Lavoro 7 Aprile 2015

Anche nella Sanità “conciliare fa bene” a cittadini e P.A.

È il messaggio lanciato all’Open Day nell’Aula Occorsio della Città Giudiziaria. Il presidente del Tribunale di Roma, Mario Bresciano: “Incoraggiare la cultura della conciliazione”

Immagine articolo

Semplificare l’iter delle controversie tra cittadini e Pubblica Amministrazione, evitare di ingolfare le aule dei tribunali, ridurre i costi. Un’utopia? No, una realtà. E’ lo strumento della conciliazione, che oggi più che mai, nel mondo della P.A. e quindi anche della sanità, è importante divulgare.

Finora utilizzata principalmente per dirimere le controversie tra privati, la conciliazione è un’opportunità concessa dalla legge di cui possono avvalersi anche i dipendenti pubblici.

Proprio nei giorni scorsi si è svolto a Roma, presso l’Aula Occorsio della Città Giudiziaria, l’Open Day organizzato dall’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione: un’importante occasione di confronto tra Istituzioni, Enti, Operatori privati e singoli cittadini. Al centro del dibattito la riflessione sugli effetti che avrà la normativa, di recente introdotta, sulla negoziazione assistita: si tratta del “Dl Orlando”, convertito nella legge n.162/14. Voci concordi nel sostenere quest’iniziativa, presentata dal video esclusivo – proiettato durante la Conferenza –  realizzato dall’agenzia specializzata “Docta Comunicazione”. Entusiasmo condiviso da Mario Bresciano, presidente del Tribunale di Roma e dell’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione.

Il tema della conciliazione è un argomento delicato, che oggi viene affrontato sotto tanti punti di vista.
Sì, ed è da tanto tempo ormai che l’Osservatorio se ne sta occupando. Si tratta di incoraggiare una vera e propria cultura della Conciliazione, che tende non soltanto alla composizione stragiudiziale delle controversie, ma anche a spingere il cittadino autonomamente a conciliarsi. Un sistema che assicura e promuove la pace sociale attraverso un incontro e una concessione reciproca, e che evita di doversi rivolgere ai giudici.

E’ un messaggio importante per le istituzioni e per la magistratura.
Sicuramente è questa la direzione da intraprendere. Abbiamo un contenzioso derivante soprattutto da una grandissima litigiosità dei cittadini. E’ questa la cultura che va cambiata. La gente deve capire che il giudice non è l’unica strada, ce ne sono altre da intraprendere che sono più semplici e più rapide.

E nel video proiettato all’Open Day è proprio Andrea Orlando, ministro della Giustizia, a sottolineare il fatto che “conciliare sia una buona pratica, all’interno di un disegno positivo”.

Tags

Articoli correlati
«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook
Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto gridare, con tutto il fiato che ho in corpo, queste cose a chi “governa” la sanità in Italia ma non è possibile»
«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende
I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazione di quanto previsto nell’accordo
Ospedale IDI Roma, medici in sciopero: «Condizioni economiche drammatiche e sacrifici dei lavoratori»
Clima teso tra l’amministrazione e la dirigenza medica: domani lo sciopero indetto dall'ANMIRS. Nonostante i licenziamenti, gli stipendi non pagati per mesi e le condizioni lavorative sempre più critiche, i medici hanno continuato a lavorare per il bene dei pazienti
Celebrazione 60 anni Anaao Assomed, Troise: «Il futuro del sindacato è in mano ai giovani e alle donne»
«Una grande storia collegata all’Art. 32 della Costituzione. Rivendichiamo più occupazione e meno precarietà: la qualità delle cure dipende dal lavoro stabile e da investimenti in termini di crescita, sicurezza e formazione». Le parole del segretario Carlo Palermo ai festeggiamenti del 60° anniversario del sindacato
Malattie professionali riconosciute solo nel 34% dei casi. Calleri (CGIL): «Serve strategia nazionale su salute e sicurezza»
«Tutti gli attori devono fare la loro parte, - spiega Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale - sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro». Ad intaccare la salute dei lavoratori anche infortuni e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...