Lavoro 7 Aprile 2015

Anche nella Sanità “conciliare fa bene” a cittadini e P.A.

È il messaggio lanciato all’Open Day nell’Aula Occorsio della Città Giudiziaria. Il presidente del Tribunale di Roma, Mario Bresciano: “Incoraggiare la cultura della conciliazione”

Immagine articolo

Semplificare l’iter delle controversie tra cittadini e Pubblica Amministrazione, evitare di ingolfare le aule dei tribunali, ridurre i costi. Un’utopia? No, una realtà. E’ lo strumento della conciliazione, che oggi più che mai, nel mondo della P.A. e quindi anche della sanità, è importante divulgare.

Finora utilizzata principalmente per dirimere le controversie tra privati, la conciliazione è un’opportunità concessa dalla legge di cui possono avvalersi anche i dipendenti pubblici.

Proprio nei giorni scorsi si è svolto a Roma, presso l’Aula Occorsio della Città Giudiziaria, l’Open Day organizzato dall’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione: un’importante occasione di confronto tra Istituzioni, Enti, Operatori privati e singoli cittadini. Al centro del dibattito la riflessione sugli effetti che avrà la normativa, di recente introdotta, sulla negoziazione assistita: si tratta del “Dl Orlando”, convertito nella legge n.162/14. Voci concordi nel sostenere quest’iniziativa, presentata dal video esclusivo – proiettato durante la Conferenza –  realizzato dall’agenzia specializzata “Docta Comunicazione”. Entusiasmo condiviso da Mario Bresciano, presidente del Tribunale di Roma e dell’Osservatorio sui Conflitti e sulla Conciliazione.

Il tema della conciliazione è un argomento delicato, che oggi viene affrontato sotto tanti punti di vista.
Sì, ed è da tanto tempo ormai che l’Osservatorio se ne sta occupando. Si tratta di incoraggiare una vera e propria cultura della Conciliazione, che tende non soltanto alla composizione stragiudiziale delle controversie, ma anche a spingere il cittadino autonomamente a conciliarsi. Un sistema che assicura e promuove la pace sociale attraverso un incontro e una concessione reciproca, e che evita di doversi rivolgere ai giudici.

E’ un messaggio importante per le istituzioni e per la magistratura.
Sicuramente è questa la direzione da intraprendere. Abbiamo un contenzioso derivante soprattutto da una grandissima litigiosità dei cittadini. E’ questa la cultura che va cambiata. La gente deve capire che il giudice non è l’unica strada, ce ne sono altre da intraprendere che sono più semplici e più rapide.

E nel video proiettato all’Open Day è proprio Andrea Orlando, ministro della Giustizia, a sottolineare il fatto che “conciliare sia una buona pratica, all’interno di un disegno positivo”.

Tags

Articoli correlati
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
Dottoresse italiane discriminate, in Romania le condizioni di lavoro migliori. Tutti i risultati dell’indagine ANAAO
Dall’Italia all’Europa: come vivono e lavorano le donne medico. I risultati dell’indagine nei paesi aderenti alla Fems
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specialisti ambulatoriali, intesa su Acn 2016-2019. Magi (SUMAI): «Superate problematiche della medicina veterinaria»
Intesa raggiunta in merito al rinnovo dell’Acn 2016-2019. Proposto il riconoscimento delle tutele della maternità, l’applicazione completa della legge 104, non solo per i famigliari a carico ma anche per il singolo specialista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...