.

Finora utilizzata principalmente per dirimere le controversie tra privati, la conciliazione è un’opportunità concessa dalla legge di cui possono avvalersi anche i dipendenti pubblici.

Proprio nei giorni scorsi si è svolto a Roma, presso l’Aula Occorsio della Città Giudiziaria, l’Open Day organizzato dall’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione: un’importante occasione di confronto tra Istituzioni, Enti, Operatori privati e singoli cittadini. Al centro del dibattito la riflessione sugli effetti che avrà la normativa, di recente introdotta, sulla negoziazione assistita: si tratta del “Dl Orlando”, convertito nella legge n.162/14. Voci concordi nel sostenere quest’iniziativa, presentata dal video esclusivo – proiettato durante la Conferenza –  realizzato dall’agenzia specializzata “Docta Comunicazione”. Entusiasmo condiviso da Mario Bresciano, presidente del Tribunale di Roma e dell’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione.

Il tema della conciliazione è un argomento delicato, che oggi viene affrontato sotto tanti punti di vista.
Sì, ed è da tanto tempo ormai che l’Osservatorio se ne sta occupando. Si tratta di incoraggiare una vera e propria cultura della Conciliazione, che tende non soltanto alla composizione stragiudiziale delle controversie, ma anche a spingere il cittadino autonomamente a conciliarsi. Un sistema che assicura e promuove la pace sociale attraverso un incontro e una concessione reciproca, e che evita di doversi rivolgere ai giudici.

E’ un messaggio importante per le istituzioni e per la magistratura.
Sicuramente è questa la direzione da intraprendere. Abbiamo un contenzioso derivante soprattutto da una grandissima litigiosità dei cittadini. E’ questa la cultura che va cambiata. La gente deve capire che il giudice non è l’unica strada, ce ne sono altre da intraprendere che sono più semplici e più rapide.

E nel video proiettato all’Open Day è proprio Andrea Orlando, ministro della Giustizia, a sottolineare il fatto che “conciliare sia una buona pratica, all’interno di un disegno positivo”.

Tags

Articoli correlati
Aggressioni medici, Grillo: «Arriva un ddl con pene più severe e aumenterà la vigilanza delle forze di polizia»
«L’ennesimo, gravissimo episodio di violenza nei confronti di una dottoressa accaduto al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania, desta nuovo sconcerto e grande preoccupazione. Purtroppo non sono casi rari e isolati, sta diventando ormai una pericolosa costante che non ha e non può avere spiegazioni in qualsiasi modo accettabili». Con queste parole, il ministro […]
Medici specializzandi: cinque richieste al mondo della politica
FederSpecializzandi, Associazione Nazionale dei Medici in Formazione Specialistica, da 15 anni porta avanti istanze per il miglioramento della formazione dei medici Italiani. Da sempre si rivolge a tutti gli attori politici e istituzionali impegnati sul fronte della formazione dei professionisti della Salute, il cuore pulsante del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Si è da poco insediato il […]
Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»
«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana
Aggressioni, la reazione al post trauma è la sindrome di burnout. Langone (psicologa): «Bisogna curare i luoghi di cura»
«Occorrono presidi psicologici e soprattutto un ambiente più sicuro per poter lavorare in serenità» così la Presidente dell'Ordine degli Psicologi della Basilicata
“I Dannati della Terra”, la salute dei migranti ai raggi X. Barbieri (MEDU): «Uno scandalo italiano dimenticato»
Migliaia di migranti arrivano ogni anno come braccianti per la stagione agrumicola nella piana di Gioia Tauro. «Condizioni di vita e di lavoro inaccettabili. Ad otto anni dalla “rivolta di Rosarno” niente è cambiato, manca la volontà politica». La denuncia del Coordinatore di Medici per i diritti umani e di OIS (Osservatorio Internazionale per la salute)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...